Dibattito pubblico, da eccezione a regola
Manuela Cappello
Dopo un lungo e complesso lavoro di esame e discussione, durato ben 13 mesi, il Regolamento sul Dibattito Pubblico è stato finalmente votato nel Consiglio Comunale di Genova, con 25 voti favorevoli, 1 astenuto, 13 contrari.

Con questo regolamento finalmente la partecipazione dei cittadini diventerà un fatto concreto e non solo una dichiarazione di principio.
Per le opere di rilevanza strategica con forte impatto ambientale, economico e sociale, il regolamento stabilisce un percorso standardizzato per decidere quali opere sono da considerarsi rilevanti, quali strategiche, come valutarle, come sottoporle, e perché, ad un trasparente “dibattito pubblico”.

Il dibattito possiede il sostanziale requisito di essere preliminare alle scelte e prevedere l'opzione zero. Per come è formulato, introduce un meccanismo di analisi dei progetti che permette di valutarli con maggiore attenzione, migliorarli, che prevede la discussione in contesti strutturati, competenti e aperti, che agevola i processi autorizzativi, evitando blocchi a posteriori (per ricorsi o opposizioni), che coinvolge e responsabilizza i consiglieri comunali e che d’altro canto porterà ad una maggiore responsabilizzazione civica, una cittadinanza consapevole.
Il regolamento risponde ad un’esigenza di coinvolgimento più diretto e incisivo dei cittiadini nelle scelte per il governo del territorio e nella tutela dei beni comuni. I Forum dell’acqua, del territorio, dei rifiuti, della mobilità, delle infrastrutture sono sempre più competenti e partecipati, con proposte che col tempo risultano lungimiranti e vincenti.

Dimostrazione ne è la risposta referendaria del 12-13 giugno, dove 27 milioni di italiani hanno deciso che era giunto il momento di non delegare ed esprimersi per una posizione chiara sull’acqua e sul nucleare. Una democrazia rappresentativa che si possa definire matura, non può più sfuggire al confronto con il territorio, non può più arrogarsi il diritto di scegliere senza sapere, senza ascoltare, senza essere consapevole dei danni che certe scelte possono portare.

Qui di seguito è scaricabile il testo della delibera, con allegato il regolamento
Sullo stesso tema
Elettra Malossi
La regione Emilia Romagna ha puntato da tempo alle unioni di comuni, come forma stabile di coordinamento dei comuni appartenenti ad ambiti territoriali ottimali...
Norberto Vaccari
Un commento sull'edizione dei Seminari di eddyburg tenutosi a Pistoia nel 2017
Giuseppe Boatti e Carlotta Di Cerbo e Ma
E' necessario rivolgersi alla magistratura per ottenere che i cittadini, riuniti in un comitato responsabile e propositivo, ottengano il privilegio di dialogare con il Comune? Il caso della Goccia, un'area verde pari all'intero Parco Sempione.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg