Controllo operaio
Tommaso di Francesco
«La que­stione non è più solo sin­da­cale, ma poli­tica per­ché chiama in causa con­te­nuti di rap­pre­sen­tanza e di potere». Il manifesto, 9 ottobre 201425 ottobre. Le parole di Maurizio Landini chiamano insieme a una grande manifestazione ma anche ad attivare un movimento sul controllo da parte dei lavoratori dei processi della crisi in atto, a partire dalle crisi aziendali

«Que­sto Par­la­mento non serve a niente, siamo pronti ad occu­pare le fab­bri­che»: Mau­ri­zio Lan­dini non poteva essere più espli­cito e «sto­rico», anche nel rife­ri­mento alle occu­pa­zioni di fab­bri­che che hanno con­tras­se­gnato nel secolo breve la sto­ria del movi­mento ope­raio, non solo ita­liano. Qual­cuno ci ha letto una sorta di can­di­da­tura «poli­tica», altri l’hanno vista come «nar­ra­zione» agli iscritti sin­da­cali, la Con­fin­du­stria l’ha giu­di­cata come una minaccia.

Ma le parole del segre­ta­rio della Fiom non sono una sug­ge­stione, cor­ri­spon­dono in pieno alla pre­ci­pi­tosa crisi ita­liana finita nelle mani, impro­prie, dell’apprendista stre­gone Mat­teo Renzi. Siamo infatti con la fidu­cia sul cosid­detto Jobs Act, all’ennesima ridu­zione degli spazi di demo­cra­zia, dopo la can­cel­la­zione dell’elezione diretta del Senato e l’accumulo di decre­ta­zione come mai prima nes­sun governo della Repub­blica. Ma se sui temi del lavoro si can­cel­lano le difese degli stessi lavo­ra­tori, è legit­timo o no che si alzi la loro voce e di chi legit­ti­ma­mente li rappresenta?

Ren­dendo così evi­dente che ormai la que­stione non è più solo sin­da­cale, ma poli­tica per­ché chiama in causa con­te­nuti di rap­pre­sen­tanza e di potere. Nella con­vin­zione che la man­canza di lavoro e di inve­sti­menti, non sia dovuta al peso delle tutele fin qui fati­co­sa­mente con­qui­state dai lavo­ra­tori con straor­di­na­rie sta­gioni di lotta che si vogliono azze­rare, e che non dipende dalla man­cata riforma del mer­cato lavoro tanto cara alla fal­li­men­tare destra neo­li­be­ri­sta. Ma al con­tra­rio pro­prio dalla man­cata riforma del mer­cato dei capi­tali. Vale a dire dal fatto macro­sco­pico, che que­sto governo misco­no­sce, che la crisi finan­zia­ria del capi­ta­li­smo ha deva­stato risorse e uma­nità. E che ora, come assai timi­da­mente avviene negli Stati uniti per effetto della pos­si­bi­lità di soc­cor­rere con la moneta domanda e inve­sti­menti, è neces­sa­rio un ruolo di con­trollo e impren­di­to­ria­lità del governo e dello Stato.

Men­tre in Ita­lia e in Europa, irre­spon­sa­bil­mente, invece si avvia l’itinerario oppo­sto delle pri­va­tiz­za­zioni, sman­tel­lando aziende tutt’altro che in rosso e con capa­cità di guida e indi­rizzo dell’intera eco­no­mia ita­liana e con­ti­nen­tale, pri­vata, pub­blica e cooperativa.

Ora — ed è la rifles­sione che come mani­fe­sto vogliamo rilan­ciare, anche per­ché è parte della nostra cul­tura fon­da­tiva — le parole di Mau­ri­zio Lan­dini chia­mano insieme ad una grande mani­fe­sta­zione il 25 otto­bre ma anche ad atti­vare un movi­mento sul con­trollo da parte dei lavo­ra­tori dei pro­cessi della crisi in atto, a par­tire dalle crisi azien­dali. Con­vinti che dalla crisi si esce con più demo­cra­zia non con meno, come vogliono Mat­teo Renzi e il nuovo Pd. Se tra le pie­ghe del Jobs Act com­pa­riva a gen­naio una spe­cie di fan­ta­sma di coge­stione — tutti uniti tutti insieme, il lavoro subal­terno che subi­sce il disa­stro dell’impresa capi­ta­li­stica e il padrone pro­ta­go­ni­sta del crollo — la crisi in corso pone all’o.d.g. ancora una volta il ruolo cen­trale dei lavoratori.

Si dirà: ma se le fab­bri­che non ci sono più? Non è pro­prio vero, ma quando tra­gi­ca­mente lo è, pro­viamo a capo­vol­gere lo sguardo: non ci tro­viamo forse da anni di fronte a drap­pelli di lavo­ra­tori pro­te­sta­tari che insi­stono a tro­vare un padrone che ripri­stini mer­cato e sfrut­ta­mento? Oppure, all’opposto, a fab­bri­che dismesse, con­si­de­rate ina­de­guate o obso­lete, occu­pate e riat­ti­vate dagli stessi lavo­ra­tori? E ancora ai «nuovi lavori» pre­cari o ai senza lavoro spesso in con­flitto sordo con chi il lavoro ancora ce l’ha, ma sem­pre più incerto? Tra­sfor­miamo que­sta pro­te­sta che rischia di appa­rire come rou­ti­na­ria in un pre­si­dio di fronte al fan­ta­sma del ruolo del «capi­ta­li­sta». «Siamo pronti ad occu­pare le fab­bri­che» chiama a ruolo per­fino la fun­zione del governo Renzi che, con l’austerity Ue, adesso siamo costretti a subire in una con­vi­venza forzosa.

Se come scri­veva Luigi Pin­tor «la sini­stra come l’abbiamo cono­sciuta non esi­ste più», le parole di Lan­dini rino­mi­nano la speranza.
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg