Il bullo Barroso – Cro Edition
Ivan Ble?i?
Abbastanza miserabile, quando a contraddire il pensiero globale con l'azione locale c'è un altissimo esponente della globalizzazione, il Presidente della Commissione Europea

Questa mi era sfuggita.

Trapela la notizia (è solo in croato, ma forse Google aiuta a tradurre) che José M. Barroso abbia "sollecitato" il primo ministro croato a rimuovere gli ostacoli (o se no?) alla realizzazione del progetto dei campi golf sul monte Srđ che sovrasta la città di Dubrovnik.

Il progetto del tycoon israeliano Aaron Frankel prevede campi da golf con una massiccia e devastante "apartmanizacija" del monte di grande pregio paesaggistico, storico e simbolico. Lo schema è noto: recingere e privatizzare un bene pubblico, catturare il suo valore e travasarlo – più o meno direttamente, come in una pompa di benzina – in un qualche serbatoio privato, lasciando alla comunità locale qualche briciola, sotto l'ideologia "sviluppo!, sviluppo!, posti di lavoro!, posti di lavoro!".

Questo modello, in atto sulla costa croata da più di vent'anni, non ha portato né molto sviluppo, né molti posti di lavoro. Porta invece devastazione paesaggistica, privatizzazione dei beni pubblici con pochi benefici collettivi, e – forse la più ironica delle tragedie – mette a repentaglio la possibilità di una strategia di vero sviluppo turistico durevole con ampi benefici per le comunità locali.

E ora viene il bullo Barroso – come riferisce la stampa dopo essersi incontrato con il presidente israeliano Peres –, ricatta il governo croato (il tema dell'incontro con il primo ministro erano le condizioni di adesione della Croazia all'UE) e sollecita la rimozione degli "incomprensibili ostacoli" al progetto, come pare il nostro li abbia chiamati.

Sfortuna per l'improvvido Barroso, gli "incomprensibili ostacoli" in questione sono oltre 11.000 cittadini che hanno firmato la petizione per chiedere un referendum sul progetto e la mobilitazione promossa dal movimento croatoPravo na grad (Diritto alla città).

Uno spettro si aggira per l'Europa? No, il bullo Barroso e la sua gang si aggirano per i piccoli paesi europei, a ricattare e "informarsi" sugli affari privati.

Triste: si tratta della più alta carica europea, del presidente di quella stessa Commisisone Europea che ci parla degli orizzonti 20-20-20, dello sviluppo sostenibile e del contenimento dell'uso del suolo, specie in ambienti costieri di grande pregio storico, paesaggistico ed ambientale.

Tutta roba molto istruttiva.
Sullo stesso tema
Elettra Malossi
La regione Emilia Romagna ha puntato da tempo alle unioni di comuni, come forma stabile di coordinamento dei comuni appartenenti ad ambiti territoriali ottimali...
Norberto Vaccari
Un commento sull'edizione dei Seminari di eddyburg tenutosi a Pistoia nel 2017
Giuseppe Boatti e Carlotta Di Cerbo e Ma
E' necessario rivolgersi alla magistratura per ottenere che i cittadini, riuniti in un comitato responsabile e propositivo, ottengano il privilegio di dialogare con il Comune? Il caso della Goccia, un'area verde pari all'intero Parco Sempione.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg