Azzonamento
City of Des Moines (Wa)
La declinazione locale del "Growth Management Act" statale, in una cittadina di 30.000 abitanti, tentando di conservare l'insediamento a case unifamiliari. Estratti dal Greater Des Moines Comprehensive Plan 2004 (f.b.)
La cittadina di Des Moines, a sud di Seattle, di cui propongo di seguito alcuni estratti dal piano regolatore, non va confusa con la più grande e importante omonima città dello Iowa. Il nome non è comunque frutto di pura coincidenza: il piccolo centro fra la sponda della Puget Sound a ovest e il tracciato della Interstate 5 a est, è stato fondato proprio da pionieri provenienti da Des Moines, Iowa (f.b.)

City of Des Moines (Wa), Greater Des Moines Comprehensive Plan (adottato il 5 gennaio 2004); Estratti e traduzione per Eddyburg a cura di Fabrizio Bottini - Capitolo 2: Elemento uso del suolo

2-01 OBIETTIVI
2-01-01 – Conservare e migliorare i quartieri residenziali della città e servirli attraverso distretti terziari vitali, spazi aperti, strutture per il tempo libero, e altri usi dello spazio complementari.

2-02 PREMESSE
2-02-01 – La città di Des Moines e l’area di piano della Grande Des Moines sono altamente edificate, con un sistema insediativo consolidato. La maggior parte dello spazio è edificata a funzioni residenziali a case unifamiliari, con i complessi multifamiliari e l’insediamento commerciale nella zona del centro/marina, e lungo la Pacific Highway, Interstate-5, e grandi arterie di traffico urbano come la Kent-Des Moines Road. [..]
2-02-02 – Nell’aprile 1995, il 48% degli alloggi nella città di Des Moines erano case unifamiliari; il 49% fra appartamenti, condomini, case di riposo e altre strutture collettive; il 3% case mobili.
2-02-03 – Le previsioni del piano generale per la Grande Des Moines 1981-1990 erano di un incremento del 34% degli alloggi in appartamenti e condomini, e del 19,5% nelle tipologie unifamiliari entro la città di Des Moines. Di conseguenza il 59% degli alloggi totali avrebbe dovuto essere in appartamenti o condomini, e il 41% unifamiliari. Questo piano prevede che il 52% del totale degli alloggi sia diviso fra appartamenti e condomini, e il 46% in tipi unifamiliari, mentre il totale degli alloggi dovrebbe essere inferiore alle previsioni del piano 1981-1990.
2-02-04 – Il piano del 1981-1990 non era coerente con gli azzonamenti delle amministrazioni confinanti, né con il Growth Management Act, le Countywide Planning Policies della King County, o la Zoning Map di Des Moines. Complessivamente, tutte queste incoerenze hanno motivato la redazione e adozione di un nuovo piano generale per la Grande Des Moines.
2-02-05 – Il piano generale della King County e quello delle strategie di sviluppo regionale per l’area della Puget Sound, Vision 2020, contengono obiettivi e politiche tesi a promuovere uno sviluppo compatto delle aree urbane. La Policy V.B.U-502 nel piano della King County (Ordinanza No. 11575) mira a una densità media di 17/20 alloggi ettaro per i nuovi insediamenti nelle zone “urbane”. La strategia Vision 2020 fissa un minimo di 15/20 alloggi ettaro entro le Zone di Sviluppo Urbano esterne ai centri di attività.

2-02-06 – L’insediamento residenziale nella città di Des Moines ha una densità netta media di 15 alloggi ettaro.
2-02-07 – L’attuazione delle previsioni contenute nel piano 1981-1990 avrebbe dato una densità netta media di 18,8 alloggi per ettaro nella città di Des Moines. Il presente piano generale per la Grande Des Moines mantiene la medesima densità.
2-02-08 – Un sondaggio di pubblica opinione condotto nel 1990 mostrava che i cittadini nell’area di piano della Grande Des Moines avevano le seguenti opinioni riguardo all’uso dello spazio:
(1) La qualità dei quartieri è buona;
(2) L’aumento dei complessi multifamiliari dovrebbe essere contenuto;
(3) I complessi multifamiliari sarebbero più accettabili nelle aree adiacenti la Pacific Highway South, le grandi arterie urbane e freeways, o in zone dove già esistono insediamenti multifamiliari;
(4) Esiste un diffuso interesse riguardo agli effetti della crescita sulla comunità, ed emerge un desiderio di conservare un’atmosfera da piccola città;
(5) La disponibilità di posti di lavoro locali non è una delle preoccupazioni principali.
2-02-09 – Molta parte dell’area edificata con insediamenti di case unifamiliari mescola varie forme di destinazione di zona a questo scopo.
2-02-10 – Le zone destinate a edificazione unifamiliare contengono classificazioni miste prive di un chiaro indirizzo.
[...]

2-03 POLITICHE
2-03-01 – Cercare un’armoniosa fusione fra gli spazi dell’abitazione, del lavoro, dello shopping, del tempo libero e della cultura.
2-03-02 – Conservare dove opportuno gli spazi aperti, per:
(1) Proteggere le aree di sensibilità ambientale;
(2) Offrire una separazione visiva fra i vari usi dello spazio, i quartieri, i limiti cittadini;
(3) Attenuare gli impatti visivi e ambientali dei nuovi insediamenti.
2-03-03 – Contenere l’edificazione futura entro zone dove esistano o possano essere contemporaneamente realizzati adeguati servizi e strutture.
2-03-04 – Conservare l’unitarietà dei quartieri di case unifamiliari esistenti.
2-03-05 – Promuovere modi di uso dello spazio, dimensioni e densità tali da sostenere i servizi di trasporto pubblico e incoraggiare gli abitanti a spostarsi a piedi e in bicicletta, oltre che offrire la possibilità di un uso dell’automobile sicuro e comodo.
2-03-06 – Contenere la quantità di nuovi insediamenti a tipi multifamiliari, per mantenere un equilibrio fra i vari tipi di alloggi e conservare i caratteri dei quartieri.
(1) In futuro l’edificazione multifamiliare dovrà essere limitata ad aree dove è predominante l’insediamento e la destinazione a questi tipi.
(2) Gli alloggi multifamiliari devono essere consentiti anche congiuntamente agli insediamenti commerciali entro il Downtown Business District, posto che tali alloggi siano progettati a offrire un ambiente residenziale ad alta qualità, migliorando aspetto e funzionalità del quartiere commerciale.
(3) Dove siano consentiti alloggi multifamiliari, la densità deve essere limitata. Nella zona ovest del Downtown Business District, la densità non deve superare i 70 alloggi ettaro. Fra il tracciato della Interstate-5 e le fasce commerciali lungo la Pacific Highway South, e nelle zone di alloggi multifamiliari prospicienti le fasce commerciali della Pacific Highway South, la densità non deve superare i 50 alloggi ettaro. Altrove, la densità non deve essere superiore ai 35 alloggi ettaro.
2-03-07 – Devono essere prese in considerazione le tipologie townhouse e duplex [abbinata] in zone che:
(1) Sono intermedie fra le aree ad abitazioni singole e usi a maggiore intensità;
(2) Non contengano una quantità dominante di alloggi unifamiliari in buone condizioni di manutenzione;
(3) Non siano adatte ad un uso futuro ad abitazioni unifamiliari singole;
(4) Siano destinate ad insediamento plurifamiliare.
2-03-08 – Ampliare e migliorare le vitalità economica dei distretti commerciali esistenti, riconoscendo le particolarità di ogni singolo distretto.
(1) Promuovere nuova edificazione e riedificazioni all’interno del Downtown Business District a sottolineare e rafforzare i legami col waterfront, la pedonalità, i il ruolo nello shopping locale e nei servizi.
(2) Consentire alla fascia commerciale della Pacific Highway di sviluppare una vasta gamma di funzioni, a servizio di una clientela locale e regionale e riflettendo l’orientamento automobilistico del quartiere.

2-03-09 – La città deve pianificare l’edificazione futura del quartiere North Central riconoscendo:
(1) L’impatto acustico dei velivoli esistente come riconosciuto dal 1995;
(2) I progetti per un futuro business park e insediamenti commerciali simili a nord del quartiere, nel territorio dell’amministrazione di SeaTac;
(3) L’impatto dei nuovi interventi sugli insediamenti esistenti dentro e fuori il quartiere;
(4) Le necessità in termini di trasporto e infrastrutture dei nuovi interventi;
(5) Le potenzialità dei nuovi interventi rispetto al miglioramento della qualità ambientale o economica della città.
2-03-10 – Entro la fascia della Marina di Des Moines, consentire usi commerciali dipendenti o connessi all’acqua, a servizio degli utenti della marina, o che incoraggino l’accesso pubblico alla riva.
[...]

2-04 STRATEGIE
2-04-01- Predisporre specifici piani di azzonamento per i Quartieri così come delimitati sull’apposita mappa.
2-04-02 – Classificare le superfici della Zoning Map della città di Des Moines in modo coerente con funzioni e densità del piano generale per la Grande Des Moines.
(1) I terreni destinati dalla Land Use Map all’insediamento unifamiliare dovranno avere le classificazioni e densità seguenti:
[ sintesi mia delle Tabelle n.d.T.: Zona Unifamiliare Bassa Densità: max 7 alloggi/ettaro; Zona Unifamiliare Media Densità: max 12 alloggi/ettaro; Zona Unifamiliare Alta Densità: max 15 alloggi/ettaro; Zona Townhouse/Duplex: max 22-30 alloggi/ettaro; Zona Multifamiliare Media Densità: max 44 alloggi/ettaro; Zona Multifamiliare Alta Densità: max 60 alloggi/ettaro; Zona Multifamiliare Massima Densità: 90 alloggi/ettaro ( conversione delle densità acri-ettari con qualche arrotondamento)];
2-04-03 – Le superfici destinate dalla Land Use Map a servizi pubblici devono essere utilizzate per strutture pubbliche e semipubbliche quali uffici dell’amministrazione e del governo, edifici pubblici per distribuzione, magazzini, produzione, manutenzione, marine, scuole, caserme, biblioteche.
2-04-04 – Le regole di zoning urbane devono essere conformate alla Greater Des Moines Comprehensive Plan Land Use Map come segue:
(1) La città deve cominciare a ridestinare le aree in modo conforme al piano dove:
(a) La land use map indica abitazioni unifamiliari, ma il piano vigente consente tipologie multifamiliari o destinazioni commerciali;
(b) La land use map indica alloggi multifamiliari, ma il piano vigente consente destinazioni commerciali;
(c) La land use map indica alloggi designates multifamiliari e il piano vigente classifica Zona RM [ Residential Multifamily], ma sono consentite densità maggiori.
[...]

Nota: Sullo stesso tema, qui su Eddyburg, estratti dal Growth Management Act statale, da piano di Seattle e dal piano generale della King County, la contea che comprende il territorio di Des Moines; La documentazione completa del Comprehensive Plan (che comprende anche aspetti non strettamente urbanistici) al sito del Department of Community Development di Des Moines (f.b.)

Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
arcipelagomilano.org, 19 giugno 2018. Tutto l’opposto della città metropolitana milanese e dell’Italia in genere, dove i governi metropolitani non hanno reali poteri né di regia, né di controllo.
Maria Letizia Morotti
Il superuovo. 8 giugno 2018. Un articolo di introduzione a Auroville. Tra l'esperimento sociale e il sogno, la città è stata fondata nel 1968. Virtuosa da molti punti di vista, l'insediamento è più vicino a una riserva che a una città. (i.b.)
Maria Cristina Gibelli
Negli ultimi 20 anni in Francia la pianificazione territoriale e urbanistica è stata oggetto di numerose riforme legislative: mai di ‘controriforme’, come invece è avvenuto in Italia.
Ultimi post
Eddyburg
Sono passati due anni dalla scomparsa di Edoardo Salzano. Un urbanista che non ha mai smesso di analizzare le trasformazioni urbane. Un intellettuale libero e coraggioso che con determinazione guardava avanti e non si arrendeva davanti alle ingiustizie. Un maestro. Lo ricordiamo ripubblicando uno dei suoi scritti, ancora profondamente attuale, sul mestiere dell'urbanista.
Eddyburg
Un iniziativa per ragionare sulla questione della casa a cinquant’anni dall’approvazione della prima legge per l’edilizia residenziale pubblica. Il progressivo abbandono delle politiche di edilizia residenziale ha determinato nuove disuguaglianze, aggravato i problemi pregressi, amplificato i divari territoriali, che il Covid ha accentuato e reso ancora più evidenti. Vogliamo discuterne in questo seminario organizzato in due sessioni, che riprende le vertenze che portarono all’approvazione della legge, racconta la parabola inversa delle politiche pubbliche fino al loro sostanziale azzeramento, per poi ricollegarsi all’attualità toccando attraverso alcuni casi emblematici della questione della casa in Italia.
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
CopyrightMappa del sito
© 2022 Eddyburg