Piove, tragedia alla Spezia
William Domenichini
William Domenichini Piove, tragedia alla Spezia
« É ora di dire basta alla cementificazione del territorio, basta al suo abbandono, basta a grandi opere inutili alla collettività». Una testimonianza dal luigo del’ennesimo disastro dello sviluppo insensato. Scritto per eddyburg
Una bomba d'acqua impressionante. Oltre 500 mm di pioggia in un'ora e la provincia della Spezia è messa letteralmente in ginocchio: l'Aurelia bloccata, l'autostrada A12 interrotta da una frana che travolge un Tir: l'autista, vivo per miracolo, viene trasportato in gravi condizioni all'ospedale spezzino. Dall'entroterra alla riviera, una frana blocca la sede ferroviaria vicino alla stazione di Vernazza, nelle Cinque Terre, e come a Monterosso il borgo è inondato dal fango e dall'acqua.

Un bilancio drammatico che conta anche vite umane ed è in continuo aggiornamento. Il giorno dopo la tragedia si contano 5 morti e tanti dispersi. Decine di persone rimangono bloccate dalle interruzioni stradali e trovano il conforto e l'ospitalità della gente della val di Vara, mentre l'unico accesso alla provincia spezzina può avvenire da Firenze. Non solo la provincia spezzina: anche la Lunigiana è decimata tra vittime e danni incalcolabili sono isolati i centri di Pontremoli e di Villafranca.

Le Cinque Terre travolte dal fango, la Val di Vara piegata dall'alluvione del fiume e più a sud il Magra incombe sulle vite degli abitati di Ameglia, in una notte da incubo, dopo aver visto crollato il ponte che attraversa il Magra. Tutto ciò a distanza di pochi mesi da stessi eventi, quando nel 2009 il Magra inondava le case e le officine, la terra franava a Follo sfollando decine di persone. Oggi un allerta 2 scatena il finimondo i quasi tutti i comuni dello spezzino.

Cambia il clima e nessuno si assume responsabilità in tal senso: continua la cementificazione che inesorabilmente impermeabilizza il territorio, continua l'abbandono delle campagne, continua il restringimento degli alvei fluviali e la natura presenta il suo conto, mentre lo Stato abbandona il territorio e non stanzia nulla per preservarlo.

«I processi ecologici non possono essere beffati», ed ironia della sorte l'area che tra pochi giorni avrebbe dovuto vedere la posa della prima pietra di un mega outlet a Brugnato, oggi è al centro di una tragedia e quell'area si trova completamente inondata da quel fiume che si ribella alla violenza di chi vuole privatizzare i ricavi e socializzare le perdite.

E' difficile stilare bilanci quando le variabili sono le vite umane. I brividi che percorrono il corpo sono gli stessi di quando muore un lavoratore in un cantiere, ma la risposta che dobbiamo dare, oltre alla doverosa solidarietà, umana e concreta vicinanza alla gente spezzina, è dire basta alla cementificazione del territorio, è dire basta al suo abbandono, è dire basta a grandi opere inutili alla collettività. E' ora di attuare la più grande opera per questo paese: rendiamolo idrologicamente sicuro.

Sullo stesso tema
Elettra Malossi
La regione Emilia Romagna ha puntato da tempo alle unioni di comuni, come forma stabile di coordinamento dei comuni appartenenti ad ambiti territoriali ottimali...
Norberto Vaccari
Un commento sull'edizione dei Seminari di eddyburg tenutosi a Pistoia nel 2017
Giuseppe Boatti e Carlotta Di Cerbo e Ma
E' necessario rivolgersi alla magistratura per ottenere che i cittadini, riuniti in un comitato responsabile e propositivo, ottengano il privilegio di dialogare con il Comune? Il caso della Goccia, un'area verde pari all'intero Parco Sempione.
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg