Appalti, colpo basso alla Merloni
Sergio Rizzo
Il Decreto governativo doveva limitarsi a recepire le direttive europee. Di fatto ridefinisce l'intero settore, e avvantaggia la trattativa privata. Il Corriere della Sera, Economia, 12 dicembre 2005 (g.p.)
Il testo è sul tavolo del sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Gianni Letta. Lo ha messo a punto una commissione presieduta dal presidente del Tar del Lazio, Pasquale de Lise, e non mancherà di far discutere.
Doveva essere un semplice decreto legislativo (previsto da una legge delega dello scorso aprile) per recepire, entro il 31 gennaio prossimo, due direttive comunitarie, che hanno l’obiettivo di introdurre maggiore concorrenza nei lavori pubblici. E invece, con quel pretesto, gli esperti del governo hanno scritto un vero codice degli appalti che ridefinisce da cima a fondo l’intera disciplina del settore. Un coacervo di 278 articoli che non accoglie certamente le ripetute sollecitazioni del presidente della Repubblica Ciampi perché si evitino le normative troppo estese e incomprensibili.
Ma che, soprattutto, potrebbe assestare, se venisse ratificato così com’è, un colpo forse definitivo alla famosa legge sui lavori pubblici che porta il nome dell’ex ministro Francesco Merloni. E per giunta proprio sul finire della legislatura.
Non è un mistero, del resto, che il governo di Silvio Berlusconi, e in particolare il ministro delle Infrastrutture, Pietro Lunardi, abbiano sempre considerato da superare quelle norme, varate nel 1994 dopo l’emergenza di Tangentopoli. Ma il Parlamento aveva esplicitamente stabilito che nessuna modifica di quel provvedimento sarebbe stata possibile con delega governativa.
Nonostante questo, il nuovo decreto legislativo interviene in profondità proprio sui paletti che la Merloni aveva piantato. Per prima cosa equipara sostanzialmente la trattativa privata alle altre modalità di appalto pubblico. Inoltre rende facoltativa la scelta fra il metodo del cosiddetto “massimo ribasso” e quello dell’offerta economicamente più vantaggiosa. E amplia il campo di applicazione delle offerte “anomale”. Sarà quindi prerogativa esclusiva della “stazione appaltante” il ricorso alla licitazione privata e la scelta delle imprese da invitare.
Ma c’è dell’altro. Tutta la procedura delle gare viene di fatto riscritta. È previsto il ricorso alle società miste fra soggetti pubblici e privati come strumento di carattere generale e non, com’è ora, in via eccezionale rispetto all’appalto pubblico o alla concessione. Il decreto legislativo interviene quindi anche sulla materia delle progettazioni, delle concessioni e del contenzioso. Senza contare una nuova disciplina per la valutazione d’impatto ambientale delle grandi opere. Il tutto, se verrà approvato, da lasciare in eredità al futuro governo. Magari con un bel carico di rogne alla Corte costituzionale.

Sullo stesso tema
Paola Nammarella
Da Edilportale (13 maggio 2009) qualche informazione sul “piano casa”. Nel colloquio tra governo e regioni emerge il tema dell’edilizia sociale. Ma come?Una postilla dialogata
Eddyburg
Un disegno di legge di cui si sta discutendo in materia di competitività. Nuove forme per vecchie abitudini. Allegato il testo dell’articolo in discussione
Andrea Boitani
Dal sito www.lavoce.info, che vi consiglio caldamente di frequentare spesso, un interessante articolo di un economista intelligente
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg