Bisogna fermare il rilancio dei liberisti
Gabriele Pastrello
«Dopo l'austerity le riforme strutturali . L’"austerità espansiv" elaborata da Alesina e sposata dalle istituzioni europee è fallita. Ma ora, senza autocritica, gli stessi economisti che ci hanno portato al disastro preparano un’altrettanto tragica "fase due"». Il manifesto, 4 settembre 2014

È dal fatale feb­braio 2010, quando Ale­sina pre­sentò all’Ecofin la teo­ria dell’«austerità espan­siva» che la sini­stra, poli­tica e intel­let­tuale, euro­pea com­batte con­tro l’austerità. Con poco suc­cesso, peral­tro. Ma, oggi, corre un altro rischio: che sia la stessa destra a revo­care quella linea disa­strosa, peral­tro, man­te­nen­done l’obbiettivo poli­tico di fondo. Per­ché con­tra­ria­mente a quanto soste­nuto da Gia­vazzi e Ale­sina sul Cor­riere della Sera il 29 scorso, il libe­ri­smo non è di sini­stra; soprat­tutto il loro.

Una decina di giorni fa, Gia­vazzi e Tabel­lini, sodali di Ale­sina nel soste­gno alla linea dell’«austerità espan­siva», hanno pub­bli­cato su Vox, la rivi­sta on line di un impor­tante cen­tro di ricer­che eco­no­mi­che inglesi, un pezzo in cui si legge che «la prin­ci­pale sfida che l’Eurozona oggi ha di fronte è la carenza di domanda aggre­gata». Per due eco­no­mi­sti, che ave­vano in modo inos­si­da­bile difeso le misure di auste­rità, è un cam­bia­mento non da poco. La novità è l’accento su pro­blemi di domanda. Anche se espli­ci­ta­mente non lo ammet­tono, è ovvio che il punto di par­tenza è il rico­no­sci­mento del fal­li­mento del pre­sunto ruolo espan­sivo delle misure di auste­rità, con­tra­ria­mente a come era stato orgo­glio­sa­mente annunciato.
Ma se ampliamo l’orizzonte ci accor­giamo che il rico­no­sci­mento della carenza di domanda, osti­na­ta­mente negato fino a oggi, per quanto impli­cito, è gene­ra­liz­zato. Dra­ghi nella sua rela­zione a Jack­son Hole dice: «Dob­biamo agire dai due lati dell’economia: poli­ti­che di domanda aggre­gata (sic, ndr) devono essere accom­pa­gnate da poli­ti­che nazio­nali strut­tu­rali». La carenza di domanda è il punto di con­tatto con le idee di Gia­vazzi e Tabel­lini e per­fino di Weid­mann, il pre­si­dente della Bun­de­sbank, l’acerrimo anta­go­ni­sta di Dra­ghi. E que­sta è la novità; comune. Cioè, pur man­te­nendo una reto­rica che si rifà all’austerità, le diri­genze poli­ti­che euro­pee rico­no­scono di fatto che le poli­ti­che di auste­rità sono fallite.

È su come uscirne che tor­nano a divi­dersi. Pos­siamo dise­gnare una mappa delle posi­zioni. A un estremo stanno Gia­vazzi e Tabel­lini con una pro­po­sta libe­ri­sta radi­cale di sgravi fiscali e di defi­cit. Al cen­tro Dra­ghi, che rifiuta i defi­cit e pro­pone come misura prin­ci­pale lo sti­molo mone­ta­rio. E all’altro estremo Schäu­ble con Weid­man; con­trari sia ai defi­cit che alle misure monetarie.

Vediamo le ricette. Gia­vazzi e Ale­sina ave­vano comin­ciato tempo fa sul Cor­riere della Sera pro­po­nendo un taglio del cuneo fiscale di qua­ranta miliardi (Renzi ne ha tagliati otto). Su Vox, Gia­vazzi e Tabel­lini sono arri­vati a ottanta miliardi di sgravi fiscali (6% del Pil), da recu­pe­rare con tagli di spese in tre-quattro anni, sfo­rando quindi il para­me­tro del defi­cit in misura con­si­stente. Una rivo­lu­zione (altro che i quat­tro miliardi di nuove risorse pre­vi­ste dallo Sblocca-Italia: lo 0,25% del Pil). Sul Cor­riere pochi giorni fa non hanno fatto cifre; ma que­sta è la loro proposta.

Le con­se­guenze sono ovvie. L’aspetto para­dos­sale della situa­zione è che la misura che ha mag­giori pro­ba­bi­lità di inne­scare quan­to­meno spunti di ripresa, rispetto alle altre, è quella di Gia­vazzi e Tabel­lini, che è anche quella con il più duro segno di classe. Poli­tica che ini­zia con sgravi per met­ter potere d’acquisto soprat­tutto nelle mani di ceti abbienti e con­ti­nue­rebbe, nei tre-quattro anni suc­ces­sivi, o più, per recu­pe­rare tutto lo sgra­vio a spese dei ceti medio-bassi: i tagli di spesa per l’appunto, con l’esito di un’esplosione della disuguaglianza.

La ricetta è com­ple­tata dalle «riforme strut­tu­rali» del mer­cato del lavoro, che dovreb­bero evi­den­te­mente garan­tire che l’aumento di domanda, gestito dai red­diti medio-alti, che even­tual­mente seguisse non intac­casse la Grande Mode­ra­zione sala­riale attra­verso una ridu­zione della pre­ca­rietà del lavoro; che va invece garan­tita, anzi approfondita.

Su que­sto punto non c’è dif­fe­renza con Dra­ghi, che nel discorso di Jack­son Hole riba­di­sce la sua nota insi­stenza sulle «riforme di strut­tura», cioè l’aumento della fles­si­bi­lità del lavoro, in tutti i sensi, come chiave della ripresa. Ripor­tando l’esempio di Gre­cia e Spa­gna, come i paesi che, gra­zie a que­ste «riforme», si sareb­bero lasciati die­tro la reces­sione, il che com’è noto è sem­pli­ce­mente un’interpretazione pre­te­stuosa dei fatti.

Peral­tro, è fin dal gen­naio 2012 nell’intervista al Wall Street Jour­nal che Dra­ghi si è fatto pala­dino di una linea di com­pres­sione sociale, nei due lati di ridu­zione della coper­tura del wel­fare e delle difese con­trat­tuali dei lavo­ra­tori. Quest’ultimo motivo, costante e ripe­tuto, sem­bra assu­mere oggi un nuovo signi­fi­cato: cioè la ridu­zione dra­stica delle difese con­trat­tuali pare essere diven­tata la con­di­zione ‘poli­tica’ dell’abbandono delle poli­ti­che di austerità.

A Jack­son Hole Dra­ghi ha aperto uno spi­ra­glio agli sgravi fiscali, per quanto molto più mode­rato di Gia­vazzi e Tabel­lini, ma che comun­que gli ha gua­da­gnato i rab­buffi della Mer­kel. Gli sgravi fiscali, pure utili, devono essere com­pen­sati da tagli di spese. Niente sfo­ra­mento del defi­cit. Per Dra­ghi, invece, lo sti­molo espan­sivo deve venire dall’annunciata poli­tica mone­ta­ria. Di cui ha già messo in opera una prima tran­che, ma con scarsi risul­tati. E con il rischio che una fase molto più decisa possa inne­scare una bolla edi­li­zia molto più che una ripresa industriale.

Anche Schäu­ble e Weid­man ovvia­mente par­tono da una carenza di domanda. Ma si pre­oc­cu­pano che ven­gano rispet­tati alcuni tabù. Che non si resti­tui­scano spazi di auto­no­mia alle poli­ti­che fiscali dei paesi in defi­cit, allen­tando la pres­sione sui loro bilanci. Che le misure di rilan­cio non siano mone­ta­rie; cioè che la plan­cia di comando non sia a Fran­co­forte, ma a Ber­lino. Da cui l’idea che l’unico sti­molo all’economia euro­pea debba venire dalla cre­scita della domanda interna tede­sca, via aumento dei salari dei lavo­ra­tori tede­schi. Natu­ral­mente per gli altri paesi vale sem­pre la linea della «sva­lu­ta­zione interna», via «riforme strut­tu­rali». Riba­dendo la linea della subor­di­na­zione gerar­chica degli altri paesi al neo-mercantilismo tede­sco; linea di «impe­ria­li­smo intra-europeo», mai seria­mente con­tra­stata dall’Spd.

Non è da esclu­dere che, fal­lendo altre misure, passi alla fine quella di Gia­vazzi e Tabel­lini. Ma una cosa, dal fatale 2010, rimane immu­tata: che l’uscita da que­sta crisi debba avve­nire in dire­zione oppo­sta a quella presa dall’uscita roo­se­vel­tiana dalla crisi del 1929: mag­giore difesa dei lavo­ra­tori (i sin­da­cati si svi­lup­pa­rono impe­tuo­sa­mente dopo il Wag­ner Act del 1935) e soste­gno alla domanda sia con pro­grammi mirati che, in gene­rale, con l’aumento della spesa pub­blica e del defi­cit come stru­mento redi­stri­bu­tivo verso i red­diti medio-bassi. Ma che, invece, gio­cando sull’indebolimento sia dei gruppi sociali che delle loro orga­niz­za­zioni dovuto alla crisi, giunga alla mas­sima revoca pos­si­bile delle con­ces­sioni, strap­pate in quella con­giun­tura, com­pa­ti­bile con il man­te­ni­mento di un qua­dro demo­cra­tico (ma non vale per tutti; vedi Mar­chionne, o JpMorgan).



La morale è che i libe­ri­sti sono temi­bili quando sosten­gono l’austerità, ma lo sono ancora di più quando pro­pon­gono il rilancio.
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg