Chi è colpevole per la morte di Stefano Cucchi?
Patrizio Gonnella
Se i tribunali affermano che non è colpevole nessuno di quanti hanno torturato il ragazzo che aveva droga in tasca, e nessuno di quelli che non l'hanno curato, allora sono colpevoli quanti dovevano decretare la condanna della tortura e non l'hanno fatto. La cronaca di Eleonora Martini e un commento di Patrizio Gonnella. Il manifesto, 1 novembre 2014


TUTTI ASSOLTI
«ALLORA STEFANO È VIVO?»
di Eleonora Martini

Corte d'Assise d'Appello. Cinque anni dopo, sentenza choc per la morte del giovane detenuto. Cancellata la sentenza di primo grado che condannò sei medici del Pertini di Roma. Non accolta la richiesta di rinviare gli atti in procura. Anselmo: «Andremo in Cassazione»

«Cosa vuol dire? Che Ste­fano è vivo, è a casa e ci sta aspet­tando?». Sono le prime parole che rie­scono a dire, la madre e il padre di Ste­fano Cuc­chi, il geo­me­tra tren­tu­nenne morto una set­ti­mana dopo il suo arre­sto (avve­nuto, per pos­sesso di stu­pe­fa­centi, il 15 otto­bre del 2009) nel reparto dete­nuti dell’ospedale San­dro Per­tini di Roma. Dopo nem­meno tre ore di camera di con­si­glio, il giu­dice Mario Lucio D’Andria, a capo del col­le­gio giu­di­cante della prima Corte di Assise d’Appello, legge la sen­tenza che nes­suno si aspet­tava, nem­meno nelle peg­giore — o migliore, a seconda del punto di vista — delle ipo­tesi. Tutti assolti, i dodici impu­tati, in alcuni casi per­ché il fatto non sus­si­ste, in altri per insuf­fi­cienza di prove. I reati con­te­stati, a seconda delle sin­gole posi­zioni, erano abban­dono di inca­pace, abuso d’ufficio, favo­reg­gia­mento, fal­sità ideo­lo­gica, lesioni ed abuso di autorita'.

Can­cel­lata dun­que la sen­tenza di primo grado che aveva con­dan­nato solo i sei medici per omi­ci­dio col­poso (tranne una, rite­nuta col­pe­vole di falso), e con­fer­mata per i tre infer­mieri e i tre agenti di poli­zia peni­ten­zia­ria la pre­ce­dente asso­lu­zione. Rifiu­tata la richie­sta del pro­cu­ra­tore gene­rale di una con­danna per tutti gli impu­tati, sia pure con diverse respon­sa­bi­lità e per reati diversi, e riget­tata per­fino la richie­sta dell’avvocato di parte civile, Fabio Anselmo, di rin­viare gli atti alla pro­cura per ria­prire le inda­gini e appu­rare chi, se non gli attuali impu­tati, causò le lesioni riscon­trate — e accer­tate — sul corpo della vittima. Appena letta la sen­tenza, a dispetto di quanto teme­vano i cara­bi­nieri in ser­vi­zio d’ordine nell’aula al secondo piano di via Romeo Romei, dai ban­chi dove erano seduti i fami­liari e gli amici di Ste­fano Cuc­chi non si è levata nem­meno una voce. Com­pren­si­bil­mente in festa, invece, gli impu­tati, con i loro legali e con­giunti. 

Ila­ria, la sorella di Ste­fano che in tutti que­sti anni ha com­bat­tuto stre­nua­mente per appu­rare la verità, non può trat­te­nere lacrime. «Ste­fano è morto di giu­sti­zia, cin­que anni fa, in que­sto stesso tri­bu­nale dove, in una udienza diret­tis­sima, dei magi­strati non hanno notato le sue con­di­zioni — dice — Le con­di­zioni di un ragazzo che sei giorni dopo si è spento tra dolori atroci, solo come un cane». «È stato ucciso tre volte, e lo Stato si è autoas­solto – aggiun­gono i geni­tori, Gio­vanni e Rita Cuc­chi – andremo avanti, non ci fer­me­remo mai, lo dob­biamo a lui e agli altri ragazzi morti men­tre erano nelle mani di chi avrebbe dovuto tute­lare la loro inco­lu­mità». Dopo un attimo di sco­ra­mento, l’avvocato Anselmo riac­cende la spe­ranza: «Aspet­tiamo le moti­va­zioni della sen­tenza e poi faremo ricorso in Cassazione». 
Ieri mat­tina, prima che i giu­dici si riti­ras­sero in camera di con­si­glio, il pena­li­sta aveva chie­sto che la sen­tenza di primo grado venisse annul­lata e che venis­sero «resti­tuiti gli atti alla pro­cura per­ché la sen­tenza è nulla alla radice, visto che si è fatto un pro­cesso per lesioni senza aver prima con­te­stato il reato di omi­ci­dio pre­te­rin­ten­zio­nale». Fabio Anselmo, mostrando alla giu­ria alcune gigan­to­gra­fie del corpo di Cuc­chi, ha fatto notare che il rico­vero del gio­vane non era «avve­nuto per magrezza come qual­cuno vor­rebbe sup­porre, ma per poli­trau­ma­ti­smo. Cuc­chi — ha pro­se­guito Anselmo — non era tos­si­co­di­pen­dente. Lo era nel 2003, ma in quei giorni aveva una vita del tutto nor­male, come ci hanno rife­rito alcuni testi. Agli esami cli­nici il fun­zio­na­mento degli organi era nor­male». Ed è pro­prio que­sto pen­siero che addo­lora mag­gior­mente la fami­glia Cuc­chi: «Era un ragazzo che tra mille dif­fi­coltà stava cer­cando di ripren­dere in mano la pro­pria vita», mor­mora la signora Rita. Una sen­tenza «dis­so­nante con le con­clu­sioni della com­mis­sione d’inchieta del Senato», com­menta Igna­zio Marino che l’ha pre­sie­duta. «Molto sod­di­sfatti», invece i difen­sori dei medici e del pri­ma­rio dell’ospedale Per­tini secondo i quali «il punto nodale era ed è che esi­stono dubbi sulla causa di morte di Cuc­chi, e que­sto esclude la respon­sa­bi­lità del medici».Ma chi pro­vocò a Cuc­chi le lesioni ver­te­brali accer­tate dagli esami autop­tici e dalle peri­zie di parte? Per i pm del pro­cesso di primo grado, il gio­vane fu “pestato” nelle camere di sicu­rezza del tri­bu­nale prima dell’udienza di con­va­lida del suo arre­sto. Una ver­sione rifiu­tata dai giu­dici della Terza Corte d’Assise secondo i quali Stefano morì in ospe­dale per mal­nu­tri­zione, tra­scu­rato e abban­do­nato dai sei medici che ieri, invece, sono stati assolti. Il pestag­gio ci fu, scris­sero i giu­dici nelle moti­va­zioni della sen­tenza di primo grado, ma «plau­si­bil­mente» fu opera dei cara­bi­nieri che lo ave­vano in custo­dia, non degli agenti penitenziari. 
 
Di altra opi­nione, il pro­cu­ra­tore gene­rale della Corte d’Appello, Mario Remus, secondo il quale Cuc­chi fu pic­chiato dopo l’udienza di con­va­lida. Anche se ieri Remus, in fase di replica, ha tenuto conto del fatto che qual­che set­ti­mana fa, nelle ultime bat­tute del cor­poso iter pro­ces­suale che ha visto deporre davanti ai giu­dici quasi 150 testi­moni, la parte civile chiese l’acquisizione della testi­mo­nianza ine­dita dell’avvocato Maria Tiso che, in una mail inviata al col­lega Anselmo, ha rac­con­tato di essersi tro­vata quella mat­tina nel cor­ri­doio che con­duce all’aula 17 del palazzo di Giu­sti­zia e di aver visto Ste­fano scor­tato dai cara­bi­nieri «in con­di­zioni tali da far pen­sare a un pestag­gio subito». Prove evi­den­te­mente non suf­fi­cienti per la corte d’Appello che però non ha rite­nuto nem­meno di dover chie­dere un sup­ple­mento d’indagine.

Uno per tutti, il com­mento laco­nico di Amne­sty inter­na­tio­nal Ita­lia: «Verità e giu­sti­zia ancora più lontane


CUCCHI,INGIUSTIZIA È FATTA
di Patrizio Gonnella

Lo spirito di corpo e la tortura. In mancanza del delitto di tortura le imputazioni nei confronti di poliziotti e medici non possono che essere per reati ben meno gravi per i quali i tempi di prescrizione sono molto più brevi. Ora il processo rischia la mannaia dell’estinzione

Nes­sun col­pe­vole, dun­que tutti inno­centi. Nes­sun col­pe­vole dun­que tutti col­pe­voli. Nel pro­cesso per la morte di Ste­fano Cuc­chi ha vinto lo spi­rito di corpo, quello stesso spi­rito di corpo che da 25 anni impe­di­sce al nostro Paese di intro­durre il cri­mine di tor­tura nel codice penale. Uno spi­rito di corpo che si estende ver­ti­cal­mente dal basso verso l’alto, che si muove oriz­zon­tal­mente tra divise e camici, che col­pi­sce mor­tal­mente le per­sone e le istituzioni.
Così accade che per quasi tre decenni il Par­la­mento si è sot­tratto a un obbligo inter­na­zio­nale, in quanto con­di­zio­nato dai ver­tici della sicu­rezza. In que­sto modo hanno tutti insieme aval­lato l’idea che la vio­lenza isti­tu­zio­nale non è una que­stione di mele marce bensì una scelta di sistema.

I giu­dici della Corte d’Appello di Roma pro­ba­bil­mente moti­ve­ranno l’assoluzione di poli­ziotti e medici soste­nendo che le prove non erano suf­fi­cienti. Sup­po­niamo che sia così. Una moti­va­zione di que­sto tipo vuol dire che le prove non sono state cer­cate, o sono state tenute nascoste.

Nei casi di tor­tura vi sono poli­ziotti che devono inda­gare su col­le­ghi. Lo spi­rito di corpo ha vinto. Tutti assolti e dun­que tutti col­pe­voli. I primo col­pe­voli sono coloro che in que­sti lun­ghi anni hanno remato con­tro la cri­mi­na­liz­za­zione della tor­tura. Ne abbiamo sen­tite e viste di tutti i colori. Da chi soste­neva la tesi che biso­gna tor­tu­rare almeno due volte per com­met­tere il delitto a chi ha impe­dito la pre­vi­sione del reato pur di difen­dere i pm che inda­gano. Tutte vol­ga­rità per l’appunto.

Pro­prio ieri il Con­si­glio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite nelle quasi 200 rac­co­man­da­zioni fatte all’Italia ha riba­dito la neces­sità di punire i tor­tu­ra­tori. Da qual­che giorno è ripresa la discus­sione alla Camera di un testo di legge appro­vato la scorsa pri­ma­vera in Senato. Un testo per molti versi ina­de­guato e insod­di­sfa­cente. È stato di recente audito anche il capo della Poli­zia, Ales­san­dro Pansa il quale ha detto testual­mente che «siamo favo­re­voli, ma il legi­sla­tore valuti il rischio che la fase appli­ca­tiva, se non tipizza meglio la fat­ti­spe­cie, pro­vo­chi denunce stru­men­tali con­tro le forze dell’ordine che potreb­bero demo­ti­varle. Nes­suna difesa cor­po­ra­tiva da parte mia».

Ha fatto bene la pre­si­dente della Com­mis­sione Giu­sti­zia della Camera Dona­tella Fer­ranti a sen­tire il Capo della Poli­zia in modo che tutti dicano in modo tra­spa­rente quali sono le pro­prie idee. Ales­san­dro Pansa ha richia­mato la parola cor­po­ra­zione, parola che rimanda diret­ta­mente allo spi­rito di corpo.Va rotta la catena cor­po­ra­tiva. Spetta alle forze poli­ti­che farlo, con net­tezza. Va intro­dotto il prin­ci­pio della respon­sa­bi­lità indi­vi­duale. In man­canza del cri­mine di tor­tura si per­pe­tua l’impunità che riporta a respon­sa­bi­lità col­let­tive gravi incom­pa­ti­bili con una demo­cra­zia compiuta.

Sono tra­scorsi poco più di cin­que anni dalla morte di Ste­fano Cucchi. In man­canza del delitto di tor­tura le impu­ta­zioni nei con­fronti di poli­ziotti e medici non pos­sono che essere per reati ben meno gravi per i quali i tempi di pre­scri­zione sono molto più brevi. Ora il pro­cesso rischia la man­naia dell’estinzione. Detto que­sto noi tutti sap­piamo che non è alla giu­sti­zia che dob­biamo affi­dare la rico­stru­zione della verità sto­rica. La giu­sti­zia è per sua natura fal­lace. In que­sto caso però la verità pro­ces­suale ha deciso di vol­tarsi in modo tra­gico dall’altra parte rispetto alla verità storica.

Molte volte abbiamo chie­sto al Par­la­mento un sus­sulto di dignità. Lo chie­diamo ancora. Chie­diamo che sia appro­vata subito una legge con­tro la tor­tura in piena coe­renza con la defi­ni­zione delle Nazioni Unite. Chie­diamo che ciò avvenga nel nome di Ila­ria e dei geni­tori di Ste­fano, com­bat­tenti per la libertà e la giustizia.
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg