Allarme per le coste: «Nuovi incubi dallo Sblocca Italia»
Pier Giorgio Pinna
«L’introduzione di un titolo concessorio unico comprensivo delle attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi» abolisce la consultazione pubblica preventiva sulle grandi opere. La Nuova Sardegna, 22 settembre 2014

Sassari. L’allarme per la tutela dell’ambiente è preciso, circostanziato: «Il decreto Sblocca Italia crea nuovi incubi naturalistici e sociali per le coste dell’isola». Perché, secondo il Gruppo d’intervento giuridico - Amici della terra, «fa nascere un pasticcio che produce violazioni costituzionali».

«Con la tecnica di mettere tutto nello stesso calderone, in modo da rendere le disposizioni quasi illeggibili, sono state consentite aperture e deroghe contrarie alle norme generali del diritto», sostiene il portavoce dell’associazione, Stefano Deliperi.  E tutto ciò, aggiunge l’ecologista, specialista in questi aspetti giuridici, si ripercuote a cascata su una serie sterminata di settori. Si va dall’energia alle procedure per la valutazione ambientale dei singoli progetti. Dai criteri per la gestione del demanio sino a possibili strade privilegiate per la predisposizione di varianti urbanistiche automatiche. Le riserve. Dubbi e perplessità sul testo centro delle polemiche erano state espresse dagli ambientalisti nelle scorse settimane.

Adesso Grig ha deciso di denunciare pubblicamente quel che sta succedendo, con particolare attenzione come sempre ai riflessi negativi per l’isola. «Come già osservato a prima vista e in successivi approfondimenti, da questo provvedimento scaturisce qualche luce, per esempio sui provvedimenti sostitutivi in tema di fondi comunitari o per il risanamento idrogeologico, ma a risaltare sono soprattutto le ombre – sottolinea con determinazione Deliperi – In particolare per quanto concerne le terre e rocce da scavo e il settore energetico. Dalle ricerche e dalle estrazioni petrolifere e metanifere alle infrastrutture d’importazione, trasformazione e stoccaggio dei gas».

I dettagli. A questo proposito l’esponente ambientalista cita un passaggio del decreto. «. Si aumentano i rischi per l’ambiente. Vengono messi a repentaglio e i contesti economico-sociali locali. E questo per non parlare delle norme di gestione del territorio e di tutela del paesaggio». Per il Bel Paese si addensano veri incubi, osserva Deliperi. «Più che di “Sblocca Italia”, di fronte a quest’allarme mi sembra piuttosto il caso di gridare: “Svegliati, Italia!”». afferma il dirigente ecologista.

I dubbi fortissimi di costituzionalità, per gli ambientalisti, derivano dal fatto che nel decreto non si è tenuto conto delle prerogative per la difesa del paesaggio che possono vantare sia Regioni a Statuto speciale come la Sardegna sia il ministero dei Beni culturali. Una situazione che d’ora innanzi la giunta Pigliaru e il Mibac dovranno monitorare con attenzione, visti i precedenti che negli anni si sono accumulati in Sardegna negli attentati al territorio.

Reticenze e omertà. Se non ci fosse stata in queste ore la pubblica denuncia degli ecologisti, con ogni probabilità l’intero pacchetti di provvedimenti avrebbe tardato a essere svelato e valutato a fondo. «Perché su tutta faccenda è stata fatta calare una coltre di silenzio - attacca ancora Stefano Deliperi – Il che non mi pare per niente secondario, visto che presumibilmente un testo del genere andrà a cozzare pure contro le norme generali del diritto comunitario. Specie per quel che concerne le operazioni di scavo e i lavori per realizzare tunnel e gallerie. Nelle quali viene autorizzato l’uso di additivi chimici per le frese delle macchine perforatrici».

Quadro desolante. Pericoli anche per i beni del Demanio: «Sarà sufficiente che i Comuni firmino “accordi di programma” col ministero competente perché ottengano varianti urbanistiche – denuncia in conclusione il leader di Grig – E da quel momento alla posa dei primi mattoni passerà ben poco tempo. Così come all’avvio di tutta un’altra serie di percorsi per rendere inoffensive le disposizioni complessive a tutela dell’ambiente».
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg