Il ritorno alla terra per vincere la crisi
Rachel Donadio
Ricevere in eredità degli appezzamenti è comune. Spesso diventano fonte di sostentamento. - C´è chi ripone le sue speranze nel settore marittimo, altra venerabile industria nazionale

Chios (Grecia) - Nikos Gavalas e Alexandra Tricha, due trentunenni con una laurea in Agraria, erano stanchi degli impieghi poco rimunerativi e dei contratti a breve termine che Atene offriva loro. Nella capitale le opportunità di lavoro scarseggiano e la vita costa cara. Per questo lo scorso anno hanno deciso di dedicarsi all´allevamento di lumache commestibili da esportare. Così, mentre l´economia nazionale, già stremata, continua a perdere colpi, si sono uniti all´esodo di quanti hanno deciso di tornare alla terra e cercare nel passato rurale della Grecia un´ispirazione per il proprio futuro. La loro iniziativa, ammettono, è piuttosto insolita, e richiede maggior lavoro manuale di quanto entrambi immaginassero. Ma in un Paese sull´orlo del fallimento, nessuna idea può essere scartata a priori. Per questo Gavalas e Tricha sono tornati nella nativa Chios dove hanno avviato la loro insolita azienda, grazie ai 40mila euro prestati loro dalle rispettive famiglie, frutto dei risparmi di una vita. «Ad Atene non s´intravede alcuna speranza», racconta Tricha. «Abbiamo fatto la scelta giusta».

In Grecia la disoccupazione ha ormai toccato la soglia del 18 percento, ma tra i giovani tra i 15 e i 29 anni registra un picco del 35 percento. Il settore agricolo però è stato sin dall´inizio della crisi uno dei pochi a dare qualche segnale di ripresa e a offrire, tra il 2008 e il 2010, 32mila nuovi posti di lavoro. I dati emergono da uno studio condotto dalla Confederazione panellenica delle associazioni agricole. «L´incremento maggiore ha interessato le persone tra i 45 e i 65 anni», spiega Yannis Tsiforos, che dirige la Confederazione. «Persone che in passato avevano un´occupazione diversa».

Tradizionalmente in Grecia le famiglie investono nel mattone e nella terra. Ricevere in eredità dei terreni è comune e, con l´avanzare della crisi, sono sempre più numerosi i greci a fare affidamento proprio su di essi. Panos Kanellis, preside della Scuola agraria americana di Salonicco, afferma che negli ultimi due anni le iscrizioni sono triplicate. Spesso, aggiunge, i giovani gli chiedono: «Ho ereditato due ettari di terra da mio nonno, in quella tale regione… Posso ricavarne qualcosa?». È una domanda a cui sempre più greci danno una risposta affermativa. «Credo che saranno in molti a scegliere questa strada», afferma Tricha. «Nelle grandi città non c´è futuro. L´unica scelta, per i giovani, è di trasferirsi in campagna o andare all´estero».

Altri giovani, anziché tornare alla terra, ripongono le loro speranze nel mare, altra venerabile industria greca. Stando al ministero della Marina, a partire dal 2008 le domande di iscrizione alle scuole marittime di tutto il Paese sono quadruplicate, sino a raggiungere le attuali 7mila. Yannis Menis ha 27 anni ed è nato a Chios. I suoi studi di fisica nucleare, dice, gli assicuravano delle buone prospettive, ma poco prima di conseguire il dottorato ha dovuto lasciare gli studi, decidendo di seguire le orme del padre: un ingegnere navale che lavora come responsabile della manutenzione delle navi. Lo scorso settembre Menis ha iniziato la scuola marittima di Chios. «Non ho detto a nessuno dei miei nuovi colleghi dei miei trascorsi nella fisica. In Grecia di questi tempi avere studiato troppo è uno svantaggio».

In una fase critica dove la crisi del debito ha eroso anche le più recenti conquiste economiche del Paese, il dibattito sul ritorno alla terra è molto sentito. Nessuno però sa dire con certezza se rappresenti un passo in avanti o indietro. «I miei genitori vengono dalla campagna. Io ho studiato per evitare di fare lo stesso. Loro poi sono diventati insegnanti, mentre loro figlia ha studiato per tornare a lavorare la terra», racconta Tricha. «Per me è un progresso, perché che da troppo trascuriamo i campi». Altri considerano una simile tendenza scoraggiante. Georgia Poumpoura, 73 anni, divide il proprio tempo tra Atene, dove ha cresciuto la propria famiglia, e Mesta, dove è cresciuta in povertà e dove oggi la sua pensione le consente un maggiore potere d´acquisto. «Ho tre figli», spiega. «Tutti e tre ingegneri, ma disoccupati. Ad Atene vivono a fatica. Qui mio marito e io sbarchiamo il lunario, ma abbiamo ridotto di molto le spese», aggiunge. Se i suoi figli tornassero a Chios però, ne sarebbe delusa. «Ho lavorato sodo perché i miei figli e i miei nipoti potessero studiare all´università», dichiara. «Se tornassero qui, i miei sforzi sarebbero stati vani».

© The New York Times-La Repubblica, Traduzione di Marzia Porta
Sullo stesso tema
Un intervento di Marc Augé e un articolo di Fabio Tonacci uniti da un denominatore comune. La, 1 ottobre 2012, postilla. (f.b.)
Rita Querzé
Il non detto di un articolo dedicato al lavoro: cosa può cambiare, a destra o a sinistra, per la città e il territorio. Corriere della Sera, 20 settembre 2012, postilla. (f.b.)
Lucia Tozzi
Che ci azzeccano i protagonisti e gli aspiranti allo star system con i "commons"? Continua il furto delle parole giuste da parte dei propagandisti delle pratiche sbagliate. Alfabeta2 settembre 2012
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg