L’allarme delle città: «Stop agli sfratti»
Leo Lancari
Mille proroghe nella legge del governo, ma per i più deboli non c'è proroga alcunaGli assessori di Roma, Milano e Napoli contro il governo. Il ministro Lupi: «Non drammatizzate». Il manifesto, 7 gennaio2015

Le deci­sione del governo di non rin­no­vare la pro­roga degli sfratti per il 2015 rischia di tra­sfor­marsi in «una bomba sociale». A lan­ciare l’allarme su un pro­blema che non si può ridurre a una pura e sem­plice que­stione di ordine pub­blico sono stati ieri Fran­ce­sca danese, Daniela Benelli e Ales­san­dro Fucito, asses­sori alle poli­ti­che abi­ta­tive di Roma, Milano e Napoli, tre dei quat­tro Comuni ita­liani ( l’ultimo è Torino) mag­gior­mente col­piti dall’emergenza sfratti. E lo hanno fatto lan­ciando un appello al governo Renzi in cui si chiede di fer­mare l’intervento delle forze dell’ordine per quanti si tro­vano ad avere il con­tratto sca­duto, scon­giu­rando così «una situa­zione altri­menti inge­sti­bile». Un appello al quale il mini­stro dei Tra­sporti Mau­ri­zio Lupi ha rispo­sto invi­tando i tre asses­sori a «non dram­ma­tiz­zare». per l’emergenza casa, ha detto Lupi, «il governo nel 2014 non è stato a guar­dare, anzi ha final­mente imboc­cato una strada nuova, cosciente che l’emergenza andava affron­tata in modo più radi­cale e e non con lo stru­mento vec­chio e logoro della proroga».

Il pro­blema nasce con al fine dell’anno e l’approvazione del decreto Mil­le­pro­ro­ghe senza l’abituale pro­roga degli sfratti per fine loca­zione. Un inter­vento giu­sti­fica dal mini­stero delle Infra­strut­ture con il fatto che nel decreto casa sono già attivi due fondi per un totale di 446 milioni, e salu­tato con sod­di­sfa­zione da Con­fe­di­li­zia, l’organizzazione dei pro­prie­tari immo­bi­liari per il cui pre­si­dente Cor­rado Sforza Fogliani, il governo ha messo fine a quella che era ormai diven­tata una «litur­gia». In realtà si tratta di un auten­tico dramma per le fami­glie inte­res­sate, circa 30 mila in tutta Ita­lia, che rischiano adesso di ritro­varsi con la poli­zia alla porta di casa. Tanto più se si con­si­dera che si tratta di fami­glie par­ti­co­lar­mente disa­giate dal punto di vista economico(il prov­ve­di­mento riguarda quanti hanno un red­dito infe­riore ai 27 mila euro annui lordi) oppure con a carico un parente anziano, por­ta­tore di han­di­cap o malato ter­mi­nale. «Non sono fami­glie che vogliono restare nella casa in cui sono per­ché par­ti­co­lar­mente attratte da quell’abitazione, ma per­ché non sono in con­di­zione di tro­vare sul mer­cato un altro allog­gio ade­guato alle loro ristrette pos­si­bi­lità», ha denun­ciato nei giorni scorsi il segre­ta­rio gene­rale del Sunia Daniele Barbieri.

Nei pros­simi giorni i tre asses­sori por­te­ranno la que­stione sfratti anche all’attenzione dell’Anci ma i tempi sono stretti e la situa­zione rischia dav­vero di diven­tare esplo­siva in tutta Ita­lia, dove le fami­glie a rischio sfratto sono tra le 30 e le 50 mila.

Quella legata agli sfratti è un’emergenza ulte­rior­mente aggra­vata dalla crisi eco­no­mica. Dal 2008 a oggi Roma ha regi­strato oltre die­ci­mila sen­tenze per finita loca­zione, Napoli 4.500 e Milano 4.000. Anche se lo stesso Vimi­nale ammette di no avere dati certi, il 70% delle fami­glie inte­res­sate dal prov­ve­di­mento ha i requi­siti pre­vi­sti dalla legge per otte­nere una pro­roga. Delle oltre 70 mila sen­tenze di sfratto emesse nel 2014 in Ita­liane sono state ese­guite 30 mila il 90% delle quali per moro­sità spesso incol­pe­vole. In pra­tica nel nostro paese si ese­guono media­mente 140 sfratti al giorno con la forza pub­blica e se si esclu­dono le fami­glie pro­prie­ta­rie di case e gli asse­gna­tari di alloggi pub­blici, que­sto signi­fica che ogni anno in Ita­lia uan sen­tenza di sfratto quasi sem­pre per moro­sità incol­pe­vole, tocca una fami­glia su quattro.

Defi­nire allar­mante un simile qua­dro della situa­zione è a dir poco ridut­tivo. La pro­roga sarebbe dovuta ser­vire pro­prio per inter­ve­nire in aiuto a que­sti nuclei fami­liari, che il governo ha invece pre­fe­rito igno­rare garan­tendo in com­penso un inter­vento a soste­gno di ade­guati piani casa da parte dei comuni,. Inter­vento che, però, finora non si è visto.

Chiaro che la situa­zione rischia adesso di diven­tare incan­de­scente. «Si rischia una bomba sociale deva­stante», ha detto ieri il depu­tato di Sel Fili­berto Zaratti. «Serve un piano straor­di­na­rio che affronti e risolva l’emergenza abi­ta­tiva con stan­zia­menti di risorse per l’edilizia resi­den­ziale pub­blica e poli­ti­che abi­ta­tive che ci con­sen­tano di uscire dalla logica dell’emergenza»
Sullo stesso tema
Mauro Baioni
Un libro prezioso che offre una prospettiva d'insieme e una critica documentata sul progressivo disimpegno dello stato nel campo delle politiche abitative ultimi quattro decenni. (m.b).
Andrada Fiscutean e Sorina Vasile
Internazionale, 24 novembre 2017. Gli abitanti e la vita a Cosmopolis, una delle tante gate community per la middle class di Bucarest, lontana dalla città, recintata, vigilata, verde, sicura, e socialmente omogenea. (i.b)
hris Leslie and Jonathan Charley
The Guardian, 31 marzo e 31 ottobre 2017. Mentre si sta completando un grande progetto di rinnovamento di spazi pubblici, avanza la demolizione in massa di case economiche che sfratterà circa un milione di abitanti. (i.b)
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg