Il nuovo volto della protesta
Luciano Gallino
Che cosa insegna la vittoria operaia all’INNSE e quali problemi apre. La Repubblica, 13 agosto 2009, con postilla
Trarre indicazioni di carattere generale dalle vicende di due imprese medio-piccole in difficoltà – la Innse di Lambrate e la Cim di Marcellina – che occupano in tutto meno di duecento operai, a fronte di migliaia d’altre imprese che nelle regioni italiane si trovano in condizioni simili e hanno centinaia di migliaia di dipendenti, sembra davvero un azzardo. Resta il fatto che la rapidissima e dichiarata imitazione del comportamento dei lavoratori della prima da parte di quelli della seconda, e il non meno rapido successo nell’impedire la chiusura della fabbrica, ormai certo nel caso della Innse, e assai probabile nel caso della Cim, abbiano indotto molti a chiedersi quale significato può leggersi nelle due vicende.

Ricordiamo gli aspetti principali di esse. Anziché mettersi tutti in sciopero dinanzi alla preannunciata chiusura o smantellamento della propria fabbrica, succede che un piccolo gruppo di operai, non più di cinque-sette in ambedue i casi, sale su una struttura alta decine di metri – un carro ponte alla Innse, una torre di lavorazione di materiali cementiferi alla Cim – e sopportando seri disagi e pericoli dichiara che non scenderà a terra se la fabbrica non verrà salvata. Non si tratta d’una occupazione di azienda secondo i canoni classici; il resto della fabbrica è deserto – anche con l’aiuto, nel caso Innse, di interventi della polizia. Ma degli operai arroccati su alte strutture parla l’intero paese, i media vi dedicano spazi quasi mai visti nemmeno per scioperi con milioni di partecipanti, si muovono sindaci, prefetti, questori, e ovviamente i vertici sindacali.

Mentre questo è l’aspetto più noto e discusso, i commenti hanno riguardato assai meno il fatto che nessuna delle due imprese aveva in realtà problemi di produzione o di mercato. Sotto il profilo economico, ambedue andavano piuttosto bene. Il proprietario della Innse voleva venderla a un acquirente cui interessavano soltanto i macchinari, non l’azienda; la Cim rischiava (è d’obbligo l’imperfetto) la chiusura perché il comune ha indetto in passato un bando pubblico per l’affitto dell’area su cui sorge lo stabilimento – con prevedibile vittoria di qualche società immobiliare – senza sottacere che l’azienda pare non avesse pagato il canone dovuto. Forti interessi immobiliari, è stato scritto, si muovevano anche nello sfondo della vendita dell’Innse. In altre parole, pare doversi concludere che ai proprietari delle imprese e delle aree non interessasse granché assicurare la continuità delle due fabbriche, ma piuttosto trarre un utile dalla loro chiusura.

Grazie al loro comportamento, una dozzina appena di operai otterranno, a beneficio di tutti, quello che nemmeno uno sciopero di sei mesi di tutti i dipendenti sarebbe probabilmente mai riuscito ad ottenere: salvare in pochi giorni le due fabbriche. Visto il successo, troveranno altri imitatori? C’è da aspettarsi che in dieci o cento altre imprese che minacciano licenziamenti piccoli gruppi di lavoratori si pongano volutamente in una situazione pericolosa intanto per richiamare l’attenzione, poi per sollecitare chi può a intervenire per compiere salvataggi più o meno veloci? La possibilità esiste. Ma occorre considerare innanzitutto che se la Innse o la Cim avessero avuto milioni di debito, o fossero afflitte da una falcidia degli ordinativi, o mostrassero una produttività insoddisfacente nel loro settore, come si osserva per tante aziende in crisi, il loro salvataggio sicuramente non sarebbe arrivato così presto, e forse non sarebbe arrivato mai. In secondo luogo è certo che dopo il quarto o il quinto caso, se mai si verificassero, l’attenzione dei media, nonché di prefetti, questori e consigli comunali scenderebbe velocemente verso lo zero, e con essa la probabilità di trovare qualche tipo di soluzione.

C’è però un punto da tenere presente. Un operaio della Innse, dialogando a Radio Popolare con i compagni della Cim, ha detto che «il vecchio tipo di lotta, lo sciopero, non funziona più. Bisogna utilizzare altre forme di lotta». Per quanto riguarda le grandi vertenze contrattuali, è probabile che al momento la sua previsione sia sbagliata. Ma per molte questioni che hanno a che fare con gli innumeri marchingegni usualmente messi in opera al fine ultimo di tagliare l’occupazione, dalla cessione di rami d’impresa alle fusioni e acquisizioni i quali hanno come risultato che due più due fa sempre tre, è possibile invece che abbia ragione. Nessuno vorrebbe rivedere operai che rischiano la vita restando per giorni interi su strutture alte trenta o quaranta metri. Però bisogna riconoscere che la loro protesta, in questi casi, non ha danneggiato nessun soggetto terzo, ha inciso in misura minima sul reddito dei lavoratori interessati, e neppure ha recato alcuna menomazione agli impianti. Ed ha avuto un rapido successo. In altre parole, è stata una protesta ben inventata quanto efficace. Poiché la crisi delle imprese piccole e medie sarà indubbiamente lunga e severa, e i mezzi per scaricarne i costi anzitutto sui lavoratori sono soprattutto nelle mani della proprietà e delle direzioni, v’è da prevedere, se non anzi da augurarsi nell’interesse generale, che altre forme di protesta parimenti ben concepite – di tipo non-sciopero, e meglio se meno rischiose – emergeranno nel prossimo autunno.

Postilla

Meglio ancora sarebbe se (1) fosse drasticamente disincentivata la speculazione immobiliare sulle aree dismesse, con un’adeguata politica urbanistica; (2) vi fosse una politica nazionale volta a stimolare gli investimenti produttivi e penalizzare quelli improduttivi, anche con forti tassazioni delle rendite finanziarie e immobiliari; (3) stampa e televisione non si occupassero soltanto degli eventi eccezionali e straordinari ma si impegnassero a formare l’opinione pubblica e non a titillarne gli istinti.
Insomma, non può essere solo la classe operaia a positivamente allo smantellamento del capitale industriale, ma il compiito spetta anche – e forse in primo luogo – alla politica e alla cultura.

Sullo stesso tema
Rossana Rossanda
Un’analisi spietata e lucida, critica e autocritica della realtà, una conclusione da inserire nelle pagine memorabili. Il manifesto, 8 marzo 2009
Nadia Urbinati
“Il privato è entrato prepotente nel pubblico e lo ha colonizzato e cambiato, proprio a partire dal linguaggio”. La Repubblica, 18 dicembre 2009
Barbara Spinelli
Dalla Signora dei commenti politici un po’ di speranza in un ragionamento consapevole della storia. La Stampa, 13 dicembre 2009
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg