No Grandi Navi: giovedì vertice con Lupi
Sebastiano Canetta ed Ernesto Milanesi
Qualcuno di quelli che gli elettori hanno scelto per governare avrà il coraggio di dire: basta turismo di massa per arricchire chi sfrutta 1000 anni di storia distruggendone il patrimonio?  Il manifesto, 11 giugno 2013

Ha fatto il giro del mondo la protesta, par tera e par mar, che ha svelato l'incompatibilità fra i «grattacieli naviganti» e Venezia. No Grandi Navi è all'ordine del giorno non solo nel canal gran- • de, ma anche nell'agenda del governo locale e nazionale. Dopo il «blocco navale» dei transatlantici, le cariche della polizia sui manifestanti e tre giorni di concerti e dibattiti pubblici all'isola della Giudecca, si attende il faccia a faccia tra Comune e governo Letta. Sul tavolo, passato, presente e futuro delle Grandi Navi che ogni settimana fanno l'inchino a San Marco. In programma, soprattutto, il summit di giovedl tra il sindaco Giorgio Orsoni e il ministro dei trasporti Maurizio Lupi. Orsoni chiederà a Lupi di far traslocare i «mostri» del mare dalla Stazione marittima di Venezia a Porto Marghera.
Ma è un punto più che controverso: non tutta la maggioranza di centrosinistra sposa l'ipotesi del sindaco e il consiglio comunale si è già espresso per il trasloco definitivo dalle Grandi Navi dalla laguna. Intanto, si fa il saldo di un week-end di mobilitazione davvero popolare. A partire dalla terraferma: domenica mattina la protesta ha paralizzato il traffico in piazzale Roma producendo una coda chilometrica di bus e auto sul ponte della Libertà. In laguna cinque «mostri» (tra cui i transatlantici Costa Famosa e Msc Fantasia con a bordo Galliani e Allegri con la crociera Milan) sono rimasti agli ormeggi, ancorati alle banchine telescopiche. Ufficialmente, a causa delle folate di vento a 25 nodi che hanno impedito di prendere il largo. Di fatto per il blocco dei manifestanti che ha prodotto un ritardo di tre ore sulla tabella di marcia degli armatori. 
E non basta: dalle 16 alle 18.30 una cinquantina di barche serravano l'ingresso al Bacino San Marco, con L500 persone (dai centri sociali, ai No tav, dai No Muos al No Dal Molin, dagli studenti alle famiglie veneziane) confluite tra il Porto e le Zattere. «È stata una bella vittoria» riassumono a caldo i manifestanti, ricordando tuttavia che la guerra contro i «mostri» è tutt'altro che vinta. 
Silvio Testa, portavoce del Comitato Grandi navi lancia l'inequivocabile messaggio: «Deve essere chiaro. Se nell'incontro con il ministro Lupi il sindaco porterà avanti solo l'idea di spostare le navi a Marghera, sappia che lo farà senza alcun mandato popolare». Insomma, chi protesta chiede solo di applicare, tecnicamente, la legge vigente: nel dettaglio è il decreto Clini-Passera che ratifica l'incompatibilità con l'ambiente lagunare delle navi che superano le 40 mila tonnellate di stazza. 
Poi c'è il ricatto occupazionale con l'indotto delle crociere che rischia di far rotta su Grecia e Turchia. «Ma deve finire. Non si può continuare a barattare l'ambiente e la salute con i posti di lavoro» avvertono al Comitato No Grandi Navi. L'impatto delle Grandi Navi in laguna era stato già fotografato dal manifesto il 28 ottobre 2009, dopo che la centralina Arpav installata a 200 metri dal porto aveva rilevato valori di particolato maggiori di quelli registrati della tangenziale di Mestre. All'Agenzia per l'ambiente avevano ammesso senza difficoltà che il traffico portuale è responsabile della diffusione del 10% del totale delle micropolveri dell'intera provincia. Dieci volte di più dell'aeroporto Marco Polo. 
Sullo stesso tema
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
Ilaria Boniburini e Edoardo Salzano
Il 14 agosto di un anno fa, uno degli emblemi della 'modernità' crollava, trascinando con se 43 persone e travolgendo la vita di centinaia di sfollati e di una regione intera. Un episodio che avrebbe dovuto mettere in discussione la logica perversa che sta facendo marcire l'infrastruttura fisica e sociale del nostro paese. A un anno dal dramma nulla è cambiato, prosegue il disprezzo per la manutenzione, la sicurezza e la tutela dell'ambiente: nessuna revoca delle concessioni ai privati (interessati solo ai profitti) e finanziamenti al 'nuovo', dove corruzione, speculazione e interessi particolari possono fare i loro porci comodi. In Italia metà delle concessioni autostradali fanno riferimento a società collegate alla famiglia Benetton, che non sono un modello di imprenditoria ma emblemi di sfruttamento umano e ambientale. Per commemorare le vittime, il 14 agosto, si è tenuto un presidio davanti alla sede di Edizione srl a Treviso, la holding dei famosi imprenditori veneti per denunciare storie di sfruttamento in Italia e all'estero: dal decentramento produttivo alle delocalizzazioni, con le quali si sono sfruttate migliaia di lavoratrici e lavoratori, causato centinaia di morti per mancanza di misure di sicurezza nelle loro fabbriche; dall'occupazione delle terre ancestrali del popolo Mapuche in Argentina alla persecuzione di chi si oppone a questa rapina; dai profitti enormi che hanno ottenuto attraverso concessioni su autostrade, porti e aeroporti e a quelli che faranno con le Olimpiadi invernali di Milano e Cortina del 2026.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno con testimonianze da "Una comunità di intenti" di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I sessione del convegno dedicato a "Le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta". Interventi di Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni e Paolo Baldeschi.
Paolo Baldeschi
Scritto per eddyburg: denuncia e analisi di un'ulteriore legge «ad civitatem» di invenzione renziana la cui vittima è ancora Firenze.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg