La questione meridionale ora è diventata europea
Valentino Parlato
«Paul Krugman ha parlato di «mezzogiornificazione» delle periferie continentali. Sarebbe utile ristudiare cosa è accaduto in Italia quando i governi incitavano a emigrare, esattamente come oggi nel sud Europa». Il manifesto, 18 aprile 2014 (m.p.r.)


In un mondo con un’economia sem­pre più glo­ba­liz­zata era del tutto ragio­ne­vole che gli stati euro­pei si pro­po­nes­sero l’unificazione dell’Europa. È con que­sta con­si­de­ra­zione che si è arri­vati all’euro e all’attuale unione incom­piuta: il Par­la­mento euro­peo (da eleg­gere il 25 mag­gio pros­simo) conta assai poco e manca ancora un governo dell’Unione euro­pea. In que­sto pro­cesso di uni­fi­ca­zione, i paesi eco­no­mi­ca­mente più deboli – Por­to­gallo, Ita­lia, Gre­cia e Spa­gna (chia­mati sprez­zan­te­mente Pigs) — si sen­tono disar­mati di fronte alle eco­no­mie più forti, soprat­tutto Ger­ma­nia e Fran­cia, la cui pro­du­zione di merci è deci­sa­mente più com­pe­ti­tiva, e ci sono pres­sioni per tor­nare alle monete nazio­nali. La situa­zione attuale di que­sti paesi è sotto i nostri occhi: disoc­cu­pa­zione, imprese che chiu­dono, emi­gra­zione. Feno­meni que­sti che aggra­vano ulte­rior­mente le attuali dif­fe­renze di pro­du­zione e com­pe­ti­ti­vità. Si aggiunga che, al posto di uno stato uni­ta­rio euro­peo che batta moneta e rea­lizzi una sua poli­tica eco­no­mica per fron­teg­giare tali dispa­rità, c’è la mal­fa­mata Troika (Fondo mone­ta­rio, Banca cen­trale euro­pea, Com­mis­sione euro­pea), cioè il governo delle banche.

Rispetto a que­sta uni­fi­ca­zione euro­pea, noi ita­liani abbiamo la dura e sto­rica espe­rienza della nostra uni­fi­ca­zione nazio­nale e dell’ormai famosa “que­stione meri­dio­nale”. Oggi siamo di fronte alla que­stione meri­dio­nale euro­pea e que­sto giu­di­zio non è solo mio ma, molto più auto­re­vol­mente, di Paul Krug­man, pre­mio Nobel per l’economia, che già nel 1991 ha messo in evi­denza la «mez­zo­gior­ni­fi­ca­zione» delle peri­fe­rie euro­pee, dimo­strando che con la moneta unica l’Europa sarebbe stata inve­stita da intensi pro­cessi di con­cen­tra­zione della pro­du­zione e dell’occupazione nei paesi eco­no­mi­ca­mente più forti, men­tre le aree peri­fe­ri­che del con­ti­nente euro­peo sareb­bero state col­pite da feno­meni di deser­ti­fi­ca­zione pro­dut­tiva e di migra­zione verso l’estero.

La nostra que­stione meri­dio­nale nell’attuale situa­zione va ristu­diata. Prima della nostra unità nazio­nale le regioni del sud, ben­ché non come la Lom­bar­dia, non sta­vano tanto male: ave­vano la loro moneta e si pro­teg­ge­vano con le dogane e altro. Vale ricor­dare che il Regno di Napoli aveva un suo splen­dore e che in Ita­lia la prima linea fer­ro­via­ria vide la luce in Cam­pa­nia, tra Napoli e Por­tici e che la città di Napoli aveva un pre­sti­gio inter­na­zio­nale. È con l’unità nazio­nale che le regioni del Sud vedono chiu­dere le indu­strie e ven­gono inve­stite dalla fuga nell’emigrazione nelle Ame­ri­che e nel nord Europa. Una fuga migra­to­ria – non va dimen­ti­cato — che si è ripe­tuta subito dopo la fine della seconda guerra mon­diale, prima che si pen­sasse a una pur mode­sta riforma agra­ria e alla Cassa del Mez­zo­giorno. «Impa­rate le lin­gue» con­si­glia­vano i mini­stri di allora quando si reca­vano nel sud, per inco­rag­giare i meri­dio­nali ad emi­grare, ad andare a far fun­zio­nare le indu­strie del nord Ita­lia, e del nord Europa. Ed è lo stesso feno­meno di oggi che coin­volge i cit­ta­dini dei Pigs. Per gli spa­gnoli e i por­to­ghesi le vie dell’emigrazione sono le ex colo­nie, l’Angola, il Mozam­bico, il Bra­sile e i paesi latino-americani (non hanno nem­meno biso­gno di impa­rare le lin­gue!). Per gli ita­liani e i greci resta il nord Europa, con il risul­tato che così si allarga il gap tra Mez­zo­giorno d’Europa e Nord.

Insomma l’unificazione euro­pea non è ancora com­piuta e già si è aperta una que­stione meri­dio­nale a livello con­ti­nen­tale e molto più grave e peri­co­losa di quella ita­liana. E non dimen­ti­chiamo che non solo in Ita­lia, ma anche in Spa­gna, Por­to­gallo e Gre­cia ci sono stati governi fascisti. In Ita­lia la que­stione meri­dio­nale si è aperta con uno stato uni­ta­rio, con eguali diritti e doveri per tutti i cit­ta­dini e anche per tutte le ban­che. Uno stato uni­ta­rio che pro­dusse anche la Cassa del Mez­zo­giorno. Pen­sate se in Ita­lia (come oggi in Europa) ci fosse stata solo l’unificazione mone­ta­ria: la lira valida in tutte le regioni, ma con l’autonomia legi­sla­tiva di cia­scuna regione. In que­sta ipo­tesi le regioni auto­nome del Mez­zo­giorno sareb­bero state ancora di più con­dan­nate alla mise­ria. L’unificazione è solo mone­ta­ria, e quindi disa­strosa, e al con­tra­rio di quel che ci inse­gna­vano a scuola, non è più il sovrano che batte moneta, ma ormai sovrana è la moneta.
Sullo stesso tema
Edoardo Salzano
Descrivevo una settimana fa il parlamento italiano come un enorme guscio vuoto. Deprecavo la totale assenza della politica parlamentare come il luogo del confronto tra le diverse visioni sul presente e il futuro della società. Il nuovo governo e le sue dichiarazioni confermano il mio giudizio. (segue)
Wu Ming
Wu Ming svela la verità nascosta dietro le esagerazioni mediatiche sull'esito delle elezioni europee in Italia: "Se proprio si vuole ragionare in termini di percentuali, ragionando sul 100% reale vediamo che la Lega ha il 19%, il PD il 12%, il M5S il 9,5%. Sono tutti largamente minoritari nel Paese [...] Salvini non ha con sé gli italiani [...] #Salviniscappa può essere un buon sismografo nei prossimi mesi. L’effetto-shock (ingiustificato) del «34%» finirà, il conflitto sociale no".
Maria Cristina Gibelli
Sono passati ormai 10 giorni da quando il ‘Presidente del Consiglio’ Conte ha pronunciato alla Fiera del Levante il suo indecente discorso sulla rinascita italiana dopo l’8 settembre del 1943. Segue
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg