Province occupate a oltranza, oggi l’incontro con Madia
Eddyburg
I lavoratori  criticano l'abolizione della Provincia  per difendere il loro diritto al lavoro. Noi  perché l'esigenza di governare il territorio nella dimensione d'area vasta non é stata risolta, e abolire la Provincia è un tassello della distruzione del governo pubblico del territorio. Il manifesto, 23 dicembre 2014

I lavo­ra­tori delle pro­vince non si arren­dono e con­ti­nuano a occu­pare le sedi di lavoro: a Firenze hanno pas­sato in uffi­cio anche que­sta notte, a Milano si sono inca­te­nati i pre­cari. A Massa hanno insce­nato un funerale-protesta. Intanto oggi la mini­stra Marianna Madia vedrà i sindacati.

Dopo le novità intro­dotte dalla legge di sta­bi­lità, che comun­que non ras­si­cu­rano i lavo­ra­tori, oggi quindi è atteso il fac­cia a fac­cia con il governo. L’idea — spie­gano i sin­da­cati — è quella di met­tere a punto un calen­da­rio di appun­ta­menti, una sorta di road map, che con­senta di risol­vere il caos nor­ma­tivo gene­rato da quanto pre­vi­sto nella legge Del­rio di aprile scorso e dalle solu­zioni pro­po­ste oggi nell’ambito della mano­vra. La lea­der Cgil Susanna Camusso non a caso ha notato che tra le due nor­ma­tive ci sono a que­sto punto evi­denti «contraddizioni».

Il sot­to­se­gre­ta­rio Angelo Rughetti ieri ha cer­cato di ras­si­cu­rare i dipen­denti pub­blici: «Con la legge di sta­bi­lità — ha spie­gato — si attiva un per­corso paral­lelo di distri­bu­zione del per­so­nale delle Pro­vince che sarà age­vo­lato dal blocco dei con­corsi per comuni, regioni e Stato». «Il governo deve ema­nare un decreto pre­via con­cer­ta­zione con i sin­da­cati per sta­bi­lire i cri­teri» sulla mobi­lità», ha poi aggiunto, con­fer­mando che a gen­naio sarà con­vo­cato un tavolo di confronto.

«La rial­lo­ca­zione delle fun­zioni di com­pe­tenza regio­nale spet­terà alle Regioni e non al governo — ha con­ti­nuato Rughetti — Saranno que­ste che dovranno sta­bi­lire risorse umane, stru­men­tali e finan­zia­rie da desti­nare agli enti che saranno i nuovi tito­lari delle fun­zioni ammi­ni­stra­tive in que­stione. Saranno atti­vati tavoli regio­nali con la pre­senza di Comuni, Regioni e Stato per acce­le­rare la rico­gni­zione e la map­pa­tura dei posti disponibili».

Resta alta la pre­oc­cu­pa­zione, soprat­tutto sul fronte delle rica­dute occu­pa­zio­nale: «Siamo di fronte a dei tagli lineari e alla incom­pren­si­bi­lità di che cosa sarà delle dele­ghe con­crete che le pro­vince hanno oggi. La mano­vra crea degli esu­beri per i quali non è sicuro ci sia una ricol­lo­ca­zione», affer­mano i lavo­ra­tori fiorentini
Sullo stesso tema
Chiunque può usare o riprodurre le informazioni e i materiali originali contenuti nelle pagine di questo sito. Tale uso sarà tuttavia condizionato, ove si tratti di materiali propri di eddyburg.it alla citazione dell’autore così come compare nel sito e alla indicazione della fonte originaria in modo visibile e con la seguente dicitura: “tratto dal sito web eddyburg.it”. Per i materiali derivanti da altre fonti si suggerisce di rivolgersi ai relativi autori o editori.
Per sostenere l'Associazione eddyburg e le sue attività ci sono due modi non necessariamente alternativi: partecipare attivamente aderendo all'Associazione eddyburg e sostenendo economicamente le nostre attività attraverso una erogazione liberale.
Eddyburg
Enrico De Nicola, presidente provvisorio della Repubblica, Alcide De Gasperi (DC), Umberto Terraccini (PCI) firmano il 27 dicembre 1947 la Costituzione repubblicana, elaborata da una assemblea costituente di 556 rappresentanti dei partiti antifascisti.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg