È il liberismo bellezza
Fabrizio Giovenale


Quando negli anni Sessanta ho cominciato a occuparmi di ambiente almeno era certo di che cosa stavamo parlando. Le misure fisiche del mondo, tanto per cominciare: 150 milioni di chilometri quadrati di terre emerse, un terzo delle quali ricoperte da deserti e ghiacciai. Oggi apprendiamo da Repubblica dello scorso 5 dicembre che, secondo le analisi delle Nazioni Unite, nemmeno quelle cifre sono più valide. Negli ultimi 15 anni le superfici desertiche sono raddoppiate, così che il totale delle terre inabitabili raggiunge e forse oltrepassa la metà della superficie terrestre. Quello che allarma di più è che non si tratta soltanto di ignoranza e insipienza delle popolazioni locali, ma anche – forse soprattutto – dei modi sbagliati di affrontare il problema da parte della Banca Mondiale e delle altre massime autorità planetarie: cambiando il corso dei fiumi a furia di sbarramenti e dighe, emungendo acqua dalle falde più profonde del sottosuolo, sperimentando ogni modo possibile per peggiorare le cose. Sempre perché, in fondo in fondo, ciò che vanno veramente cercando è l’affare, i profitti d’impresa. La legge che domina è quella. È il libero mercato, bellezza...
Così fa una certa impressione volgere gli occhi all’interno, nel cortile di casa nostra, e vedere la situazione politica ancora orientata verso prospettive di crescita impossibili. Dal duo Prodi-Padoa Schioppa, che si va arrabattando per far uscire da un ipotetico sottosviluppo un paese che è ancora fra i più fortunati, al solito Berlusconi, che al di là del mercato non ha mai visto né voluto sapere niente di niente. Ma del deserto che avanza costoro non hanno mai sentito parlare? O credono di avere una sorta di diritto divino – noi, l’Europa, l’intero Occidente – a un trattamento di favore mentre il resto del mondo sta andando allo sfascio?
Bisogna dedicare porzioni sempre maggiori delle nostre capacità culturali, scientifiche, economiche e lavorative a uno sforzo mondiale comune per tentare di arrestare la desertificazione avanzante. Idee simili altrove cominciano a circolare, se pure con abissale e già forse definitivo ritardo. Noi soli però sembriamo ancora capaci di seguitare a trastullarci con le solite ridicole sceneggiate politichesi. Come se non fossimo al centro di un turbine che sta sconvolgendo la Terra

Sullo stesso tema
Vezio De Lucia
Un ritratto dell'urbanista, ambientalista, giornalista e maestro di battaglie civili. Da Liberazione, 21 gennaio 2007 (m.p.g.)
Fabrizio Giovenale
Liberazione (27 dicembre 2006) ha pubblicato l’ultimo scritto dell’urbanista scomparso, e i ricordi del direttore del giornale, Piero Sansonetti e di Sabina Morandi, Roberto Musacchio, Franco Russo, che inseriamo in calce
Carla Ravaioli
In memoria di un compagno di strada che non c'è più. Ma è ancora con noi. Da il manifesto, 23 dicembre 2006 (m.p.g.)
Ultimi post
Redazione di Eddyburg
Il sito è ancora in versione provvisoria, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
Ilaria Boniburini
Sabato 3 ottobre scorso le paratie del Mose sono state azionate e Venezia è rimasta all’asciutto. Una rassegna di articoli per comprendere, al di là della propaganda ufficiale delle istituzioni, le criticità ancora tutte da risolvere e gli effetti negativi di questa mastodontica grande opera.Nell'immagine la spalla del Mose alla Bocca di Malomocco (immagine dell'autrice).
Comitato No Grandi Navi- Laguna Bene Com
In questo comunicato vengono riassunte le gravi criticità del MoSE e le rivendicazioni di una comunità di cittadini, scienziati ed esperti per una efficace salvaguardia della Laguna di Venezia e della sua città.
CopyrightMappa del sito
© 2020 Eddyburg