Di chi è Piazza San Marco?
Paola Somma
Tre articoli  sui  giornali di questi giorni  suscitano una sola domanda: di chi è Piazza San Marco? E una sola risposta: la piazza, come la città, come l’intero pianeta sono ... >>>

Tre articoli  sui giornali di questi giorni  suscitano una sola domanda: di chi è PiazzaSan Marco? E una sola risposta: la piazza, come la città, come l’intero pianetasono di quelli che se ne appropriano.

1.    LeProcuratie Vecchie torneranno a vivere
(La Nuova Venezia, 6 marzo 2015)

Il commissario straordinario Zappalorto ha  firmato l’accordo con le AssicurazioniGenerali relativo alle destinazioni d’uso consentite nel complesso delleProcuratie Vecchie, una vicenda che si trascinava da molti anni (vedi PiazzaPulita su eddyburg). La parte già adibita a uffici e attività commerciali non subiràmodifiche, mentre nella parte del complesso attualmente  libera, le Generali potranno destinare “il 70%degli spazi per scopi di interesse generale a carattere culturale, scientifico,di alta formazione, di tutela della salute e dell'ambiente, di sostegno socialeo per la promozione dell'immagine della Città di Venezia. Il restante 30% potràessere destinato ad uso privato come uffici o attività compatibili con lavocazione storico-artistica dell'edificio e con la sua ubicazione nell'areamarciana”. 

Come corrispettivo a queste alquanto vaghe prescrizioni, al comuneverranno lasciati 640 metri quadri  incomodato gratuito  per vent’anni  e sarà versata una tantum la cifra di 3milioni di euro. Si tratta di un accordo più svantaggioso per il comune perfinorispetto a quello previsto dal precedente sindaco Orsoni, che chiedeva  3000 metri quadri per trent’anni, ma ilcommissario è entusiasta perché “il leone delle Generali torna a San Marco conun progetto di rilancio della presenza a Venezia in un contesto architettonico…dove tornerà a pulsare l'eccellenza di un grande gruppo che arricchiràulteriormente il prestigio e il valore di tutta l'area marciana”. Ilcommissario si dimentica di dire che tale valore verrà incamerato dalleGenerali, che hanno accortamente aspettato che la città fosse sguarnita diun’amministrazione regolarmente eletta prima di sottoscrivere l’accordo.

Nel marzo 2014, le Generali avevano occupato la piazza con una installazione, un grande paio di occhiali che “sono la metafora dell'invito a guardare il presente e il futuro con ottimismo, perché vedere la vita con positività è il primo passo per migliorarla". Un anno dopo, possono rallegrarsi di aver visto bene.


2. Mongolfiera Vuitton a San Marco senza permessi: tre indagati 
 (Corriere del Veneto, 14 febbraio 2015)


L’articolo si riferisce a un episodio del giugno 2013. quando una mongolfiera è atterrata in piazza per girare uno spot pubblicitario della ditta Vuitton. Ora è emerso che nessuno aveva i permessi necessari (sopra Venezia non si può volare, se non con specifiche autorizzazioni). Il magistrato ha emesso tre decreti penali per un importo di 500 euro ciascuno (meno del prezzo di una borsa Vuitton!). Secondo il giornalista del Corriere, sul piano giudiziario è “una vicenda di non grande conto.

Ora spetterà ai tre indagati decidere se fare ricorso o pagare la piccola multa”… ma è più seria sul piano mediatico, perché vede “uno dei marchi di punta della moda mondiale, tirato in ballo per un banale permesso mancante all’atterraggio in uno dei salotti più belli del mondo”.


3. Piazza San Marco a pagamento e con prenotazione 
 (La Nuova Venezia, 2 marzo 2015)

E’ l’idea lanciata da un “consulente turistico” partendo dall’assunto che “il numero chiuso a Venezia non è praticabile, oltre che per ovvie difficoltà, per la libera circolazione dei cittadini prevista dalla normativa internazionale, ma sarebbe invece possibile attuarlo, in determinate circostanze in Piazza San Marco, considerandola per quello che ormai è: un’area museale e monumentale”.

La proposta è stata recepita con interesse dai candidati sindaci che, senza soffermarsi sui dettagli tecnico-giuridici – ci saranno recinzioni, tornelli, vigilantes? – probabilmente pensano che se la piazza è “ormai è un’area museale”, una volta eletti, la potranno privatizzare, portando a compimento il processo di cessione delle cosiddette risorse culturali che negli ultimi mesi, durante la gestione commissariale, ha avuto una straordinaria accelerazione, inclusa la stipula di una convenzione tra i musei civici di Venezia e la Fondazione del Sole 24 Ore. La fondazione, pagando 80 mila euro per 4 anni (circa 600 euro al giorno), gestirà le mostre d’arte, tenendosi tutti gli incassi, e potrà anche organizzare travelling exhibitions, cioè portare in giro i quadri dei musei veneziani. Al comune, cioè ai cittadini contribuenti, restano le spese di guardiania e manutenzione delle sedi.



Sullo stesso tema
Paola Somma
Ripulire Venezia da poveri, mendicanti, migranti e riempirla di tanta “bella gente”
Paola Somma
Nell’articolo
Paola Somma
Nel luglio 2016, Matteo Renzi ha invitato a pranzo Jeff Bezos, fondatore e presidente di Amazon (pappa al pomodoro, filetto, gelato alla crema e vini tutti toscani) ...
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg