Grandi navi e corruzione. Ricominciare su può. Anzi, si deve
Giorgio Salvetti
In Laguna i drammi s'intrecciano. Lotta contro il minacciato Canale Contorta, discussione sullo scandalo Mose-Orsoni. Felice Casson dice cose sagge sul Mose  ma non comprende che a Ca' Farsetti bisogna cambiare  tutto e subito. Il manifesto, 8 giugno2014



NO GRANDI NAVI BLOCCATI I CROCIERISTI
di Ernesto Milanesi

La rete da can­tiere «sigilla» la Marit­tima. Il peo­ple mover s’inceppa al Tron­chetto e viag­gia a vuoto. La caro­vana dei cro­cie­ri­sti per quat­tro ore resta bloc­cata. Con le sagome delle «città gal­leg­gianti» affi­date alla pro­te­zione delle forze dell’ordine.

In un migliaio hanno sfi­dato la mas­sima calura river­be­rata da asfalto e cemento, pur di dar fiato alla Vene­zia che si spec­chia nella laguna e oggi nell’edizione numero 40 della Voga­longa con 1.800 imbar­ca­zioni iscritte. Qui, da sem­pre, si rispetta l’equilibrio fra terra e mare, acqua dolce e salata, idrau­lica della Sere­nis­sima e flussi invi­si­bili. Qui si voga, non solo in gon­dola sul Canal Grande, e si impara a non tur­bare la «grande bel­lezza» che resi­ste da secoli. Ma l’estate 2014 di Vene­zia è un mare di guano: il muni­ci­pio senza sin­daco, con il cen­tro­si­ni­stra diviso su come girare pagina; la Bien­nale di Archi­tet­tura inau­gu­rata con la noti­zia di 35 arre­sti più un cen­ti­naio di inda­gati per lo scan­dalo Mose che fa il giro del globo; la car­to­lina del busi­ness turi­stico che fatica ad andare in porto.

La Grande Opera da 5 miliardi (tan­genti, con­cus­sioni e «sti­pendi paral­leli» incor­po­rati) ha nutrito i can­ni­bali di «Vene­zia Nuova», delle imprese fuori mer­cato e dei poli­tici sus­si­diari al sistema della con­ces­sione unica. Le Grandi Navi rap­pre­sen­tano l’altra fac­cia della stessa meda­glia: lo stu­pro della città-pesce con lo stra­scico di lobby, mono­poli e affari. Così in piaz­zale Roma si sro­tola l’enorme stri­scione che era stato issato sul cam­pa­nile di piazza San Marco: tor­nano pro­ta­go­ni­sti comi­tati, cen­tri sociali, ambien­ta­li­sti e sem­plici cit­ta­dini. Alle 14 si para­liz­zano il ter­mi­nal, il ponte della libertà e i tra­sporti: parte solo il cor­teo che resti­tui­sce musica, cori e bandiere.

«Que­sta è l’ennesima lotta a cui sono chia­mati tutti coloro che al di la delle parole nei fatti com­bat­tono la piog­gia di abusi che si com­pie quo­ti­dia­na­mente in que­sta città: dal malaf­fare intorno al Mose fino alla gestione del Porto» com­menta Camilla Sei­bezzi, con­si­gliera comu­nale della lista In Comune. La mani­fe­sta­zione scol­lina verso la rotonda all’ingresso della Marit­tima: #tut­ti­giu­per­terra. Per ore non si pas­serà più attra­verso la rete dei corpi. I «mostri del mare» aspet­te­ranno cro­cie­ri­sti con armi e baga­gli, abban­do­nati al loro destino. Poli­zia, finan­zieri, vigili con­trol­lano con discre­zione. Qual­che auto­mo­bi­li­sta scal­pita e qual­che turi­sta prova a farsi largo bru­sca­mente, ma il blocco viene soste­nuto dalla «dele­ga­zione» che ha appena para­liz­zato la mono­ro­taia che col­lega piaz­zale Roma al Tronchetto.

Con­fusi fra i mani­fe­stanti, il sena­tore M5S Gio­vanni Endrizzi e il sere­nis­simo auto­no­mi­sta Franco Roc­chetta (arre­stato il 2 aprile con altri 24 “indi­pen­den­ti­sti veneti” accu­sati di ter­ro­ri­smo) men­tre una mezza doz­zina di Raixe Venete regge lo stri­scione e i ban­die­roni con il leone alato. Poco lon­tano la dele­ga­zione di Rifon­da­zione con il con­si­gliere regio­nale Piero Pet­tenò e quello comu­nale Seba­stiano Bon­zio. Ad asse­diare la Marit­tima anche i Comi­tati Opzione Zero della Riviera del Brenta minac­ciata dalle solite colate di cemento e Legam­biente che ha pro­dotto elo­quenti dos­sier sul “modello veneto” for­mato affari & poli­tica. Beppe Cac­cia, con la testa pro­tetta dall’elegante panama, esi­bi­sce l’interrogazione pre­sen­tata a Ca’ Far­setti il 9 novem­bre scorso. Si legge testual­mente: «Vi è il con­creto rischio che — in caso di appro­va­zione dello scavo del canale Con­torta Sant’Angelo — la rea­liz­za­zione di tale opera per un valore com­preso tra i 200 e 350 milioni di euro sia affi­data senza alcuna tra­spa­rente pro­ce­dura ad evi­denza pub­blica al Con­sor­zio Vene­zia Nuova». A bene­fi­cio della rotta delle Grandi Navi, il pre­si­dente del Porto Paolo Costa (ex sin­daco e ret­tore, ex euro­par­la­men­tare Pd e com­mis­sa­rio per la super-base Usa a Vicenza) conta di “allar­gare” l’attuale canale 4x2 metri fino a 200x10. E insieme al Magi­strato alle Acque si sarebbe affi­dato a Pro­tecno Srl, società di Noventa Pado­vana, e alla cop­pia di inge­gneri Daniele Rinaldo (già diret­tore in vari can­tieri del Cvn) e Maria Teresa Brotto (ex ad di The­tis arre­stata il 4 giugno).

Poco dopo le 18, il blocco si con­clude con il sound system che accom­pa­gna le ban­diere No Grandi Navi di nuovo in piaz­zale Roma. Davanti ai can­celli del porto turi­stico restano i falò che fuori sta­gione ricor­dano un po’ la Befana della sus­si­dia­rietà. Sul pelo dell’acqua Vene­zia si sente final­mente un po’ più libera dal cap­pio delle cric­che, pronta a scac­ciare l’incubo dei “Tir del mare” con il varo della nuova festa del popolo del remo.

CASSON: “MOSE UN GRAVE DISASTRO POLITICO PRIMA CHE GIUDIZIARIO”

La gra­vità poli­tica di quello che è suc­cesso riguardo al Mose è ben peg­giore dei fatti rile­vanti da un punto di vista giu­di­zia­rio”. Felice Cas­son, cele­bre magi­strato vene­ziano, oggi sena­tore del Pd, è con­vinto che la lunga vicenda del Mose avrà nuovi svi­luppi anche al di là dell’inchiesta.

Per vent’anni i magi­strati sono sem­brati gli unici in grado di cam­biare l’Italia e invece a sca­denza rego­lare ci tro­viamo di fronte agli stessi feno­meni. Come se ne esce?

Ho sem­pre detto che la magi­stra­tura non può risol­vere pro­blemi sociali, eco­no­mici e poli­tici come il ter­ro­ri­smo, la piega della cri­mi­na­lità orga­niz­zata, i cri­mini ambien­tali e la cor­ru­zione. Avere dele­gato que­sta mis­sione sal­vi­fica solo nelle mani dei magi­strati è stato un errore. Per que­sto a distanza di vent’anni si ritro­vano le stesse per­sone al cen­tro dei traf­fici cor­rut­tivi. Sono sem­pre stati lì: la cor­ru­zione è dila­gata, è solo cam­biata gra­zie a mec­ca­ni­smi sem­pre più sofisticati.

Cosa si può fare sia dal punto di vista nor­ma­tivo che sul piano etico e politico?
Se aves­simo affron­tato il tema nei decenni scorsi al posto di elu­derlo ora avremmo for­mato gene­ra­zioni edu­cate al rispetto della lega­lità e dell’etica sociale. L’educazione è fon­da­men­tale, non pro­duce risul­tati imme­diati ma è un inve­sti­mento sul futuro. Non si può sca­ri­care tutto sui magi­strati, ma nep­pure solo sulla scuola, sulla poli­tica o sul volon­ta­riato. Ognuno deve fare la pro­pria parte.

Per Renzi il pro­blema non sono le leggi ma i ladri. Così non si rischia di sci­vo­lare su un piano pre­po­li­tico, è dav­vero e solo una que­stione morale più che politica?
Il ruolo della parte nor­ma­tiva è impor­tante. Ad esem­pio credo che la legge Seve­rino sia lar­ga­mente insuf­fi­ciente e che vada rivi­sta. E quello che sta­vamo facendo in com­mis­sione giu­sti­zia al Senato ma ci siamo dovuti fer­mare dato che il governo ha annun­ciato la pre­sen­ta­zione di un dise­gno di legge.

Ieri Renzi ha annun­ciato prov­ve­di­menti nel giro di poche set­ti­mane eppure da più parti si aspet­ta­vano inter­venti più rapidi. Come spiega i ritardi e come giu­dica que­sti annunci?
Qui si va pro­prio al nodo poli­tico della que­stione. Con­di­vido il fatto che non si indulga alla ten­ta­zione dei con­ti­nui spot. Ma Renzi ha il pro­blema di con­vin­cere la sua mag­gio­ranza che in tema di giu­sti­zia quasi sem­pre si spacca. Ncd vota con Forza Ita­lia e Lega e le riforme pas­sano solo con l’appoggio di Sel e M5S. Parlo delle leggi ber­lu­sco­niane da rifare come il falso in bilancio.

Il governo ha anche il pro­blema di rea­liz­zare le opere, belle o brutte che siano. Un New deal ita­liano è molto com­pli­cato se la spesa pub­blica fini­sce in corruzione.
Biso­gna valu­tare opera per opera. Sul Mose credo sia neces­sa­ria una valu­ta­zione scien­ti­fica che non c’è mai stata: tor­nare indie­tro è dif­fi­cile, i lavori sono stati già fatti all’86%, ma la manu­ten­zione da sola costa 25–25 milioni all’anno. Una rifles­sione è necessaria.

Come vive il fatto che in que­ste inchie­ste siano coin­volti anche per­so­naggi vicini al Pd?
Molto male. Incon­tro cit­ta­dini arrab­biati. Biso­gne­rebbe comin­ciare ad appli­care con rigore le regole che si è dato il Pd, per esem­pio dare un limite al rin­novo dei man­dati e farla finita con i doppi incarichi.

A Vene­zia si deve tor­nare al più pre­sto alle urne?
Il sin­daco farà le sue scelte ma ora la mag­gio­ranza deve assu­mersi la respon­sa­bi­lità di tute­lare i vene­ziani. Biso­gna appro­vare il bilan­cio e garan­tire i ser­vizi sociali. La for­mula conta poco e anche la data delle elezioni.

Si parla già del pros­simo sin­daco, qual­cuno ha fatto il suo nome o quello dell’assessore all’ambiente Gian­franco Bet­tin, che ne pensa?
Deci­de­ranno le pri­ma­rie, ci sono già 5 o 6 can­di­dati. Io non sono fra loro. A me piace il mio lavoro in Senato.
Sullo stesso tema
Alessandro Gilioli
«Se usciamo dalla logica del ring e del chi "ha vinto", è stato interessante vedere, dietro quei due signori, tutta la crisi della democrazia contemporanea: un sistema di autogoverno dei cittadini che la cultura occidentale ha elaborato in diversi secoli, con molta fatica e molto sangue, e che adesso attraversa una crisi epocale». L'Espresso online, blog "Piovono rane", 1° ottobre 2016
Pietro Raitano
Per la prima volta da quando l’uomo è sulla Terra, la sua presenza si è rivelata talmente invadente -e capace di modificare la Natura- che è stato coniato un termine per indicare l’era geologica attuale: Antropocene. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo reagire con rigore: la nostra generazione ha il dovere -e il diritto- di cambiare le cose.
Pavlos Nerantzis
La sinistra radicale greca ha come suo leader un politico serio e capace di convincere e vincere. La scommessa della Grecia è una speranza per l'Europa e per l'Italia, e un augurio per l'anno che inizia domani.
Ultimi post
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg