Castelfalfi: relazione del garante o del mallevadore?
Mauro Parigi
Un intervento per eddyburg su procedimenti, responsabilità, obiettivi generali, e in particolare sul ruolo del Garante (f.b.)
Il garante della comunicazione ha rimesso il proprio rapporto sull’anteprima del procedimento conseguente alla presentazione di un progetto di sviluppo di Castelfalfi che prevede nuove volumetrie pari a circa il 50% di quelle esistente, che sono oltre 200.000 mc., da parte di una società tedesca.
Il rapporto del garante, premesso che questi si premura di ricordare che il proprio lavoro non sostituisce il diritto – dovere di pianificare e decidere dell’Amministrazione Comunale, si conclude con otto raccomandazioni, di cui riportiamo i titoli:
1 - nella misura in cui si può, s’ha da fare;
2 - definire dimensionamenti sostenibili a prescindere dalle esigenze finanziarie dell’investitore;
3 - parsimonia ambientale e risorse idriche sicure e rinnovabili;
4 - perseguire l’eccellenza culturale e progettuale nella qualità architettonica, nella realizzazione edilizia e nella rimodellazione paesaggistica;
5 - qualificazione dell’offerta per uno sviluppo turistico a circuito aperto;
6 - rilancio non simbolico ma innovativo dell’azienda agricola;
7 - qualificazione della domanda occupazionale e dell’offerta di opportunità formative
8 - predisporre un puntuale monitoraggio;

Cose anche condivisibili nella sua generalità, ma rimane un dubbio, perché raccomandazioni e non piuttosto e più chiaramente elencazione di problemi e preoccupazioni espressi dalla partecipazione popolare da affrontare e risolvere preventivamente? Sarà forse una questione letteraria quella che si pone, la domanda potrà apparire retorica, ma non si sfugge alla sensazione, soprattutto per quella prima raccomandazione, ma non solo per quella, che più che rapporto di un garante si sia di fronte ad una valutazione ex ante.
D’altra parte che in questa vicenda qualche ambiguità sussista lo dimostra il Direttore del Il Tirreno che la scorsa settimana in un editoriale attendeva la risposta del garante come fosse presupposto perla realizzabilità dell’intervento. Oppure vale la pena di ripensare alla dichiarazione del presidente della regione Martini che a valle del rapporto del garante dichiara che scelte come questa sono occasione per ridurre la pressione turistica sui i centri d’arte, su Firenze, raccogliendo peraltro un ilare commento del cronista de Il Tirreno.
Certamente avremo capito male, ma la sensazione che si sia dato corso ad una pre approvazione cercando di evitare altre battaglie politiche e con le forse sociali, ambientaliste, della cultura, è forte. Peraltro, non si può non sottolineare e che il dibattito si è sviluppato in evidente carenza di conoscenza come dimostrano le perplessità dei cittadini sul fabbisogno di risorsa idrica dei nuovi insediamenti, sulla vaghezza dei numeri circa l’esistenza o la recuperabilità della risorsa, che nel rapporto del garante se ne da conto ma senza chiedere esplicitamente che questi dati vengano certificati, che il bilancio costi benefici sia esplicitato subito, perché, tanto per esemplificare, se non c’è l’acqua o ce ne è poca, prima viene l’agricoltura e quanto esiste nel territorio, poi i nuovi insediamenti che in situazione limite potrebbero non realizzarsi.

Per questo, e per altro che sarebbe troppo lungo riconsiderare, abbiamo la sensazione di trovarci di fronte ad una valutazione ex ante, per questo insorge il dualismo garante – mallevadore. Ma, per evitare fraintendimenti, la nostra è l’espressione di un civile preoccupazione, che va oltre il contingente e le sue convenienze, che vuole contribuire a chiarire i contorni di una esperienza innovativa e positiva, il ruolo, del garante, cui sembra ancora si debba trovare una giusta collocazione perché in fondo sono in gioco le ragioni di un processo democratico, la legittimità, le prerogative e le responsabilità di chi governa.

Nota: ancora, per l’intera vicenda si faccia riferimento ai numerosissimi articoli presenti in SOS Toscana (f.b.)

Sullo stesso tema
Paolo Baldeschi
Scritto per eddyburg: denuncia e analisi di un'ulteriore legge «ad civitatem» di invenzione renziana la cui vittima è ancora Firenze.
Tomaso Montanari
Enrico Rossi e Dario Nardella non discutono nel merito le decisioni del Tar che ha bocciato l'aeroporto nella piana, si sono limitati a dire: il potere lo abbiamo noi. Prima o poi pagheranno un prezzo.
Anna Marson
I ratti del PD toscano proseguono nel rosicchiare la migliore delle leggi di contrasto al consumo di suolo emanata in Italia. La rottamazione del territorio e del ruolo delle istituzioni sembra l'impegno maggiore del partito di Renzi.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg