Il premier "apre" la Variante di valico, ma la montagna continua a muoversi e c'è un tunnel in pericolo
David Marceddu
«Sopra quella galleria Ripoli ha iniziato a muoversi da quando sono partiti i lavori, perché una antica frana ha preso a muoversi diversi centimetri al mese. Nel 2011 un comitato di cittadini  aveva chiesto di fermare i lavori e ripensare il tracciato. Ma Autostrade per l’Italia è andata avanti, forte del sostegno delle istituzioni». Il Fatto Quotidiano, 9 novembre 2014

Ripoli (Bologna). A Ripoli quella di ieri è stata una giornata come le altre. La pioggia, l’umido, la nebbia sulle cime dell’Appennino a creare un paesaggio mozzafiato. E poi quelle case sbarrate e sgomberate, le crepe sui muri, gli edifici imbragati, la chiesetta interdetta ai fedeli. A valle, dentro quella galleria che è andata a risvegliare la frana su cui il paesino poggia, si è fatto festa. Ieri è arrivato il premier Matteo Renzi che ha partecipato alla cerimonia per l’abbattimento dell’ultimo diaframma del tunnel Val di Sambro. Quello che mancava per terminare gli scavi della Variante di valico, l’autostrada da 60 chilometri e quasi 4 miliardi di euro che dal 2015 dovrebbe affiancare l’Autostrada del sole nel tratto Bologna-Firenze. «Il lavoro che è stato fatto è il simbolo del Paese, che è in una galleria, in un tunnel di rassegnazione, ma ha la capacità per uscirne», ha spiegato Renzi.
Tuttavia da parte sua e da parte del numero uno di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, non una parola per chi di quest’opera ha subito soprattutto i disagi. Sopra quella galleria Ripoli ha iniziato a muoversi da quando sono partiti i lavori. Decine di persone hanno dovuto lasciare la loro casa sin dal 2011 perché una antica frana, che prima si muoveva 2 millimetri l’anno a un certo punto ha preso a muoversi diversi centimetri al mese. E con lei cammina ancora anche il viadotto della attuale Autostrada del Sole che si trova a monte del borgo. 
Nel 2011 un comitato di cittadini guidati da un geometra in pensione, Dino Ricci, aveva chiesto di fermare i lavori e ripensare il tracciato. Ma Autostrade per l’Italia è andata avanti, forte del sostegno delle istituzioni: il paese è stato riempito di strumenti per misurare gli spostamenti dei muri. Ma la frana non si è fermata. La politica, a eccezione del consigliere regionale Andrea Defranceschi, non ha fatto nulla. Si è mossa anche la giustizia: a lungo i Carabinieri della compagnia di Vergato hanno indagato sul perché di quei movimenti. La procura di Bologna, che coordinava l’inchiesta contro ignoti, ha tuttavia chiesto l’archiviazione, ma il gip Andrea Scarpa potrebbe presto chiedere la riapertura delle indagini. I problemi per l’opera sono però anche tanti altri. La galleria Sparvo, poco più a sud, dovrà essere blindata con degli anelli d’acciaio per 400 metri perché un’altra frana è andata a pressare sulla copertura. Nella parte Toscana invece, un processo sullo smaltimento dei terreni di scavo sta bloccando tutto. 
Infine una curiosità: tra gli invitati alla cerimonia, riecco Pietro Lunardi, l’ex ministro delle Infrastrutture che ha collaborato all’opera con il suo studio professionale, ma anche con il governo Berlusconi, che diede il via alla grande opera per decreto. Con lui Renzi si è fermato a lungo a parlare dopo la cerimonia: «Il premier? È grintoso come Berlusconi», la sua impressione finale.
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg