L'economia e il lavoro fuori del mercato
Laura Balbo
La crisi è l'occasione per allargare lo sguardo a settori dell'economia e del sociale fuori del mercato, verso dimensioni del lavoro non mercantili, solidali, di cura e attenzione per i luoghi, le società e le persone. Alcuni libri recenti offrono coordinate preziose per saperne di più.

Il lavoro al centro delle iniziative del governo, e al centro dell’attenzione. Un percorso che va avanti nelle sedi politiche, in convegni, con commenti di esperti; e anche, ovvio, scontri e critiche, manifestazioni e scioperi. Una questione cruciale per proposte e ricerca di soluzioni. Sarebbe utile richiamare l’attenzione sulla parola, e la concezione, del lavoro, e sul fatto che sono rimasti fin qui fuori temi e prospettive che in fasi del passato (ugualmente segnate da “crisi”, “disoccupazione”, dall’urgenza di proposte e di politiche) erano stati parte del discorso pubblico e dell’agenda. Se certo ci troviamo oggi di fronte a dimensioni nuove, a processi che rendono il quadro più complicato che nel passato, due aspetti sarebbe bene metterli in luce: il primo, come siano ricorrenti fasi di malfunzionamento dell’economia, di “crisi”, appunto (su questo, una lettura che consiglierei è Il capitalismo occidentale del dopoguerra di Michael Kidron, Laterza, 1969). Dunque allargare la prospettiva, tener presenti i riferimenti a fasi del passato e alle diverse situazioni (in Europa e altrove). Ovvio che si può insistere su condizioni particolarmente complicate e gravi di questo momento storico. Ma quante volte gli umani sono riusciti a superare esperienze di drammatica difficoltà (e le tragedie delle guerre, non dimentichiamole). I “giovani” potrebbero forse ridimensionare le letture prevalenti che li segnano come una generazione segnata da un futuro senza speranze.

Un secondo aspetto del discorso pubblico (e anche “privato”) che penso utile richiamare è questo. Non è che si incontri spesso, in analisi e interventi, il riferimento a settori dell’economia e del sociale fuori del mercato (ai quali invece in passato si sono rivolti attenzione e approfondimenti): e il contributo rilevante che costituiscono per le risorse complessive . Negli anni settanta e ottanta si era avviato a livello europeo un filone importante di studi e di proposte che metteva in luce il valore delle risorse “non di mercato” per il benessere sociale, fino alla Dichiarazione di Amsterdam del 1997 “On the Social Quality of Europe”. Portando lo sguardo su questi processi e dimensioni si sono delineati, anche in rapporto a modifiche nelle procedure e regole nel mercato del lavoro (auspicate, viste come positive), possibili “scenari futuri”.

Avrebbe senso riprendere alcuni spunti da quelle analisi e proposte. Si ridefinisce il significato della stessa parola lavoro. Moltissimo è stato colto, e descritto, portando alla luce il contributo del “lavoro domestico” e del “lavoro di cura”; anche fare volontariato è lavorare (in molti casi con competenze e forme organizzative nuove, che vengono messe in luce: il 2012, ricordiamolo, è l’”anno europeo del volontariato”). E il 2011 è stato l’“anno dell’invecchiamento attivo”: anche in questa prospettiva sono stati portati all’attenzione – e potrebbero entrare nei dibattiti sul lavoro – aspetti che certo nel passato non erano immaginabili. Aggiungo: è “lavoro” l’impegno, e la necessità, del continuare ad imparare. Imparare richiede un lavorare a cui fin qui non si è rivolta attenzione. Il lifelong learning è una dimensione da approfondire.

È probabile che nei prossimi mesi li incontreremo, riferimenti e sollecitazioni che portino l’analisi oltre le categorie oggi prevalenti, e oltre i termini ricorrenti, quasi esclusivi: crescita e decrescita. Dunque: “economia plurale”, “economia non-di -mercato”, “economia sociale”, e molti altri. Non per profitto è il titolo del libro di Martha Nussbaum (uscito da poco nella collana Intersezioni del Mulino). Di “terzietà” parla Zamagni ( Il Terzo Settore nell’Italia Unita, di E. Rossi e S. Zamagni, un testo che ripercorre la storia dei centocinquant’anni in questa prospettiva). E ancora L’economia del noi di Roberta Carlini; l’“economia delle condivisioni”, “auto-mutuo aiuto”, solidarietà, impegno sociale. Esistono anche questi “pezzi” del nostro vivere, e sono risorse nella fase che stiamo vivendo. Sarebbe importante allargare lo sguardo: guardare ai costi e alle difficoltà, certo, ma anche ai processi di cambiamento e, forse, a prospettive in qualche misura positive.
Sullo stesso tema
Donatella Della Porta
novità e persistenti debolezze dello sforzo di costruire transnazionalmente una nuova democrazia.Il manifesto, 30 ottobre 2012
Marco D'Eramo
Quando l’Austerity dei padroni della finanza diventa una superstizione, allora dalla gabbia del capitalismo non si esce piùIl manifesto11 ottobre 2012
Donatella Della Porta
«La protesta, per crescere, ha bisogno di alcune opportunità politiche. Fondamentale per i movimenti di sinistra è la posizione di potenziali alleati come partiti e sindacati, che sono importanti per estendere la mobilitazione». E in assenza? Il manifesto, 23 settembre 2012
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg