Unione divisa sul modello di sviluppo
P.A.
Aperto finalmente il confronto su un tema “duro”, ma fondamentale. La discussione riprenderà certamente dopo il 9 aprile. Da il manifesto del 1 febbraio 2006


La legge obiettivo è nel mirino. Il problema del centrosinistra è ora valutare opera per opera nel settore delle grandi infrastrutture. Sul Ponte di Messina l'Unione si ritrova: non si deve fare. Sul tavolo del programma non ha trovato posto invece il concetto di Pil ambientale



Il tema ambientale ha fatto discutere molto il centrosinistra, nella fase di preparazione del programma elettorale. Non ci sono stati scontri diretti come su altri argomenti, come per esempio la legge 30 (superarla o abrogarla?) o le tematiche relative alla Moratti. Ma le idee sono diverse e su alcuni punti non convergenti. In sostanza si sono sviluppati due tavoli paralleli che hanno affrontato tutte le tematiche ambientali e le tematiche più o meno collegate, come quella relativa alle infrastrutture, per esempio. E ora, dopo la presentazione della delega ambientale del governo Berlusconi (circa 700 pagine), le carte sono ancora più scompaginate. Nella bozza provvisoria del programma dell'Unione ci sono solo degli enunciati generali e non si è arrivati alla definizione di una vera e propria proposta legislativa in campo ambientale. Ci sono cioè linee guida e non riferimenti normativi precisi, né definizioni di competenze del futuro governo ambientale.

Su alcuni punti il centrosinistra ha trovato una sintonia perfetta. Sui parchi, sulla distruzione ambientale attuata durante i cinque anni di governo berlusconiano, sull'assenza di misure serie in termini di protezione idrogeologica, non ci sono stati problemi nella discussione sul programma. Altra cosa, invece, il discorso sui temi legati alle scelte sulle infrastrutture, alle scelte strategiche in campo energetico e più in generale al concetto di sviluppo. Nei due tavoli paralleli che hanno discusso dell'ambiente non sono riuscite per esempio a entrare le nuove proposte sul Pil ambientale, che pure hanno un grande consenso a livello di parlamentari del centrosinistra. Esiste infatti la proposta - avanzata tra gli altri da Valerio Calzolaio dei Democratici di sinistra - di inserire nel prossimo Dpef, il documento di programmazione economica e finanziaria, il concetto di «Pila», ovvero il Pil ambientale. La proposta è stata sottoscritta da almeno cento deputati, ma non è poi stata tradotta in proposte concrete da inserire, nero su bianco, nel programma elettorale dell'Unione.
Il concetto di «Pila» è infatti alquanto ambizioso perché pone la questione di un modello di sviluppo economico diverso da quello attuale. Si arriva alla provocazione di dire che il Pil potrebbe anche subire piccoli incrementi o addirittura leggere diminuzioni, in cambio di una «Pila», ovvero di un Pil dell'ambiente che invece deve crescere costantemente. Se crescerà questo nuovo indicatore, dicono i sostenitori della proposta, è chiaro che l'economia italiana e la società nel loro complesso miglioreranno. «Non si tratta affatto di una sostituzione del Pil con la Pila - spiega Calzolaio - quanto piuttosto di un affiancamento dei due indicatori, quello tradizionale che misura lo stato di salute dell'economia e il nuovo Pil ambientale».
Ma se questi sono discorsi di fondo, «strategici», la polemica politica nel centrosinistra si concentra anche sulla legge sulle infrastrutture e sulla legge obiettivo. Un'abrogazione totale viene giudicata impossibile. Devono essere valutati i progetti singoli, opera per opera. Su questo punto, nell'Unione, le idee non convergono, anche se ci sono state già autorevoli prese di posizione. Lo stesso leader, Prodi, ha detto in più di un'occasione che il Ponte sullo stretto non si farà.

Scritti sul PIL li trovate nelle cartelle Il nostro pianeta (gli scritti Ecco il PIL degli ambientalisti leggeri, Il patto è scaduto, e gli articoli di Giovanni Sartori, Umberto Garimberti, Tommaso Padoa Schioppa, Marcello Cini, Serge Latouche, Guido Viale e altri) e nella cartella Carla Ravaioli.

Sullo stesso tema
Pubblichiamo di seguito alcuni stralci del programma dell’Unione per l’Ulivo. I neretti sono nostri
La scheda predisposta (3 dicembre 2005) dai partiti dell’Unione sul tema. L’introduzione e i capitoli “Trasporti, infrastrutture e politiche di mobilità” e “Governo del territorio, lotta all'abusivismo edilizio e politiche dell'abitazione” (meno dettagliato degli altri). Allegato il testo integrale.
I fatti (l’Unità) e i commenti (il manifesto) sulla distruzione di decenni di lavoro legislativo per l’ambiente. Giornali del 2 e dell'1 febbraio 2006
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg