Eterodiretti
Alberto Leiss
«Certo il ter­ro­ri­smo in Ita­lia è stato scon­fitto: ma l’assassinio di Moro ha pro­dotto una ferita che ha stra­volto la poli­tica italiana». Da lì è cominciato il dramma che viviamo ancora. Perciò è importante sapere perchè  quel delitto venne compiuto. Il manifesto, 23 settembre 2014

I ter­ro­ri­sti ita­liani e in par­ti­co­lare le Br, furono ete­ro­di­retti dalle forze nazio­nali e inter­na­zio­nali che inten­de­vano bloc­care il pro­cesso poli­tico inne­scato da Moro e Ber­lin­guer alla fine degli anni ’70?
La domanda è tor­nata in occa­sione della pre­sen­ta­zione a Roma di un libro che rie­voca que­gli anni attra­verso una serie di testi­mo­nianze (Gli anni di piombo. Il ter­ro­ri­smo tra Genova, Milano e Torino 1970–1980, edito da De Fer­rari e a cura di Roberto Speciale).

Il par­la­men­tare del Pd Gero Grassi, impe­gnato nella costi­tu­zione di una terza com­mis­sione d’inchiesta sul caso Moro – che però stenta a for­marsi per man­canza di can­di­dati a com­porla – si dice certo di que­sta ete­ro­di­re­zione. Ci sarebbe qui una verità sto­rica da accer­tare, capace di riem­pire i buchi, spesso vistosi, lasciati dai pro­ce­di­menti giu­di­ziari sul rapi­mento e l’uccisione del lea­der demo­cri­stiano nel ’78.

Ema­nuele Maca­luso pre­fe­ri­sce sot­to­li­neare la con­ver­genza di obiet­tivi poli­tici tra l’autonoma forza ever­siva dei bri­ga­ti­sti e altri sog­getti poli­tici che, dalla Rus­sia di Brez­nev al Dipar­ti­mento di Stato Usa, pas­sando per altre cen­trali occi­den­tali, avver­sa­vano l’avvicinamento del Pci al governo.

In que­gli anni ero a Genova, dove il ter­ro­ri­smo rosso mosse alcuni primi passi deter­mi­nanti, cro­ni­sta all’Unità, dopo aver vis­suto la para­bola che dal momento magico del ’68 aveva pro­dotto rapi­da­mente una deriva vio­lenta. Con­di­vi­devo quindi l’impegno del mio gior­nale e del Pci in una bat­ta­glia poli­tica e cul­tu­rale con­tro i ter­ro­ri­sti e anche con­tro quella zona gri­gia dell’estremismo che non rom­peva con i «com­pa­gni che sba­glia­vano». Ricordo pole­mi­che molto dure con Il Lavoro diretto da Giu­liano Zin­cone, dove scri­ve­vano tra gli altri Gad Ler­ner, Daniele Protti, Luigi Man­coni, che verso quell’area gio­va­nile (e meno gio­va­nile) movi­men­ti­sta man­te­neva inte­resse e apertura.

Avver­tivo però il rischio di can­cel­lare in quello scon­tro, e nel clima poli­tico della «soli­da­rietà nazio­nale», anche le buone ragioni di chi cer­cava di non disper­dere la forza cri­tica del ’68, senza la quale i pro­po­siti di moder­niz­za­zione del paese mi sem­bra­vano cari­carsi di ambiguità.

In quel tanto – sem­pre troppo poco – di rie­la­bo­ra­zione della memo­ria della sini­stra e dell’Italia che si va com­piendo per la coin­ci­denza di anni­ver­sari impor­tanti (Ber­lin­guer, Togliatti, l’Unità…) e anche per la scossa pro­dotta dall’ascesa di Renzi nel Pd, non andrebbe rimossa quella sta­gione con­tro­versa e tragica.
Più che l’accertamento della ete­ro­di­re­zione delle Br a me sem­bra impor­tante rian­dare alle cul­ture costi­tu­tive di quei sog­getti: l’estremismo e il ter­ro­ri­smo, il Pci e la Dc. Lo sche­ma­ti­smo ideo­lo­gico dispe­rato di chi spa­rava e pra­ti­cava il ter­rore. I limiti nella com­pren­sione del muta­mento pro­fondo che l’Italia – e il mondo – sta­vano vivendo da parte del prin­ci­pale par­tito di governo e della più forte oppo­si­zione «comu­ni­sta» dell’Occidente.

Leggo sul Cor­riere della sera Pier­luigi Bat­ti­sta che ria­pre la pole­mica retro­spet­tiva sulla «fer­mezza»: allora non si volle trat­tare con le Br per la vita di Moro men­tre oggi si tratta con l’Isis per libe­rare gli ostaggi. Però ame­ri­cani e inglesi non lo fanno.

Forse per Moro quella via andava ten­tata. Il che per me non signi­fica che la visione di Craxi fosse per il resto più ade­guata di quella di Ber­lin­guer e dello stesso Moro (che sul ’68 fece uno dei discorsi più aperti e intel­li­genti). Certo poi il ter­ro­ri­smo in Ita­lia è stato scon­fitto: ma l’assassinio di Moro ha pro­dotto una ferita che ha stra­volto la poli­tica italiana.
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg