Chi ha vinto in Val di Susa?
Alfredo Drufuca
Le barbare semplificazioni dei mass media non lasciano comprendere quello che è successo in Val di Susa. Ecco una informazione di prima mano per eddyburg, e il documento ufficiale dell’accordo
Certo che districarsi tra articoli, dichiarazioni ed interviste si fa fatica a capire cosa è successo in Val di Susa, tanto che viene il dubbio che anche tra i commentatori in pochi abbiano letto con attenzione le carte.
Non resta quindi che leggere il testo originale delle conclusioni dell’Osservatorio (sono solo sei pagine) che non è l’accordo politico sul quale le parti convengono, ma solo l’avvio della fase di discussione politica che si aprirà nei prossimi giorni da una parte nel governo e dall’altra tra gli enti locali.

Ci limitiamo qui pertanto a fornire una guida essenziale a ritrovare nel documento le cose davvero fondamentali che sono:
1. il documento non dice nessun sì al tunnel ma parla di politiche integrate del trasporto sui valichi e di modalità di progettazione delle nuove opere. E’ la prima acquisizione, dalla quale discendono tutte le altre, e che reintroduce elementi ‘alti’ di politica nazionale dove sino a ieri c’era solo l’interesse diretto o indiretto dei ‘promotori’;
2. il documento quindi non prevede nessuna data di ‘inizio lavori’, che era invece l’obiettivo irrinunciabile che i ‘promotori’ hanno sempre tentato di far passare;
3. le buone intenzioni o le petizioni di principio sono sostituite dalla verifica dei risultati raggiunti in termini di trasferimento modale delle merci e dei passeggeri, quali precondizioni per il proseguimento del processo;
4. tutte le azioni in territorio italiano (le politiche , le progettazioni, le opere) devono avere una gestione unitaria con il concorso delle comunità locali ed in presenza di un monitoraggio continuo dei loro effetti;
5. c’è l’accordo ad operare per fasi, anche se questo resta – non a caso - il punto nel quale l’osservatorio non può comporre la divergenza e lo denuncia esplicitamente: fasi condizionate dall’effettivo raggiungimento di predefiniti livelli di traffico e di saturazione della linea (i sindaci), ovvero fasi concatenate in una tempistica progettualmente predefinita (i promotori);
6. l’esatta fasizzazione del progetto, gli standard tecnici da adottare, la definizione dei tracciati vengono demandati alla prossima fase di progettazione preliminare che dovrà tuttavia tener conto di alcuni fondamentali capisaldi territoriali e funzionali (che, si nota per inciso, erano tutti assenti nel progetto originale del ‘supertunnel’), ed avverrà con la partecipazione attiva e responsabile di esperti nominati dagli enti territoriali.

In definitiva sbaglia sia chi dice che hanno vinto i promotori, sia chi dice che hanno vinto i sindaci. Oggi non ci sono né vincitori né vinti: ci sono solo regole nuove e più trasparenti per continuare a giocare la prossima partita.

Il precedente articolo di Drufuca sukk'iniziatia dei sindaci è qui

Sullo stesso tema
Elettra Malossi
La regione Emilia Romagna ha puntato da tempo alle unioni di comuni, come forma stabile di coordinamento dei comuni appartenenti ad ambiti territoriali ottimali...
Norberto Vaccari
Carissimi Eddy, Ilaria e Mauro (sì vi considero degli amici, molto speciali, che con le attività e le parole mi fanno dei favolosi regali),vorrei dirvi che questa puntata della SDE è stata veramente molto interessante e utile.Nel mio piccolo intervento avrei voluto dire tante cose ma mi sono rimaste dentro.Provo a scriverle.
Giuseppe Boatti e Carlotta Di Cerbo e Ma
E' necessario rivolgersi alla magistratura per ottenere che i cittadini, riuniti in un comitato responsabile e propositivo, ottengano il privilegio di dialogare con il Comune? Il caso della Goccia, un'area verde pari all'intero Parco Sempione.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg