Un solo territorio unito dal mare tra Reggio e Messina
Laura Simoncini
«Si distingueranno Reggio Calabria e Messina attivando processi di una trasformazione urbana virtuosa trainati da eventi straordinari, come quello della creazione della Città Regione dello Stretto? La nostra ferma e convinta risposta è sì». Ad affermarlo è Enzo Tromba nell'introduzione del volume "La città Metropolitana per la Regione dello Stretto" (Iiriti editore, 2009), di cui è autore insieme a José Gambino, sottolineando che il libro vuole essere una sintesi tra programma e progetto con una interconnessione tra flessibilità e partecipazione che ci consenta di essere protagonisti della competitività globale.

Enzo Tromba, dottore in Comunicazione sociale e giornalista pubblicista ha ricoperto cariche politiche e istituzionali, mentre José Gambino è professore ordinario di Geografia umana nella Facoltà di Scienze della formazione dell'Università di Messina. Filo conduttore dell'intero volume è la cooperazione sinergica e la mobilità all'interno dell'area integrata dello Stretto, senza dimenticare le opportunità che dal punto di vista legislativo servono alla centralità dell'area in questione, come la dichiarazione di Barcellona e la strategia di Lisbona elaborate in sede europea, puntando sulla creazione di una zona di prosperità condivisa mediante la realizzazione di una partnership economica e finanziaria che si basi su un'area di libero scambio.

«Per giungere alla realizzazione di un solo territorio unito da mare – ha detto nella presentazione l'allora presidente del Consiglio provinciale di Reggio Calabria, Giuseppe Giordano – bisogna che tutti noi facciamo la nostra parte, attivando intelligenze e risorse, strategie economiche, sociali e culturali davvero innovative che ci vedano protagonisti di una nuova stagione imprenditoriale, suscitando l'interesse e la sinergia con gli altri Paesi del bacino del Mediterraneo». «La Regione dello Stretto – ha precisato il presidente della provincia di Messina, Nanni Ricevuto che ha curato la presentazione – con le sue università e centri di ricerca, potrebbe cooperare a sostegno del capitale umano per un'economia competitiva basata sulla conoscenza.

Dunque, appare cruciale la formazione dei giovani, per contribuire a combattere la precarietà e offrire opportunità di occupazione». Il libro, che si avvale della prefazione del compianto prof. Edoardo Mollica, è ricco di approfondimenti e raccoglie anche i contributi dei ricercatori Francesco Calabrò, Alessandro Rugolo e Lucia Della Spina. Inserite anche una serie di articoli di Enzo Tromba divisi in due sezioni, città di Reggio Calabria e Area dello Stretto, pubblicati sulla "Gazzetta del Sud" dal 2004 al 2006, che certamente hanno contribuito a stimolare il dibattito sull'opportunità di realizzare la Città metropolitana. La pubblicazione si conclude con gli atti del convegno "Dall'Area dello Stretto alla città metropolitana dello Stretto", tenutosi nel Palazzo della Provincia di Reggio Calabria il 24 gennaio del 2008.

Sullo stesso tema
Piero Bevilacqua
Il libro di Enzo Scandurra, un ingegnere sui generis, fissato con la città e i suoi abitanti. Il manifesto...
Alessandra Marin
Fabrizio Bottini, La città conquistatrice. Un secolo di idee per l’urbanizzazione. Breve ma efficace recensione da Il Giornale dell'Architettura, luglio 2012
Benedetto Vecchi
Una nuova raccolta di saggi di Noam Chomsky sulle forme di autogoverno che potrebbero contrastare il potere oligarchico. il manifesto , 28 settembre 2012
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg