Friburgo 3-5 novembre 2011: programma dell'iniziativa
Eddyburg
Le finalità e il programma della visita guidata a Friburgo e ai quartieri Vauban e Rieselfed, 3-5 novembre 2011

Le ragioni della visita
Come sarà la città del prossimo futuro? Peter Newman la descrive così: piste ciclabili e strade libere dalle auto collegano le case-solari ai negozi, alle aree verdi e ai servizi, oppure a una fermata del tram per raggiungere un posto più lontano in città. Davanti alla scuola i genitori aspettano in bici o a piedi i loro figli, e non rinchiusi nelle loro auto. È presente un negozio, dove gli agricoltori del posto vendono prodotti biologici… Uno stereotipo? Un’utopia? Non esattamente, dato che coincide con la descrizione del quartiere Vauban a Friburgo.
Vauban è un quartiere speciale in una città altrettanto speciale. Da molti anni l’amministrazione di Friburgo ha fatto della pianificazione ambientalmente orientata un vero e proprio tratto distintivo. Friburgo “green city” e “solar city” non sono slogan inappropriati: dagli anni settanta, in modo continuativo, la città investe risorse e impegno amministrativo nel settore della mobilità, dell’energia, del verde, dell’urbanistica.


La visita ha un duplice scopo: percorrere la città per verificare sul campo le effettive realizzazioni, e incontrare alcuni interlocutori-chiave per approfondire quei temi che alla scuola di eddyburg del 2009 sono stati affrontati in modo necessariamente speditivo, come la vivibilità e gli spazi pubblici, le relazioni tra i luoghi e le attività che in esse si svolgono, i modi di coinvolgimento delle persone nella costruzione degli spazi e nella loro successiva gestione.
Agli amministratori locali chiediamo di aiutarci a capire i seguenti aspetti:
- come hanno fatto “i conti in tasca” al recupero urbano (quali costi pubblici, quali benefici privati, quali forme di finanziamento, quali spese ripagate da vendite/affitti, ecc)?
- come costruire un'autorevole partnership pubblico-privato (quante persone sono state coinvolte, quali ruoli sono stati mantenuti al pubblico, chi e come ha sorvegliato/valutato, quali “accordi” sono stati necessari, ecc)?
- come gestire una politica urbana pluriennale, complessa, integrata (come si sono sviluppate e aggiornate le politiche urbane negli ultimi 20 anni? Quanti e quali strumenti? ecc.)


Programma
La trasferta a Friburgo si svolge il 3-4-5 novembre 2011.
Prevede:
- partenza da Bologna, la mattina di giovedì 3 novembre.
- viaggio in pullman da 30/40 posti (ditta Ricci Bus).
- visita giudata della città di Friburgo con il tram (Vauban, Rieselfeld)
- incontro con il direttore dell’ufficio di piano Wulf Daseking, per illustrare la genesi di Vauban nel contesto di Friburgo Green city
- durante il ritorno, una sosta a Lucerna, per visitare il centro storico, il centro congressi (Nouvel) la nuova stazione ferroviaria (Calatrava);
- rientro a Bologna, nella serata di sabato 5 novembre.
Incontri e interviste sono in lingua inglese e in tedesco, con nostro aiuto per la traduzione.
Sullo stesso tema
Mauro Baioni
Articoli pubblicati in eddyburg e Mall e qualche indicazione essenziale ulteriore su Friburgo e il quartiere Vauban
Serena Righini
Impianto fondiario, distribuzione degli usi, disegno degli spazi pubblici e del verde, mobilità, uso delle risorse ambientali: un'applicazione concreta di consolidati principi di pianificazione urbanistica.
Mauro Baioni
Vauban è un quartiere speciale in una città altrettanto speciale: Friburgo. Dagli anni 70 la città investe risorse e impegno amministrativo nella mobilità, l’energia, il verde, l’urbanistica. Con ottimi risultati.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg