Eddytoriale 35 (19 gennaio 2004)
Eddyburg
19 gennaio 2004– Strano paese l’Italia. Avete seguito la vicenda dell’auditorium di Niemayer a Ravello? In eddyburg trovate molti materiali. Trovate, tra l’altro, l’appello con il quale 165 intellettuali ritengono “ingiustificato l’attacco di Italia Nostra e del WWF contro l’Auditorium progettato da Oscar Niemeyer per Ravello”, e dichiarano che l’auditorium “ha un’importanza strategica per lo sviluppo culturale ed economico della Regione; è firmato da uno dei massimi architetti viventi; rispetta scrupolosamente le norme urbanistiche” e così via.
Peccato che alcune cose non siano vere. Peccato che la regola che vige in quell’area (e in tutta la penisola amalfitana) sia quella del piano urbanistico territoriale approvato con legge regionale e mai abrogata. Peccato che la giustizia amministrativa lo abbia già accertato, con l’ordinanza n. 1350 del 5 luglio 2000 del Tribunale amministrativo regionale, e che perciò non sia vero che quel progetto “; rispetta scrupolosamente le norme urbanistiche”.

Intendiamoci. Col progetto di Niemeyer si può essere d’accordo o no. A me, personalmente, l’oggetto non piace. Soprattutto non piace lì: non ritengo che quell’area richieda altri interventi se non quelli della “pulizia” dei piccoli interventi abusivi, di un’attenta e continua manutenzione, della intelligente valorizzazione degli splendidi spazi e volumi che già la rendono ricca di incomparabile valore. E mi sembra pericoloso aggiungere un ulteriore elemento di forte richiamo (in quel contesto 400 posti non sono pochi) in un ambiente le cui infrastrutture sono già congestionate e, per poter “smaltire il traffico”, sono già state oggetto di interventi orripilanti. A me, insomma, un nuovo oggetto lì mi sembra inutile e dannoso. Comprendo però che si possano avere pareri, e gusti, diversi. Che si possa amare così forsennatamente Oscar Niemeyer da considerare un suo oggetto lì così importante da meritare qualche rischio in più di allargare le strade d’accesso. Che si possa apprezzare così poco il paesaggio delle ville Rufolo ed Episcopi da volerlo migliorare con qualche nuovo inserimento. De gustibus non est disputandum (traduco per i moderni: “non si discute sui gusti”).

Ciò che non comprendo è come mai personaggi così seri, autorevoli, intelligenti, sicuramente democratici quali sono indubbiamente tutti i firmatari (che vanno da Oliviero Beha a Massimo Cacciari, da Vittorino Andreoli a Corrado Augias, da Attilio Belli a Fausto Bertinotti, da Laura Balbo a Franco Barbagallo, da Mario Manieri Elia a Paolo Sylos Labini, da Vittorio Sermonti ad Alberto Wite, da Ermete Realacci a Giorgio Ruffolo, da Remo Bodei a Cesare de Seta, da Antonio Girelli a Benedetto Gravagnuolo, da Miriam Mafai a Giovanni Valentini, da Cesare Stevan a Roman Vlad, e tanti altri) siano così indifferenti della questione della legalità.

Perchè di questo si tratta, prima di ogni altra cosa. Esiste una regola, definita con legge, valida nei confronti di tutti. Questa legge stabilisce che cosa, nella penisola amalfitana, si può fare e non si può fare. È abbastanza rigorosa: è stata fatta nel clima della legge Galasso, della protezione dei paesaggi naturali e storici. Ed è impressionante, scorrendo sulla stampa locale le dichiarazione dei difensori dell’auditorium, scoprire come la legge venga vista come un impaccio burocratico, una fastidiosa remora, qualcosa comunque che è del tutto impari rispetto alla nobiltà di un progetto firmato dall’Architetto Oscar Niemayer. Come la legge venga considerata qualcosa che si può “correggere”, o magari semplicemente “interpretare”, purché l’Opera Bella prevalga.

Amici, maestri, sono spaventato. Perché la logica è quella stessa di Berlusconi.

Sullo stesso tema
Eddyburg
Ha avuto coraggio Renato Soru, il presidente della Regione Sardegna, ha avuto coraggio la Giunta regionale nell’approvare il provvedimento di salvaguardia temporanea delle coste. Un atto, oggi, controcorrente. Un atto controcorrente in un’Italia in cui scoppiano le rivolte contro i “termovalorizzatori” perché si è appaltata ai privati la loro localizzazione, invece di farne l’oggetto di una pianificazione regionale, trasparente e partecipata. Un atto controcorrente in un’Italia in cui il governo vuole sottrarre alle regioni la preoccupazione della tutela dell’ambiente (e i “Governatori” non insorgono come un sol uomo).
Eddyburg
9 gennaio 2004– Un incidente tecnico ha mandato in fumo il nuovo EddyburgRiprendo, con l’anno nuovo, l’aggiornamento del vecchio. E mi domando che cosa vorrei vedere accadere nel 2004 (oltre alla nascita del nuovo Eddyburg) per dare torto al pessimismo di Altan. Tante cose.
Eddyburg
31 gennaio 2004 – Si discute della legge urbanistica (non della “riforma”: questa parola, una volta coniugata a “struttura economico-sociale”, oggi si accompagna solo a devoluscion, premierato, magistratura: più potere a me, meno potere a te). Un convegno a Milano, indetto da Lega Ambiente; uno a Padova, indetto da Città amica, un gruppo di architetti e urbanisti vicini ai DS; uno a Roma, indetto dei Verdi. Andrò a quest’ultimo: non perché sia, o sia mai stato, Verde, ma perché mi sembra il più lontano dalle posizioni equivoche e corrive allo “spirito dei tempi”.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg