Pianificatori, insediamenti umani, calamità naturali
APA - American Planning Association
Un recentissimo manuale, resoconto di vari laboratori, discussione e casi, sul rapporto fra città ed emergenza. Che dimostra come le lacune che emergono nei casi di calamità siano soprattutto decisionali (f.b.)
La serie di esperienze e resoconti contenuti nello strumento di lavoro predisposto dalla APA/American Planning Association, in collaborazione con la FEMA/Federal Emergency Management Agency (Protezione Civile), si propone di aiutare i pianificatori - tecnici e amministratori - ad affrontare le emergenze, valutare i rischi, contribuire a ridurli al minimo. I temi ricorrenti sono quelli del rapporto fra rischio e organizzazione dello spazio e delle sue componenti (casa, trasporti ecc.).
Vengono esposte anche modalità di finanziamenti, collaborazione fra amministrazioni e livelli di governo, tipi di organizzazione degli uffici, ai sensi delle leggi americane (Disaster Mitigation Act 2000), e in base ad esperienze di vario tipo accumulate nel corso di un decennio di studi e piani.
A riprova, se necessario, del fatto che le conoscenze teoriche e pratiche sul tema esistono e sono anche piuttosto consolidate. Quello che sembra mancare è, invece, la decisione politica di limitare alcuni “interessi particolari”, in favore di quello generale. Tanto più grave quando si tratta di tutelare la sopravvivenza fisica degli insediamenti umani nell’ambiente naturale. (f.b.)

Di seguito, scaricabile il file PDF: Planning for a Disaster-Resistant Community - An AICP Professional Development Workshop for City and County Planners, Elected Officials, and Consultants, 2005 Annual Conference, American Planning Association

APA_Plan_Disaster

Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
arcipelagomilano.org, 19 giugno 2018. Tutto l’opposto della città metropolitana milanese e dell’Italia in genere, dove i governi metropolitani non hanno reali poteri né di regia, né di controllo.
Maria Letizia Morotti
Il superuovo. 8 giugno 2018. Un articolo di introduzione a Auroville. Tra l'esperimento sociale e il sogno, la città è stata fondata nel 1968. Virtuosa da molti punti di vista, l'insediamento è più vicino a una riserva che a una città. (i.b.)
Maria Cristina Gibelli
Negli ultimi 20 anni in Francia la pianificazione territoriale e urbanistica è stata oggetto di numerose riforme legislative: mai di ‘controriforme’, come invece è avvenuto in Italia.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg