Il ritorno dei cittadini
Giangiacomo Schiavi
Puro buon senso: più che una analisi dei flussi elettorali una constatazione sulla domanda di politica e democrazia. Corriere della Sera Milano, 21 maggio 2011 (f.b.)
Stupisce soltanto chi non conosce Milano, il risveglio civico di una città che si interroga da tempo su se stessa e sull’orgoglio perduto. Nel voto che ha spiazzato il centrodestra e sorpreso il centrosinistra c’è molto dell’indignazione che si legge ogni giorno nelle lettere ai giornali, insieme a una richiesta di attenzione della politica e alla domanda di maggiore serietà. Serietà intesa come rispetto, efficienza, controllo, garanzia di equità: messaggi che la città operosa recapita da anni a chi governa attraverso incontri e dibattiti che finiscono inesorabilmente con una domanda: dov’è Milano, dove sono i milanesi. Milano è nello stesso posto di sempre.

Coi suoi numeri da record, i suoi primati, le sue opportunità, tra lampi di luce e zone d’ombra, prove riuscite d’integrazione e nicchie di paura. I milanesi invece sembrano dispersi, perduti in mille isole di resistenza civile: molti si battono per il verde, per una strada, per un quartiere, portano il bene della solidarietà agli emarginati di ogni tipo, malati, anziani, disabili, immigrati, carcerati. Chiedono una città più pulita, più ordinata, la sicurezza senza il coprifuoco, l’attenzione per le piccole cose. Ma spesso bisogna andarli a cercare, per riunire intorno ad un progetto le tante articolazioni di una società minuta in fermento, che si dà da fare per migliorare il benessere dei cittadini e la qualità della vita.

Giuliano Pisapia ha incrociato questo fermento, quel new deal civico organizzato negli ultimi anni in piccoli centri di opinione, associazioni culturali, gruppi di lavoro nei quartieri e nelle parrocchie, che il Corriere aveva documentato nel suo viaggio in camper, attraverso le varie zone della città. Ha dato attenzione e ascolto ai cittadini, in modo semplice e diretto, a differenza della campagna elettorale di Letizia Moratti. Il sindaco uscente aveva già avuto segnali in questo senso, qualcuno aveva già evidenziato la distanza eccessiva tra richieste dei cittadini e Palazzo Marino.

Quando cinquecento persone si autoconvocano al teatro Puccini per discutere del «Manifesto per Milano» , come nel giugno dello scorso anno, vuol dire che c’è una ritrovata voglia di partecipare alle scelte per il futuro della città. Vuol dire che tanti cittadini chiedono ascolto sui loro piccoli e grandi problemi, o vogliono, come il cardinale Tettamanzi, essere protagonisti di una Milano capace di ritrovare la sua leadership nel Paese. Ci si vuole riconoscere in una città capace di dare il giusto valore al merito, di fornire qualche buon esempio e di allontanare il virus della volgarità. Nel «Manifesto per Milano» ci sono parole come rispetto, competenza, responsabilità. Sono parole che ci riguardano (diversamente da quelle del caso Lassini, contro i magistrati). Queste parole torneranno a ripetersi in questi giorni. Ma non si possono svendere nel marketing elettorale.

Sullo stesso tema
Guido Viale
Un’analisi del disastro che ci stanno preparando, in Italia e in Europa, e l’indicazione dell’alternativa possibile. Il manifesto, 4 gennaio 2012
Paolo Berdini
Non è chiaro se l’obiettivo del governo Monti è quello di colpire le rendite urbane oppure quello di consentire agli investitori di cacciare gli abitanti dai centri urbani. Il contesto sembra accreditare la seconda ipotesi. il manifesto, 30 dicembre 2011
Ugo Mattei
«Non si può essere di sinistra auspicando un mondo in cui ogni spazio di vita si piega alle esigenze del mercato». Il manifesto, 30 dicembre 2011
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg