Salvo il paesaggio mantovano che fu dipinto da Andrea Mantegna
Francesco Erbani
Il paesaggio mantovano di Andrea Mantegna è salvo. Non finirà sotto il cemento la sponda del fiume Mincio che il maestro raffigurò nella Morte della vergine, un dipinto del 1462, ora al Prado di Madrid: il Consiglio di Stato ha pubblicato la sentenza con la quale dichiara validi i vincoli posti dalla Soprintendenza e dalla Direzione regionale dei beni culturali della Lombardia, vincoli che rendono inedificabile l’area. E ha rigettato il ricorso di una società immobiliare, la Lagocastello, che lì voleva costruire un quartiere di centottantamila metri cubi - duecento villette, alberghi e altri edifici per milleduecento abitanti.

Si chiude con una sentenza lunga e argomentata, firmata dal presidente della VI sezione Giuseppe Severini, una storia tortuosa che ha diviso Mantova, condizionando anche le vicende politiche e amministrative della città (un sindaco di centrosinistra, Gianfranco Burchiellaro, autorizzò l’intervento, il successivo sindaco, sempre di centrosinistra, Fiorenza Brioni, lo bloccò). L’area interessata dal progetto è proprio di fronte alle mura della città, di fronte al Palazzo Ducale e al Castello di San Giorgio, in un contesto di paesaggio naturale e urbano che racchiude i valori del Rinascimento italiano.

Ed è proprio sulla presenza di questo doppio elemento - natura ed edifici - che si sono
fondati i vincoli posti dalla Soprintendenza e dalla Direzione regionale dei Beni culturali. Anche le sponde del fiume Mincio, che in quel punto si allarga diventando un lago, sono opera dell'uomo e sono modellate in maniera da costituire un sistema che va conservato nella sua interezza, come se fosse un monumento: questo è scritto nel decreto di vincolo.
E a questo elemento il Consiglio di Stato ha dato molta importanza. L'integrità del complesso paesaggistico e la sua percezione verrebbero stravolte dalle costruzioni. Dunque i vincoli vanno mantenuti, scrivono i giudici. Ora i proprietari dell’area annunciano ricorso alla Corte Europea. Ma intanto il paesaggio di Mantegna non verrà intaccato da nessuna villetta.
Sullo stesso tema
Giovanni Losavio
Anche nell’ultimo DDl “semplificazioni” viene ribadita una norma che avrà pesanti effetti sulla tutela del paesaggio. Scritto per eddyburg, 25 ottobre 2012 (m.p.g.)
Comitato della Bellezza
Come al solito, le così dette semplificazioni sono il pretesto per un nuovo decisivo attacco al paesaggio.L'Unità, 19 ottobre 2012 (m.p.g.)
Roberto Michele; Balzani Fina
Parole di saggezza: il percorso è ancora molto lungo. Se son rose... L’Unità, 7 ottobre 2012 (m.p.g.)
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg