Un piano urbanistico non è acqua: il PUC di Alghero"
Ivan Ble?i?
Alghero (SS), 15 aprile 2011 - Ad Alghero, un pianto ricorrente è che il Comune tarda con l'approvazione del Piano Urbanistico Comunale (PUC). E quindi: "dateci il PUC!", "serve approvare il PUC!", "vogliamo il PUC!”. Come se il PUC fosse come l'acqua: quando hai sete, la bevi, punto e basta.

Non è così. Un PUC fa scelte, urbanistiche e politiche. Non esiste IL PUC, esistono molti PUC possibili, e non è affatto indifferente quale PUC, con quali contenuti, con quali scelte, approvare. Questo pare che molti lo ignorino (mentre alcuni lo sanno benissimo!).

Anziché dire "vogliamo il PUC", serve dire "vorremmo questo o quel PUC". Anziché dire "approvate al più presto il PUC", serve dire "fateci capire che cosa prevede, quali contenuti ha, l'attuale proposta di PUC".

Ma se chiedete a molte persone ad Alghero, scoprite che ne sanno poco, pensano o sembrano pensare (o fanno finta di sembrare che pensano) che si tratti di un atto puramente tecnico, da sbrigare tra tecnici ed urbanisti, e poi approvare alla svelta in Consiglio Comunale (magari in "seconda convocazione"), come se fosse, che so, la sincronizzazione dei semafori agli incroci; come se fosse, appunto, l'acqua da bere.

Per questo, ho messo su un piccolo blog che intende informare sui contenuti e avviare una discussione nel merito delle scelte contenute nella proposta del PUC di Alghero. Fiducioso che un PUC migliore (vorrei dire, cioè, più giusto), sia possibile.

Tra le cose che vorrei raccontare è che cosa succede al PUC se ci vogliono vent’anni per farlo. Vorrei mostrare che succede che a un impianto analitico rigoroso e adeguato si sovrappongano scelte incoerenti e immotivate; che il piano sia senz’anima o con troppe anime, che non sappia scegliere, e che poi il “diavolo” compaia nei

dettagli.

Ecco il mio blog: http://pucalghero.blogspot.com/. I commenti sono graditi, e utili.

Sullo stesso tema
Il documento (1967), distribuito in tutte le scuole di Tricarico, avvia la partecipazione attraverso la conoscenza precoce della realtà e dei suoi problemi. Ne inseriamo le prime due pagine; in calce è scaricabile il testo completo
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg