Città che muoiono e (a volte) risorgono: la Milano dell’Expo guardi Torino
David Bidussa
Nel senso proposto dal Corriere della Sera, 18 maggio 2011, sinistra e destra sono davvero un po’ uguali, almeno nel faticare molto a capire certe cose (f.b.)
Ci sono buoni motivi per cui se dovesse guardare al futuro, oggi Milano dovrebbe cercare di riflettere su Torino e cercare di capire che cosa lì ha funzionato in questi anni e dunque che cosa consente a un sindaco uscente di passare il testimone al candidato della sua parte politica, mentre a Milano, forse, potrebbe non accadere. Si potrebbe banalmente osservare che il confronto è tra destra e sinistra, tra una parte che guarda al benessere individuale e una che si pone come obiettivo il bene comune. Non credo che sia una distinzione efficace. La stessa parte politica che vince a Torino è in affanno in altre realtà (basterebbe guardare Napoli, Bologna, dove pure vince). La questione è molto più radicale e riguarda un’idea di città che si ha in testa e la capacità di sfruttare le opportunità che si hanno. È indubbio che Torino ha attraversato una lunga crisi tra gli anni 80 e gli anni 90 e che le Olimpiadi del 2006 siano state l’opportunità di ripensarsi dopo la città industriale, riscrivendo un modello urbano che ha voluto dire: pedonalizzazione del centro; costruzione di una linea di metropolitana tecnologicamente all’avanguardia; organizzazione di spazi museali, riqualificazione del centro. In breve una riappropriazione dello spazio pubblico da parte dei cittadini che oggi hanno luoghi, momenti, occasioni, e soprattutto un’offerta che non li costringe a casa, o a stringersi sui marciapiedi. Infine una vivibilità che consente a tutte le fasce di età (dai bambini ai nonni) di muoversi nelle sue strade fino a tarda sera. Non è un risultato di per sé ascrivibile alla sinistra. Una intelligente amministrazione di centrodestra che non costruisse tutta la sua propaganda politica sul doppio principio di far provare paura e di indicare poi chi incolpare, avrebbe tutte le capacità di seguire le stesse orme. Milano, peraltro, avrebbe anche l’opportunità segnata da un’occasione come l’Expo per intraprenderla, ma dovrebbe uscire dal suo guscio e valutare che cosa è accaduto negli ultimi venti anni nelle città che erano morte e che sono improvvisamente risorte. David Bidussa
Sullo stesso tema
Un intervento di Marc Augé e un articolo di Fabio Tonacci uniti da un denominatore comune. La, 1 ottobre 2012, postilla. (f.b.)
Rita Querzé
Il non detto di un articolo dedicato al lavoro: cosa può cambiare, a destra o a sinistra, per la città e il territorio. Corriere della Sera, 20 settembre 2012, postilla. (f.b.)
Lucia Tozzi
Che ci azzeccano i protagonisti e gli aspiranti allo star system con i "commons"? Continua il furto delle parole giuste da parte dei propagandisti delle pratiche sbagliate. Alfabeta2 settembre 2012
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg