Non reati ma errori
Valentino Parlato
"L'errore politico e anche culturale e stato quello di illudersi di potersi rafforzare, e magari vincere, con la finanza rossa". Il manifesto dell'8 gennaio 2006
Il forum all'Unità di Massimo D'Alema, pubblicato ieri, sollecita una attenta lettura. E' una difesa, forse esagerata (“I Ds non sono colpevoli di nulla”), ma anche nobile; un appello agli elettori the hanno invaso di fax l’Unità e il partito; e un ammonimento agli alleati, di destra e di sinistra, che sgomitano per farsi spazio nelle candidature, è una difesa contro l’attacco dei poteri forti, italiani e soprattutto europei.

Detto tutto questo, il messaggio di D'Alema non persuade e non si può non concordare con la dichiarazione rilasciata ieri alle agenzie da Fabio Mussi. “E’ difficile the la direzione Ds di mercoledì possa concludersi unitariamente”. Sono sicuro - prosegue Mussi - the non abbiamo commesso reati e in questo senso difendo il partito come D'Alema, “ma se l'assenza di reati assolvesse anche dagli errori politici, basterebbe affidare i congressi di partito alla magistratura. Invece, nel caso delle scalate bancarie, e delle recenti alleanze the si sono intrecciate, sono stati commessi errori politici che rimandano a limiti più di fondo, politici, strutturali, etici, culturali, via via accumulati dalla sinistra italiana”.

L'errore politico e anche culturale e stato quello (questo giornale lo ha sostenuto fin dall'inizio) di illudersi di potersi rafforzare, e magari vincere, con la « finanza rossa". Capisco che la tentazione sia forte: perché, visto che ne siamo capaci, non dobbiamo fare finanziare anche noi e far valere la nostra intelligenza? La tentazione c'è, ma è diabolica e, soprattutto, ingenua e anche politicamente sciocca: non si possono fare le stesse cose di quelli che diciamo di voler combattere. Mi viene da dire che il disastro sarebbe stato ancora maggiore se l'Unipol (dando ingenua gioia a Fassino) fosse riuscita a conquistare la Bnl.

Ma queste tentazioni disastrose sono il sintomo di un grave e persistente pericolo di degenerazione della politica di sinistra. Di uno stravolgimento dei primato del lavoro e dell'eguaglianza che sono il fondamento della libertà e della fraternità. Per frenare, bloccare questa deriva che tende a renderci simili se non eguali ai nostri storici avversari, ci vuole un grande impegno culturale e politico. Non possiamo impegnarci a saper tutto sulla Borsa e sapere poco o niente della società e della vita dei subalterni (oso dire degli sfruttati).

“Il mio peccato originale - dice D’Alema - è di aver consentito l'Opa di Olivetti sulla Telecom”. Credo che cosi dicendo abbia ragione e non perché “non me l'hanno perdonata”, ma perché quella estata una tappa importante del percorso the ha portato i Ds a questo punto, e che ha dato forza a quelli che, partiti democratici o meno, vogliono ridurre il peso dei Ds.

Alcuni miei stimati e cari compagni mi hanno detto che questa diffidenzaa nei confronts della « finanza rossa» sa di muffa e di arcaico. Forse hanno ragione, ma al risultato della gara per la modernizzazione è sotto

Sullo stesso tema
Una lettera del Segretario dei DS, Piero Fassino, e la risposta di Antonio Padellaro, Direttore de l’Unità, , 27 gennaio 2006
Elizabeth Rosenthal
Soprattutto problemi sociali ed economici, dietro il ritorno alla ribalta mondiale dell'influenza aviaria. International Herald Tribune, 9 gennaio 2006 (f.b.)
Luciano Gallino
La realtà nascosta dietro i conflitti nelle fabbriche. Una sapiente sintesi storica. La Repubblica 20 gennaio 2006
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg