Una crisi da capire. Per resistere
Valentino Parlato
«E la nostra Ita­lia di oggi? Che sta affon­dando nelle paludi acide di que­sta lunga e pro­fonda crisi? Mat­teo Renzi non durerà a lungo, ma a cosa aprirà le porte? Tempi peri­co­losi ci aspet­tano. Biso­gna resi­stere...». Il manifesto, 5 dicembre 2014
«La sini­stra ita­liana ha tar­dato molto a rico­no­scere la natura della crisi: in par­ti­co­lare il suo carat­tere strut­tu­rale e la sua dimen­sione mon­diale. Un ritardo che le ha impe­dito di pre­di­sporre gli stru­menti neces­sari per affron­tarla in modo ade­guato; e che spiega le dif­fi­coltà e lo smar­ri­mento in cui essa è venuta tro­van­dosi, mal­grado i suoi per­si­stenti suc­cessi, rispetto ai pro­blemi reali del paese e del mondo». 
A leg­gere sem­bra un inter­vento di que­sti giorni. Si tratta invece dell’inizio della rela­zione di Lucio Magri (il secondo rela­tore era Vit­to­rio Foa) al semi­na­rio “Uscire dalla crisi o dal capi­ta­li­smo in crisi” tenuto ad Aric­cia l’8 e il 9 feb­braio 1975: quasi quarant’anni fa. Lucio Magri non era un pro­feta, ma ana­liz­zava e giu­di­cava lo stato pre­sente della crisi, nel 1975. L’attuale crisi sto­rica si era aperta già allora, ma fu assunta come una con­giun­tura, anche se seria, ma mai seria­mente ana­liz­zata e tan­to­meno affron­tata. Manca soprat­tutto l’analisi: anche oggi si ten­tano cure, ma senza un’accurata dia­gnosi del male. Un ten­ta­tivo è nel volu­metto “Una crisi mai vista”, pub­bli­cato a fine novem­bre dalla Mani­fe­sto­li­bri (si trova in edi­cola e in libre­ria) con con­tri­buti di Alberto Bur­gio, Pier­luigi Ciocca, Luigi Fer­ra­joli, Fran­ce­sco Indo­vina, Gior­gios Katrou­ga­los, Gior­gio Lun­ghini, Gio­vanni Maz­zetti, Enrico Pugliese, Guglielmo Ragoz­zino, José Maria Ridao. Dal quel 1975 si sono suc­ce­duti più di una decina di governi (fac­cio un po’ di nomi: Moro, Andreotti, Cos­siga, Spa­do­lini, Fan­fani, Craxi, De Mita, Amato, Ciampi, Prodi, Ber­lu­sconi e anche Monti).

Non tutti que­sti governi si sono com­por­tati allo stesso modo, ma nes­suno ha messo la crisi al primo posto della sua agenda e sta di fatto che stiamo affo­gando nel capi­ta­li­smo in crisi. La sini­stra è ridotta ai minimi ter­mini, par­titi dis­solti, sin­da­cati in crisi per la cre­scita della disoc­cu­pa­zione, le inno­va­zioni tec­no­lo­gi­che, le poli­ti­che dei vari governi, fon­da­men­tal­mente anti­o­pe­raie. L’attuale governo di Mat­teo Renzi pro­cede con misure rea­zio­na­rie, oltre che pro­vin­ciali. Anche la mon­dia­liz­za­zione viene affron­tata senza mini­ma­mente avere coscienza di come pro­gresso pro­dut­tivo e tec­no­lo­gie della comu­ni­ca­zione ci met­tono di fronte a una situa­zione del tutto nuova.

Crisi eco­no­mica, crisi finan­zia­ria, man­canza di una vera unità euro­pea – la Ger­ma­nia va per i fatti suoi — inde­bo­li­mento delle ban­che cen­trali, com­presa la Banca d’Italia, disat­trez­zate e impo­tenti di fronte alle novità della crisi. Su que­sto vor­rei citare il pre­zioso volu­metto di Pier­luigi Ciocca con un titolo di mas­sima ele­quenza: “La Banca che ci manca. Le ban­che cen­trali, l’euro, l’instabilità del capi­ta­li­smo”, pub­bli­cato da Donzelli.

In que­sto qua­dro dif­fi­cile, e anche peri­co­loso, non sono affatto da sot­to­va­lu­tare le ten­sioni inter­na­zio­nali (Ucraina) e il cre­scere dei flussi migra­tori verso paesi che non sono più in grado – come nel pas­sato – di uti­liz­zare que­sti aumenti di popo­la­zione, con la minac­cia di con­flitti pericolosi.

E la nostra Ita­lia di oggi? Che sta affon­dando nelle paludi acide di que­sta lunga e pro­fonda crisi? Mat­teo Renzi non durerà a lungo, ma a cosa aprirà le porte? Tempi peri­co­losi ci aspet­tano. Biso­gna resi­stere, e per resi­stere lavo­rare anche in pic­coli gruppi per un’analisi seria della crisi attuale, e su que­sto impe­gno for­mare mino­ranze attive che por­tino a ini­zia­tive poli­ti­che e cul­tu­rali, soprat­tutto per ten­tare di ripren­dere il cam­mino verso una società libera dalle catene di un capi­ta­li­smo in mas­sima crisi. Speriamo
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg