«Metro linea C, ma non è una cosa seria»
Eddyburg
Franco Girardi, Roma
Sui giornali della capitale è comparsa la notizia, proveniente dalla Corte dei Conti, secondo la quale per esaurimento dei fondi disponibili verrebbero sospesi i lavori della linea “C” prevista nell’attuale piano regolatore. Se non erro per ora si tratta solo dei lavori di assaggio del sottosuolo nel tratto Colosseo – San Pietro, di attraversamento del Centro Storico, ma la notizia ha destato sorpresa e incertezza per ciò che resta da fare, anche se non più di tanto per i romani che conoscono la loro città.
Nella non breve vicenda dei Piani regolatori di Roma la rete metropolitana sembra tenere il ruolo della collana di perle o brillanti,che la signora bene aggiunge a completamento e prezioso abbellimento dell’abito da sera con cui mostra le proprie bellezze. Nella elaborazione dei Prg. la rete di trasporto pubblico su ferro viene per ultima come completamento e adempimento finale dei disegni di piano. Cosi è stato per il Prg 1962 e cosi è dell’ attuale in corso di approvazione.
Il fatto è che se si guarda la città di Roma come è oggi e sarà domani non sono pochi gli interrogativi che vengono dal disegno della rete metropolitana proposta. All’origine dei dubbi sta sicuramente la preminenza data alle urbanizzazioni nello studio del piano, secondo una logica che considera il Pr. soprattutto come distributore di rendite immobiliari, e guarda in subordine la rete di trasporto senza vedere che in questa come in uno schema si riflette la configurazione stessa della città, in specie se ha raggiunto la dimensione metropolitana caratterizzata da forti e diffusi flussi di mobilità.
Poi ci sono i principi a cui si è ispirato il disegno di rete; e qui di pregiudizi che vengono dal passato non sono minori dei dubbi presenti, come nel caso della linea “B” originalmente a servizio del Sistema Direzionale Orientale: una previsione che allo stato presente (e forse un po’ troppo corrivamente) sembra morta e sepolta per sempre.
Infine ci si può chiedere perché nel disegno della rete metropolitana si è trascurato un principio che se ben applicato può far risparmiare opere e denaro e viene sempre conclamato a parole: la città del futuro sarà il risultato di un opera di recupero e riuso di quella esistente prodotta nel corso della storia. Allora perché non adottare questo principio fin dal disegno della rete metropolitana futura sviluppandola da quella esistente, che già serve una parte se pure insufficiente del territorio, e come in altre città può essere estesa su opportune biforcazioni risparmiando percorsi e costi.
Ovviamente qui non finiscono gli interrogativi, ma questi dovrebbero bastare a ben ricominciare. Non è immaginabile Roma oggi e ancor meno domani senza una sua adeguata rete metropolitana.

Capita al momento giusto l'intervento di Franco Girardi, quando si sta aprendo il confronto per le elezioni amministrative dell'anno prossimo. In una città le cui aree centrali sono sempre più vuote di abitanti e piene di nuove attività, il tema della metropolitana è d'importanza vitale. (v.d.l.)
Sullo stesso tema
Laura Di Lucia Coletti
Una lettere che ricordandoci le parole di un gufo del passato, ci ricorda che la ruota della storia gira e rigira: ciò significa che possiamo farla girare anche noi, magari nel verso giusto.
Sonia Soldani
La nuova riforma delle province, in atto in questi giorni, cancella quel tanto di democrazia istituzionale che era sopravvissuta al fascismo e si era rafforzata con la Repubblica nata dalla Resistenza
Ugo Leone
L'invito di Giorgio Nebbia (i
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg