Paesaggio toscano salvato
Riccardo Chiari
«Via libera del consiglio regionale al piano elaborato dall'assessora e urbanista Anna Marson, che insieme al Mibac e allo stesso Enrico Rossi ha cancellato gli emendamenti cementificatori inseriti dal Pd locale. Ok anche di Sel e Rifondazione: "E' stato sconfitto il partito renziano"». Il manifesto, 28 marzo 2015


Il via libera è arri­vato all’ora di cena. Insieme alla cer­tezza che il Piano del pae­sag­gio della Toscana è tor­nato sui binari ori­gi­nari. Con un impianto all’avanguardia e di esem­pio per l’intero paese, stu­diato con cer­to­sina pazienza in quat­tro lun­ghi anni di lavoro dall’assessora Anna Mar­son, nella con­sa­pe­vo­lezza di dover comun­que gover­nare i fisio­lo­gici cam­bia­menti ope­rati sul ter­ri­to­rio dalla mano dell’uomo. “Il Piano – ha cer­ti­fi­cato Enrico Rossi — intende offrire una cor­nice di regole certe, fina­liz­zate a man­te­nere il valore del pae­sag­gio anche nelle tra­sfor­ma­zioni di cui è con­ti­nua­mente oggetto”. Il con­si­glio regio­nale lo ha appro­vato con il sì dei 32 con­si­glieri di cen­tro e di sini­stra, e il no dei 15 di centrodestra.

Quanta fatica però. Anche se il rican­di­dato pre­si­dente regio­nale del Pd ne ha riven­di­cato la pater­nità (“è il mio piano, non quello del governo”), è fuor di dub­bio che un inter­vento deci­sivo per sbloc­care una situa­zione diven­tata kaf­kiana sia arri­vato dal mini­stero dei beni cul­tu­rali. La cui firma sul prov­ve­di­mento è obbli­ga­to­ria – già una volta il piano era stato rin­viato al mit­tente – e che ha svolto, insieme a Rossi e alla stessa Mar­son, una vera e pro­pria riscrit­tura del Piano. Mossa obbli­gata, dopo lo stra­vol­gi­mento ope­rato in com­mis­sione da parte di un ampio pezzo di Pd che non si ras­se­gnava allo stop di con­sumo del suolo. Uno stop che peral­tro era stato già deciso nel Piano di indi­rizzo ter­ri­to­riale, di cui il Piano pae­sag­gi­stico è una integrazione.

Emen­da­mento su emen­da­mento, le ori­gi­na­rie norme di sal­va­guar­dia ela­bo­rate da Anna Mar­son, docente di tec­nica e pia­ni­fi­ca­zione urba­ni­stica all’ateneo vene­ziano, erano state pro­gres­si­va­mente stra­volte. Su tutti, ave­vano fatto inor­ri­dire gli emen­da­menti che face­vano ripar­tire le esca­va­zioni del marmo sulle Apuane in maniera pesan­tis­sima (via libera alla ria­per­tura di cave dismesse, cave seco­lari, anche cave su vette e cri­nali ancora inte­gri), e quelli che nei fatti ria­pri­vano all’edificazione costiera anche sul lun­go­mare, e per­fino sugli arenili.

Le pole­mi­che che ne sono seguite, e che hanno por­tato il mini­stro Fran­ce­schini a pren­dere pub­bli­ca­mente le difese dell’assessora Mar­son (“lei è stata capace di met­tere d’accordo Asor Rosa e Set­tis, Repub­blica e Cor­riere della Sera…”), hanno ripor­tato il Piano toscano del pae­sag­gio alle sue coor­di­nate ori­gi­na­rie, gra­zie a un super-emendamento coor­di­nato in sede mini­ste­riale. “Il testo che emerge dopo la pre­sen­ta­zione del maxi emen­da­mento è un buon risul­tato – cer­ti­fica Monica Sgherri di Rifon­da­zione — per­ché riporta il piano sostan­zial­mente a quanto adot­tato nel luglio scorso. Quindi can­cel­lando quello stra­vol­gi­mento, soprat­tutto in tema di esca­va­zione sulle Apuane e di sal­va­guar­dia delle coste, per­pe­trato in commissione”.

Il risul­tato è stato l’ok al Piano anche di Sel, Prc e Pcdi, che pure cor­rono alle ele­zioni regio­nali in alter­na­tiva al Pd e a Enrico Rossi, soste­nendo l’ottima can­di­da­tura di Tom­maso Fat­tori. Sul fronte oppo­sto, il ritardo nel via libera è stato pro­vo­cato dall’ostruzionismo di Forza Ita­lia e Fdi, che hanno depo­sto le armi solo dopo aver otte­nuto di veder moni­to­rati gli effetti del Piano sulle atti­vità estrat­tive. A cose fatte, Enrico Rossi ha ricor­dato: “Non è vero che discu­tere col mini­stero è stato umi­liante, il pae­sag­gio è un bene tute­lato dall’articolo 9 della Costi­tu­zione, che rende neces­sa­ria la copia­ni­fi­ca­zione. E’ la nostra iden­tità, il nostro mar­chio nel mondo, bel­lezza che si è pro­dotta anche attra­verso il lavoro. E con il piano siamo riu­sciti a rico­struire l’equilibrio necessario”
Sullo stesso tema
Paolo Baldeschi
Scritto per eddyburg: denuncia e analisi di un'ulteriore legge «ad civitatem» di invenzione renziana la cui vittima è ancora Firenze.
Tomaso Montanari
Enrico Rossi e Dario Nardella non discutono nel merito le decisioni del Tar che ha bocciato l'aeroporto nella piana, si sono limitati a dire: il potere lo abbiamo noi. Prima o poi pagheranno un prezzo.
Anna Marson
I ratti del PD toscano proseguono nel rosicchiare la migliore delle leggi di contrasto al consumo di suolo emanata in Italia. La rottamazione del territorio e del ruolo delle istituzioni sembra l'impegno maggiore del partito di Renzi.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg