Il regalo di Natale alla Brebemi
Camilla Conti
«Nella legge di stabilità 300 ml di euro per l'autostrada nata "senza soldi statali". Aiuti anche dalla Regione Lombardia, 60 ml sottratti dal fondo destinato all’edilizia sanitaria. Svelato il grande inganno chiamato project financing il miracoloso sistema che apparentemente fa finanziare le grandi opere dai privati». Il Fatto Quotidiano, 30 dicembre 2014

L’autostrada meno trafficata d’Italia la dovevano pagare i privati. E invece no. Perché alla fine tra le pieghe della legge di Stabilità 2015 approvata nelle scorse settimane dal governo spunta uno stanziamento pubblico di 300 milioni per la A35 meglio conosciuta come Brebemi. Contributo che la società concessionaria controllata da Intesa Sanpaolo e dal gruppo Gavio aveva chiesto per riequilibrare il suo piano economico e che va ad aggiungersi agli altri 60 milioni assegnati dalla Regione Lombardia prima di Natale.

A sollevare il caso è stato ieri l’Eco di Bergamo ricordando anche che il finanziamento della Regione aveva suscitato non poche polemiche anche fra lo stesso governatore Roberto Maroni, favorevole alla concessione, e il ministro ai Trasporti e alle Infrastrutture Maurizio Lupi il quale, solo pochi giorni fa, era sembrato contrario. Durante un conferenza stampa a Palazzo Lombardia aveva, infatti, evidenziato che i vertici della Brebemi spa si erano spesso vantati di essere riusciti a costruire l’autostrada solo con soldi privati: «Mentre ora ci chiedono un contributo pubblico» aveva detto. Non solo. Durante la discussione per l’approvazione della legge regionale finanziaria 2015, il capogruppo del Pd in Consiglio regionale, Enrico Brambilla ha duramente criticato la decisione della Regione di partecipare al riequilibrio del piano economico della Brebemi-A35 attraverso un contributo da 60 milioni da versare in tre anni, dal 2015 al 2017. Ad aggravare la questione, secondo Brambilla, è che i 60 milioni sono stati stanziati togliendoli dal fondo destinato all’edilizia sanitaria.

Dalla maggioranza è stato però fatto notare come anche il governo Renzi, che ha come principale partito all’interno lo stesso Pd, abbia deciso di sostenere Brebemi. Sono così affiorati i fondi pubblici inseriti attraverso un emendamento, nella legge di stabilità 2015 con un nome tecnico che passa inosservato. Si chiama “Fondo interconnessione tratte autostradali” e ha una dotazione complessiva di 300 milioni di euro che verranno stanziati, 20 milioni di euro all’anno, dal 2017 al 2031. Alla ripartizione delle risorse, da utilizzare esclusivamente in erogazione diretta, si provvede con delibera Cipe (il comitato che coordina gli investimenti statali) su proposta del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
«Nata con la promessa di autofinanziarsi, la Brebemi diventa ora l’autostrada più sussidiata del mondo», ha commentato Dario Balotta, responsabile trasporti di Legambiente Lombardia. A rendere i contributi pubblici «una farsa», secondo Balotta, ci sono poi gli sconti del 15 per cento (fino a maggio) per i pendolari annunciati da Brebemi. Dalla sua inaugurazione, avvenuta a luglio, la “direttissima” di 61 chilometri che collega Milano, Bergamo e Brescia viene utilizzata da meno di 17 mila veicoli al giorno contro i 60 mila previsti. «Inoltre - conclude l’esponente di Legambiente - lo sconto di 1,60 centesimi non basterà a far cambiare idea agli automobilisti, perché il pedaggio costerà comunque il 45 per cento in più della parallela A4».

Di certo è stato svelato il grande inganno chiamato project financing di cui aveva già scritto il Fatto Quotidiano nell’agosto scorso. Il miracoloso sistema che apparentemente fa finanziare le grandi opere dai privati perché le casse pubbliche sono vuote. Solo che alla fine paga comunque lo Stato.
Sullo stesso tema
Eddyburg
Per far fronte al pesante traffico automobilistico, il Lussemburgo eliminerà biglietti da treni, tram e autobus entro la prossima estate. E' già attivo il trasporto pubblico gratuito per i minori di 20 anni e tutti gli studenti delle scuole lussemburghesi. Qui l'articolo. (i.b.)
Guido Viale
il manifesto, 23 agosto 2018. La politica ignorante usa il crollo di Genova per rilanciare le grandi opere. Neanche i fatti, dati e rapporti scientifici, che esortano a un cambiamento del modello di mobilità e sviluppo, fanno ragionare la politica. (i.b. e m.p.r)
Gianni Gianassi
Interessi economici e politica di breve respiro trionfano su cinquant'anni di impegno per coordinare le scelte sull'area metropolitana di Firenze. Amare considerazioni di un sindaco che si è opposto al declino e all'arroganza dei tempi. (m.b.)
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg