I nuovi Sacerdoti
Maurizio De Caro
Vivono di retorica e si nutrono di ritagli di vecchi giornali. Bric à brac delle scienze progettuali hanno poche idee ma chiarissime, come sparare nel mucchio: cemento, palazzinari, ladri, tintinnar di manette, accordi sottobanco, corruzione e speculazione, destra, sinistra. Meglio un parco o il cemento armato? Facile no? Urlano alla luna e temono scenari apocalittici, i veggenti a gettone. I nuovi Sacerdoti sono ligi al culto misoneista del mantenere il passato come totem e cantano in coro “là dove c’era l’erba oggi c’è una città”. Credono di essere progressisti ma vivono concettualmente prossimi all’anno mille (non più mille). Hanno paura del nuovo, dell’azzardo, dello stupore, del fascino dell’imprevedibile, di tutto ciò che rappresenta la contemporaneità. Mai una parola sull’estetica delle loro città, solo colate, e colate: Etna di squallore brullo e senza speranza da contrastare, invece loro, i nuovi Sacerdoti piste e piste e piste ciclabili nel parco-città, circondate da planetarie piste ciclabili nel verde tra farfalle e buganville. Amano i vecchi pianificatori che non avendo più nulla da dire continuano a ripetercelo, e sperano in rivalse professionali per figli e parenti, dopo anni di astinenze, vissute nella volgarità del potere dominante. I nuovi Sacerdoti non amano il confronto, perché sono tronfi di certezze, ma godono nell’urlo sgraziato che riuscirà a spaventare i già pavidi imprenditori. Urla nel silenzio e in assenza di consenso elettorale, occupano militarmente con trafiletti improbabili giornali e giornaletti per i tre soliti lettori estasiati da tanta sensibilità ambientale. Non ci piacciono molto i nuovi sacerdoti che scagliano il sasso contro intere categorie di professionisti già afflitti da precariato intellettuale, e ci piacerebbe poter influenzare, con pari grida, le professioni e il loro futuro. Nel nome della rosa chiedo ai pochi uomini di buona volontà di allontanare la tentazione di tornare a quell’oscurantismo monotematico che favorisce la resistibile ascesa di questi nuovi Sacerdoti, esenti da peccato originale e quindi particolarmente soggetti alla prassi del moralismo (urbanistico e non). La predicazione prevedibile dei nuovi Sacerdoti potrebbe essere letale al nostro Giuliano l’Apostata
Sullo stesso tema
Maria Mantello
, 19 giugno 2018. Un intervento a braccio del Papa che riconferma la sessuofobia e lo sguardo feroce della Chiesa nei confronti delle donne (m.c.g.)
Francesco Pepino
Dalla rubrica lettere del
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg