Etica zero Quando i soldi possono comprare tutto
Antonio Cianciullo
L'elenco potrebbe allungarsi parecchio, da entrambi i lati. Il discrimine non è nell'etica, ma nella logica stessa  del sistema; chiamalo, se vuoi, capitalismo. La Repubblica, 26 maggio 2013

Garantirsi una cella de luxe, trattamento a cinque stelle in carcere: 82 dollari a notte. Uccidere un rinoceronte nero, specie rarissima in via di estinzione: 150mila dollari. Sfrecciare in macchina da solo, nell’ora di punta, nella corsia riservata a chi si sposta in gruppo con il car pooling: 8 dollari. Affittare un utero per portare a termine una gravidanza conto terzi: 6.250 dollari. Nello scenario del Festival dell’Economia di Trento, Michael Sandel, docente di Filosofia politica ad Harvard, inserisce la provocazione di un prezzario secco delle mirabolanti offerte del libero mercato, un catalogo articolato contenuto nel suo ultimo libro. 
Per la verità, se si fosse attenuto al titolo che recita Quello che i soldi non possono comprare, il volume sarebbe stato molto esile: se siamo nominati giurati di un processo non possiamo ingaggiare qualcuno per prendere il nostro posto; non possiamo vendere il voto (almeno non ufficialmente). L’elenco dei divieti citati, più o meno, finisce qui. Ma se questi sono i paletti che ancora difendono il territorio un tempo ampio dei diritti inalienabili, qualche decennio di ultraliberismo ha fatto miracoli nell’aggiungere scomparti al supermercato dei diritti in vendita. 
Ce n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche. Per soli 39 dollari la United Airlines offre la possibilità di azzerare l’etica della fila passando davanti agli altri ai controlli di sicurezza. Scandaloso? In fondo è una semplice estensione di un privilegio concesso a chi compra un biglietto di prima classe. E nessuno si turba se una lavanderia fa pagare un extra per un servizio più rapido. Ma se, a Washington, i posti riservati al pubblico nelle audizioni del Congresso vengono accaparrati da senzatetto che passano giorni in fila per poi vendere ai lobbisti il diritto a confrontarsi con il potere legislativo? È ancora un’applicazione del libero mercato che ottimizza l’allocazione di un bene assegnandolo a chi dimostra con il denaro un maggior interesse, o si incrina il diritto dei cittadini alla partecipazione alla politica? È giusto che un posto alla messa con papa Benedetto XVI, per la prima volta negli Stati Uniti, sia stato pagato 200 dollari, o il bagarinaggio, nato su biglietti distribuiti gratuitamente, confligge con il valore dell’evento e lo mortifica? È giusto creare un mercato di futures sulla durata in vita dei malati di Aids con scommesse continuamente rinegoziate, o esistono campi in cui le speculazioni non sono accettabili? 
È giusto che un’azienda guadagni centinaia di migliaia di dollari dalla morte di un dipendente perché ha stipulato un’assicurazione sulla sua vita senza comunicarlo al diretto interessato ? O in questo caso, al di là del giudizio etico, si configura un incentivo perverso a risparmiare sulle misure di sicurezza?
La domanda al momento non ha risposta ufficiale. Quella pratica viene dalle cronache: dopo l’attacco terroristico dell’11 settembre alcuni dei primi pagamenti delle polizze sulla vita non andarono alle famiglie delle vittime ma ai loro datori di lavoro.
Sullo stesso tema
Salvo Torre
Effimera, un saggio per comprendere appieno l'incompatibilità tra capitalismo e vita umana, che la crisi ecologica ha messo in tutta evidenza. Occorre trovare una nuova forma di mondo capace di rivoluzionare il rapporto distruttivo che passa attraverso i processi di valorizzazione e di successiva determinazione di prezzo di qualsiasi aspetto del vivente. (a.b.)
Francesco Gesualdi
Comune.info-net, 26 aprile 2018. Tentativi di uscire dal capitalismo partendo da spostare l'attenzione dei consumatori dal valore delle merci stabilito dal Mercato alle qualità sociali e materiali dei beni: cioè anteponendo le persone al denaro
Paolo Cacciari
comune-info, 27 dicembre 2017 Un denso commento delle relazioni tra mondi di intelletto e di vita (decrescita ed ecofemminismo) che s'intrecciano senza confondersi (c.m.c)
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg