Da proprietà pubblica a bene comune: Mondeggi la fattoria senza padroni
Daniela Poli
Nell'area fiorentina un interessante tentativo di « reintrodurre la terza categoria economica del “comune”, schiacciata con la rivoluzione industriale dalla presenza bipolare dello Stato e del Mercato» . eddyburg,  6 marzo 2014


Nelle campagne fiorentine in questi ultimi mesi una comunità variegata di soggetti sta cercando di trasformare una “proprietà pubblica” in “bene comune”, mettendocela tutta per sconfessare la nota affermazione di Hardin (1968) sulla tragedia dei beni comuni. Al crescere della popolazione cresceva, secondo Hardin, l’indeterminazione e l’incapacità dei soggetti di trovare accordi e forme di gestione condivisa, così l’unico modo per salvare la risorsa era privatizzarla. L’esperienza del movimento “Mondeggi fattoria senza padrone”, sta percorrendo la strada opposta. Sta cercando di fermare la vendita di un bene pubblico, la fattoria medicea di Mondeggi, chiedendo alla pubblica amministrazione di sperimentare un accordo con un gruppo di soggetti che intendono prendere in carico la fattoria e gestirla in forma comunitaria in base a un documento di principi e di intenti che è stato discusso collettivamente in assemblee pubbliche e in rete e approvato definitivamente il 12 Gennaio 2014 nell’Assemblea plenaria territoriale di Pozzolatico.

Proprio nelle società avanzate in rapida crescita risulta non solo utile ma anche efficace reintrodurre la terza categoria economica del “comune”, schiacciata con la rivoluzione industriale dalla presenza bipolare dello Stato e del Mercato (Ostrom, 2006). Le gestione dei beni comuni ha consentito a molte fasce della popolazione di potersi sostenere integrando il reddito proveniente da altri settori e di mantenere efficacemente la risorsa (boschi, acque, pascolo, agricoltura, ecc.). Non casualmente in Toscana proprio i boschi più marginali, quelli ancora gravati dagli usi civici, sono fra i più ricchi in biodiversità, come emerge dallo studio per il piano paesaggistico della regione. Oggi lo spettro delle risorse da gestire in forma comunitaria si allarga e arriva a includere lo stesso spazio pubblico, istituzioni culturali come il Teatro Valle, attività produttive (Belingardi 2012). Da più parti emerge la richiesta di riconoscimento di queste nuove pratiche di gestione collettiva che troppo spesso vengono semplicemente rifiutate perché dichiarate tout court, “illecite”, confondendo ancora una volta giustizia e legalità. In molti casi, come ricorda Jan van der Ploeg (Ploeg 2009) sono le leggi recenti frutto ancora di un processo di modernizzazione imperante a mettere fuori leggele attività di lungo periodo attraverso le quali i contadini gestivano in maniera semplice e virtuosa le risorse territoriali. Molte delle pratiche agronomiche recenti (agricoltura biologica, biodinamica, contadina) riportano in auge prassi consolidate ibridandole con la contemporaneità (riuso delle energie locali, uso del buon letame, scambio delle sementi, scambio, baratto, ecc.).
Sovente queste novelties “violano i codici di comportamento esistenti o le norme per l’interpretazione delle cose”, diventando così semplicemente “illegali”, anche se contengono principi di giustizia e di moralità. Sostenere le novelties o le azioni di retro-innovazione (Stuiver 2006) significa in molti casi riabilitare tecniche e forme di gestione già presenti in passato e oggi fatte precipitare nell’abisso dell’illegalità.Affermare la cittadinanza di un altro modo di possedere (Grossi 1977) puntando sulla centralità del valore d’uso rispetto alla proprietà, come consuetudinein molte comunità contadine ancora sino alla soglia del XIX secolo,comportacome nel caso delle novelties un cambiamento legislativo. 
In questo senso si muove come noto il lavoro in Italia della Costituente per i beni comuni che nelle assemblee itineranti sul territorio si occupa di definire giuridicamente il concetto di ” bene comune”, per allargare legalmente la forbice fra lo Stato e il Mercato, fra il Pubblico e il Privato e consentire alla moltitudine di risposte sociali che resistono all’omologazione modernizzatrice di trovare sempre più spazi di espressione (giardini, orti, teatri, parchi, spazi urbani, residenze, luoghi sociali, ecc.), affermando in tal modo la pienezza di una soggettività collettiva portatrice di diritti in tutti quei casi in cui, prescindendo dal titolo di proprietà del bene, si generino utilità comuni da preservare anche per le generazioni future. L’esperienza della fattoria di Mondeggi è una di queste tante realtà che costellano il panorama italiano.

Da qualche mese una variegata rete di soggetti (agricoltori, artisti, produttori biologici e biodinamici, cittadini dei GAS, studenti, tecnici, professionisti, giovani laureati)e associazioni si è federata a Firenze nel movimento Terra Bene Comune, con lo scopo didifendere il diritto all’accesso alla terra e di contrastare la vendita dei beni demaniali proponendo in alternativa l’affidamento in comodato di aziende agricole e terreni pubblici a giovani e soggetti della nuova “agricoltura contadina”. La Fattoria di Mondeggi è diventata ben presto il simbolo di questa lotta con il costituirsi in forma assembleare del cComitato verso Mondeggi Bene comune Comune molto radicato anche nel territorio locale.

L’Azienda agricola di Mondeggi-Lappeggi, situata nei rilievi collinari a sud est di Firenze nel comune di Bagno a Ripoli, è un bene di proprietà della provincia di Firenze dall’inizio degli anni 60 del secolo scorso. La tenuta, appartenuta a nobili fiorentini come i Bardi, i Portinai, i Della Gerardesca è stata per un breve periodo anche di proprietà di un ente collettivo come lo Spedale di Santa Maria Novella.a.[1] L’azienda è complessivamente di circa 200 ettari ed è composta approssimativamente da 12.000 olivi, da 22 ettari di vigne in parte da reimpiantare, da 60 ettari fra seminativi e pascoli, da 6 case coloniche e da una villa-fattoria con annesso parco storico di impianto ottocentesco.

Dopo l’acquisto da parte della provincia è stato smantellato l’antico assetto poderale che vedeva nella villa la fattoria centro aziendale con funzione di coordinamento dei poderi. La riorganizzazione generale è stata fatta secondo i dettami dall’allora fiorente agroindustria con la realizzazione di grandi superfici continue gestite da operai agricoli, la realizzazione di un “centro aziendale” con capannone ove portare le funzioni agricole un tempo svolte dalla villa, la distruzione dei poderi intesi come autonome unità produttive policolturali, la specializzazione delle colture finalizzata a una forte meccanizzazione. Seguendo la procedura dell’aziendalizzazione, la provincia ha affidato integralmente la tenuta agricola alla società agricola Mondeggi-Lappeggi srl mantenendo il controllo diretto sulla villa-fattoria e sul parco - luogo di svolgimento di molte feste pubbliche e di iniziative associative. La società Mondeggi-Lappeggi non ha mai definito un progetto organico e strategico di lungo respiro in grado di coinvolgere attori sociali e costruire un riferimento per la popolazione locale, rompendo la lunga tradizione di “vendita diretta in fattoria”. La retorica del “polo di eccellenza” totalmente estraneo al territorio ha portato alla definizione di sperimentazioni molto specialistiche talvolta in concorso con soggetti privati (frantoio di qualità, combustore per biomasse da colture oleaginose, fertilizzanti fogliari di sintesi della multinazionale YARA, ecc.) mentre le colture arboree venivano semiabbandonate e concesse in affitto con contratti annuali di coltivazione.La conduzioneha finito per produrre un indebitamento imponente (il comitato parla di circa1.000.000 di euro) e il degrado progressivo di unpatrimonio paesaggistico di enorme valore, che da sempre ha rappresentato un ancoraggio identitario per gli abitanti del territorio. Con la messa in liquidazione della Società si è aperta una fase di ricerca di possibili interessati all’affitto o all’acquisto della tenuta agricola, in toto o frazionata in più parti, fino ad arrivare poiterra anche all’inserimento della villa e del suo parco tra i beni alienabili dell’ente provincia. Il tutto con la fiera opposizione dell’amministrazione locale che non accetta di vederesvenduto una proprietà pubblica di tal entità. All’incapacità nella gestione di un bene pubblico si aggiunge quindi la miopia politica che non coglie la domanda sociale emergente dai bisogni della popolazione locale e non è in grado di rilanciare con un progetto di alto valore culturale, così come accade in molte realtà nazionali e internazionali: il parco-campagna nella provincia di Bologna o il parco sud Milano, per citare solo i più noti in Italia, producono innovazione proprio a partire dalle messa in valore di aziende agricole pubbliche.

Il comitato per Mondeggi Bene Comune ha iniziato un’interlocuzione con la provincia nell’intento di ottenere l’affidamento dell’intera azienda in base alla Carta degli Intenti e dei Principi (cfr. allegato) redatta nel gennaio di quest’anno. Le azioni del comitatohanno cercato da subito di dialogare e di coinvolgere la popolazione locale nelle attività proposte. Le stesse modalità di costruzione partecipata della decisione sono strutturate in forme inclusive che coinvolgono tanto i futuri abitanti di Mondeggi - la Fattoria, un gruppo di quasi 40 persone che intendono vivere e a lavorare nei poderi traendone il proprio sostentamento -– quanto gli attivisti che partecipano al progetto e la comunità locale – organizzati nell’assemblea territoriale.

Le assemblee del comitato si susseguono a ritmo incalzante e hanno creato in poco tempo una comunità inclusiva, in grado di intercettare il sentire degli abitati e di produrre progetto locale che, in virtù delle competenze collettive che raggruppa, produce documenti e progetti tecnici di trasformazione come supporto alla richiesta di affidamento del bene. Il progetto è articolato, ma si fonda sull’idea che la reintroduzione dell’agricoltura contadina sia un vantaggio per tutta la società grazie ai servizi ecosistemici che produce, alla salvaguardia dell’ambiente e del paesaggio insiti nelle forme della suo farsi, alla capacità di creare ricchezza localizzata con un mercati locali che ruotano attorno alla filiera corta e alla vendita diretta. L’agricoltura contadina è naturalmente multifunzionale con possibilità di sviluppare attività didattiche, sportive, turistiche, ricettive, artigianali e ludiche.

Una delle primissime azioni dimostrative fatte dal comitato è stata la “festa per la raccolta delle olive di Mondeggi” (foto 1). A Firenze la raccolta delle olive e i festeggiamenti dopo la frangitura con pranzi e cene a base d’olio nuovo sono da sempre un momento di gioia iscritto nel patrimonio genetico locale. Una giornata in cui una folla di variegata umanità (quasi 150 tra studenti universitari, anziani del territorio, bambini coi loro genitori, stranieri, professionisti) ha lavorato dalla mattina presto fino al pomeriggio tardo trovando il tempo anche per seguire lezioni di potatura. Il 50% dell’olio prodotto, come da consuetudine, è andato a chi ha fatto la raccolta e il restante è stato redistribuito alla popolazione di Bagno a Ripoli in occasione di mercati ed eventi pubblici con il logo “olio di Mondeggi” e la spiegazione sugli intenti del movimento di salvare un bene della comunità. La raccolta popolare si è inserita nel contesto della due giorni nazionale per i Beni Comuni, 16 e 17 novembre, lanciata da Genuino Clandestino (foto 2),[2] come esempio di uso dei beni comuni per la produzione di lavoro utile e di ricchezza diffusa.

Nella tenuta si sono svolte affollate passeggiate progettanti, sempre aperte a tutta la popolazione, in cui i partecipanti, in base alle loro competenze, hanno espresso desideri e condiviso informazioni storiche, tecniche e agronomiche. Un’altra iniziativa è stata quella del riconoscimento e della raccolta delle erbe spontanee nelle terre di Mondeggi che ha visto la partecipazione di più di cento persone provenienti luogo massicciamentedal comune di Bagno a Ripoli. La presentazione del progetto viene fatta in molti e affollati luoghi d’incontro sul territorio, in cene e assemblee nei circoli ricreativi che hanno tutte un riscontro di consenso e di seguito inimmaginabile. [3] E’ stato presentato alla provincia, nelle more della liquidazione della società Mondeggi-Lappeggi srl(che non consente oggi alla provincia di poter disporre degli immobili) una richiesta di breve periodo per l’affidamento al comitato delle terre incolte e di alcune strutture che potrebbero sin da subito consentire di svolgere alcune attività agricole produttive pur senza abitare nei luoghi - con la disponibilità del comitato a formalizzare una qualche forma associativa che consenta l’affidamento istituzionale del bene. È di questi giorni un affollatissimo consiglio comunale in cui tutte le forze politiche all’unanimità hanno votato una mozione nella quale si chiede alla provincia di non proseguire con la vendita e di trovare le forme per affidare la fattoria ai soggetti che,intervenuti al consiglio stesso,hanno proposto progetti con la richiesta di affidamento parziale del bene. E’ stata istituita a tal fine una commissione mista composta da rappresentati delle istituzioni (tecnici e amministratori di provincia e comune) e da rappresentanti del comitato. Si è aperta una fase delicata che vede tutto un paese coinvolto sulle sorti della fattoria.

E’ auspicabile che anche nelle amministrazioni locali fiorentine sia possibile trovare le modalità per trasformare azioni e intenti nella definizione concreta di quelle terza forma di bene, né pubblico né privato, che molti comuni italiani stanno cercando di mettere a punto da Bologna a Roma da Milano a Napoli. Questi primi primo segnali di dialogo lasciano bene sperare sul fatto che proprio dal paesaggio fiorentino, luogo di sperimentazione in tempi storici, possa nascere un’opportunità in grado di dare corpo a quel senso del paesaggio democratico, quotidiano e inclusivo che la Convenzione Europea del paesaggio, firmata proprio in una fattoria medicea, propugna.

Bibliografia citata

Belingardi C. (2012), “Città bene comune e diritto alla città”, in Bellomo M. et al. (a cura di) Abitare il nuovo/abitare di nuovo ai tempi della crisi, ,Clean, Napoli.
Grossi P. (1977), Un altro modo di possedere. L'emersione di forme alternative di proprietà alla coscienza giuridica postunitaria, Giuffrè, Milano
Ostrom E. (2006) Governare i beni collettivi, Marsilio, Venezia - ed. orig. 1990.
PloegJ. D. van der (2009), Nuovi contadini. Le campagne e le risposte alla globalizzazione, Donzelli, Roma - ed. orig. 2006
Stuiver M. (2006), “Highlighting the Retro Side of Innovation and its Potential for Regime Change in Agriculture”, in Terry Marsden T., Jonathan Murdoch J. (ed.), Between the Local and the Global - (Research in Rural Sociology and Development, Volume 12 ), Emerald

Note

[1] http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=prodente&Chiave=57098&RicProgetto=reg-tos
[2]http://genuinoclandestino.noblogs.org/
[3] Cfr. il blog di Verso Mondeggi Bene Comune Fattoria Senza Padroni http://tbcfirenzemondeggi.noblogs.org/ e la pagina Facebookhttps://www.facebook.com/mondeggi.benecomune
Appendice


Carta degli Intenti – Verso Mondeggi Bene Comune

L’intento principale è quello di riabitare Mondeggi,insediando nuclei familiari e singole persone nelle abitazioni rurali giàesistenti della Fattoria, in modo da ricostituire il “popolo di Mondeggi” chedovrà essere composto in primo luogo da coloro che si dedicheranno al lavorodella terra.
All’interno del nuovo villaggio contadino verrà praticataun’agricoltura familiare dedicata all’autosufficienza alimentare dei poderi,attraverso orti condivisi e piccoli allevamenti da cortile, inoltre gliabitanti – assieme anche a persone non residenti a Mondeggi, ma che vorrannolavorarci tutti insieme nell’intento di ridurre progressivamente l’improntaecologica costituiranno la “Fattoria senza padroni” che si articola mediantedue forme assembleari:l ’Assemblea di Fattoria e l’Assemblea plenaria territoriale.

L’Assemblea di Fattoria stabilirà la formaassociativa, lo statuto e il regolamento e definirà i metodi di funzionamentointerno inclusa la turnazione dei responsabili della gestione, inoltre sarà lostrumento primario di organizzazione del lavoro, delle risorse, e dei pianicolturali, basandosi su i seguenti principi cardine:
la solidarietà al posto della concorrenza;
la giustizia sociale;
l’uguaglianza e la reciprocità dei diritti;
l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali;
la salute dei produttori e dei consumatori;
la salvaguardia e l’incremento della biodiversità e dellafertilità dei suoli.
l’utilizzo di forme di finanza mutualistica e solidale e dipratiche di scambio e di baratto.
Sulla base di questi principi l’Assemblea di Fattoria sioccuperà delle colture più impegnative per estensione e da reddito,organizzandosi in gruppi di interesse, ritenendo vitale lo scambio dimanodopera e il mutuo soccorso.
I mezzi di produzione potranno essere di proprietàcollettiva o individuale, mentre i locali di spaccio, trasformazione estoccaggio saranno comunitari. I prodotti contadini verranno distribuiti alpubblico direttamente nello spaccio della Fattoria e attraverso il circuito deiMercati Contadini e dei Gruppi d’Acquisto Solidale.
Dato che la Fattoria di Mondeggi è per tutti noi un benecomune, riteniamo che appartenga alla comunità territoriale che con essa harapporti storici e culturali.
Nostro intento quindi, sarà quello di includere per quantopossibile, la comunità nella gestione partecipata.
L’Assemblea di Fattoria, con questi intenti assumerà ledecisioni al suo interno mediante il Metodo del Consenso e le sottoporràall’Assemblea plenaria territoriale che potrà esprimere pareri e modifiche conil medesimo Metodo.
Le due Assemblee sono composte da persone singole, nelrispetto della Carta dei Principi.

La fattoria aperta
La prossimità di Mondeggi all’area urbana risulta strategicaper rinnovare le relazioni fra città e campagna, sensibilizzando e coinvolgendocittadini-consumatori sempre più consapevoli e contadini-produttori sempre piùresponsabili in percorsi di co-produzione.
Per questi motivi la “Fattoria senza padroni” sarà sempreaperta alla popolazione attraverso varie attività: laboratori didattici perbambini e non solo, un calendario di visite alla fattoria sul modello deipercorsi di Garanzia Partecipata, programmi d’integrazione della disabilità,momenti di festa e convivialità legati alle produzioni stagionali, masoprattutto attraverso un confronto costante tra l’Assemblea dei residenti el’Assemblea plenaria territoriale per Mondeggi Bene Comune – Fattoria senzapadroni, in un virtuoso rapporto di reciproca dipendenza.
Questa mutua dipendenza dovrà essere sempre salvaguardata.

A scuola dai contadini

Sappiamo bene che non si può parlare di ritorno alla terra,di “rinascimento dell’agricoltura” se non si creano momenti di trasmissionegratuita dei saperi e delle buone pratiche.
Per questo riteniamo che il villaggio contadino che potrebbenascere a Mondeggi sarebbe il luogo ideale per una scuola di vita contadina.
Questo tipo di attività formativa potrebbe inoltre avvalersidel contributo dell’Ass.WWOOF Italia, vista la sua esperienza pluridecennalenel mettere in relazione le persone che vogliono fare pratica di agricolturanaturale e le aziende che già la fanno.
Oltre alla conoscenza diretta delle pratiche agricole laScuola Contadina potrebbe anche offrire incontri e seminari dedicati, proporremostre e presentazioni di libri sulla civiltà contadina e l’agricolturanaturale, convegni, mostre e tutte quelle attività volte alla promozione deicontenuti della presente Carta dei Principi e degli Intenti in collaborazionecon tutti coloro che vi ci si riconoscono.

Il parco della condivisione

Perché Mondeggi sia un luogo di condivisione, avanziamoqueste proposte:
- dedicare parcelle di seminativo ad orti sociali econdivisi, assegnati dalle assemblee a gruppi di famiglie o singoli chevogliano dedicarsi all’autoproduzione di almeno una parte del propriofabbisogno alimentare;
- creare un vivaio “popolare” contadino per la produzione dipiantine biologiche che vada incontro alle esigenze dei piccoli produttori,degli amatori e di chi produce per l’autosostentamento e che possa coinvolgerenel ciclo produttivo anche persone in difficoltà. Il vivaio avrà inoltre lefunzioni di recupero del germoplasma, valorizzazione della biodiversità agrariae vegetale, di banca del seme, riproduzione di varietà rare o antiche, luogo d’incontro,confronto e scambio di conoscenze sui semi/marze, innesti, lieviti edesperienze su tempi, modi e tecniche colturali senza utilizzo di prodottichimici di sintesi;
- allestire un apiario didattico dove poter osservare intranquillità il volo delle api;
- allevare animali dedicati sia a fini produttivi cheterapeutici nei principi del benessere reciproco;
- allestire uno spazio dedicato al gioco dei piccoli e deimeno piccoli;
- realizzare un teatro di paglia dove organizzare nelperiodo estivo rassegne di teatro, musica e balli nell’aia e dinamicamentetanto altro;
- fare di Mondeggi il centro di itinerari di conoscenza e dipratica amichevole dei valori del Territorio, a cominciare dalle terrepubbliche di Bagno a Ripoli.
- organizzare momenti di raduno nazionale delle reticontadine.
Mondeggi Bene Comune – Fattoria senza padroni sarà unpercorso di sperimentazione sociale in continua evoluzione.
Questo documento è il risultato di un percorsopartecipativo, che si è sviluppato attraverso molteplici incontri, iniziative eassemblee pubbliche.

Il presente documento è stato approvato dall’Assembleaplenaria territoriale domenica 12 Gennaio 2014 in Loc. Pozzolatico(Impruneta, Fi)
Sullo stesso tema
Elettra Malossi
La regione Emilia Romagna ha puntato da tempo alle unioni di comuni, come forma stabile di coordinamento dei comuni appartenenti ad ambiti territoriali ottimali...
Norberto Vaccari
Un commento sull'edizione dei Seminari di eddyburg tenutosi a Pistoia nel 2017
Giuseppe Boatti e Carlotta Di Cerbo e Ma
E' necessario rivolgersi alla magistratura per ottenere che i cittadini, riuniti in un comitato responsabile e propositivo, ottengano il privilegio di dialogare con il Comune? Il caso della Goccia, un'area verde pari all'intero Parco Sempione.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg