Sblocca Italia in deroga, c’è la kermesse
Marco Palombi
«Passa in carrozza, insomma, lo Sblocca Italia. Il governo ottiene di votare subito la fiducia, senza aspettare le 24 ore regolamentari: "dobbiamo andare a Firenze..."». Il Fatto Quotidiano, 24 ottobre 2014

È la “deroga Leopolda” e viene concessa all’unanimità. Funziona così. Il governo presenta il decreto Sblocca Italia il 12 settembre: un mischione di pessime norme che dovrebbero rilanciare la crescita. La Camera, dove il testo è in discussione, riesce persino a peggiorarlo: oltre agli orrori del governo, la commissione Ambiente inserisce tutta una serie di emendamenti non coperti durante una seduta notturna della scorsa settimana. Il testo arriva in aula mercoledì e subito la discussione viene stoppata: mancano i pareri del ministero dell’Economia proprio sulle coperture. La commissione Bilancio lavora tutta la sera di giovedì e finisce per bocciare la bellezza di 50 emendamenti. Ieri mattina, il testo torna di nuovo in aula per essere rispedito in commissione Ambiente: lì si provvede a escludere formalmente le norme scoperte.

A mezzogiorno il decreto è pronto per la discussione in Assemblea e il governo pone subito la fiducia sul testo. Pausa. Si va in Conferenza dei capigruppo per stabilire il calendario dei lavori e Maria Elena Boschi chiede ai gruppi “il favore” di non aspettare 24 ore per votare, come prevede il Regolamento, ma di concedere una deroga e iniziare la chiama fin dal pomeriggio: «Domani inizia la Leopolda», spiega la ministro. Tradotto: mica ci vorrete far stare qua invece che a Firenze? Le opposizioni lasciano fare: certe gentilezze una volta erano riservate ai congressi di partito, oggi basta una convention non ufficiale.

Lega e M5S si sono accontentate, considerandolo un successo, di trattenere due giorni in più il provvedimento a Montecitorio: il voto finale avverrà giovedì anziché martedì. Il risultato sarà che il Senato avrà ancora meno tempo per discutere il decreto e zero possibilità di modificarlo: il testo, infatti, scade l'11 novembre e arriverà a Palazzo Madama solo il 31 ottobre. Neanche due settimane in cui andrà approvato senza emendamenti con la probabile nuova fiducia.

Passa in carrozza, insomma, lo Sblocca Italia – testo peraltro su cui si formalizza l’ingresso in maggioranza degli ex vendoliani di Gennaro Migliore, che ieri hanno votato la fiducia – di gran lunga il peggior decreto dell’era Renzi. Un breve riassunto aiuterà a capire: lo Sblocca Italia contiene un incredibile prolungamento delle concessioni autostradali fino al 2038 (in cambio di 10 miliardi di investimenti che avrebbero dovuto essere già realizzati) criticato tanto dall’Autorità Antitrust che da quella dei Trasporti; restano nel testo pure tutte quelle semplificazioni autorizzative negli appalti che hanno spinto Bankitalia e l’Autorità Anticorruzione a parlare di un rischio di aumento delle mazzette; il ministero delle Infrastrutture (ai danni di Ambiente e Beni culturali) avrà l’ultima parola sul via libera ai cantieri in aree archeologiche (la Metro C di Roma); i controlli ambientali e i vincoli paesaggistici vengono indeboliti; si affida ai fondi immobiliari la cementificazione del demanio pubblico inutilizzato; si incentiva la trivellazione dello Stivale per raddoppiare la produzione di petrolio; si dichiarano tanto le trivelle che gli inceneritori “opere strategiche di interesse nazionale” ; si concede al Tesoro il potere di indicare le linee guida per investire i 20 miliardi di risparmio postale amministrati da Cassa depositi e prestiti (in “opere strategiche” peraltro). L’elenco potrebbe continuare, ma anche questo basta a dar ragione al portavoce dei Verdi, Angelo Bonelli: “Se questo decreto l’avesse firmato Berlusconi, il Pd sarebbe sceso in piazza”. Ma l’uomo nero non c’è più, sono rimasti quelli grigi.
Sullo stesso tema
Giancarlo Storto
Nel solco del piano casa di Berlusconi, prosegue la riproposizione di interventi derogatori ai piani urbanistici da parte di esponenti del partito democratico. Questa volta, attraverso un innesto al decreto sblocca-cantieri, di cui Carteinregola.it pubblica un'analisi critica. (m.b.)
Ilaria Agostini
perUnaltracittà, 19 febbraio 2019. Le ragioni di un'iniziativa di tutela delle città storiche, più che mai necessaria negli anni in cui cancellare la memoria è la premessa per l'asservimento completo di ogni valore al profitto. Qui l'articolo e riferimenti. (e.s.)
Mauro Baioni
Dieci anni fa una norma sciagurata ha consentito di impiegare gli oneri di urbanizzazione per finanziare ogni tipo di spesa corrente. Ora, meritoriamente, non si può più. La Corte dei Conti ci aiuta a fare il punto.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg