Charette
New South Wales Planning Department
All'ultimo minuto prima della scadenza dei termini, gli studenti di Architettura alla Ecole des Beaux Arts ammucchiavano su una "Charette" gli elaborati. Ora il termine "Charette" sta a designare una delle più utilizzate forme di partecipazione e animazione sociale sui temi dell'ambiente e della progettazione urbana e territoriale (fb)
Dal sito: iPlan – Community Engagement in the NSW Planning System(New South Wales, Australia) - Traduzione per Eddyburg di Fabrizio Bottini

Charette

Descrizione
Charette, o laboratorio di “inchiesta attraverso il progetto” è un processo di lavoro intensivo in cui i vari soggetti sono posti insieme a cercare soluzioni a questioni di piano complesse. Tali soluzioni comprendono l’obiettivo di un equilibrio fra i fattori urbanistici, economici e sociali, insieme a considerazioni di progettazione urbana e sostenibilità. Nella charette devono essere inclusi rappresentanti dei gruppi di interesse, anche se essa non deve essere limitata a questi soggetti. Implica rapidi e dinamici scambi di idee fra professionisti dell’urbanistica, soggetti portatori di interessi, e la comunità in generale. Con un ampio e ben concertato coinvolgimento della comunità, vengono prodotti rapidamente risultati concreti. Si tratta di uno strumento efficiente, rispetto ai costi, per mettere in evidenza alcuni risultati sin dai primi stadi, e di valutare le proposte di progetto nelle fasi finali. È importante che sia l’autorità garante che i partecipanti alla charette capiscano il proprio rulo nella formazione delle decisioni.

Indicazioni per charettes
Si può utilizzare una charette quando si rende desiderabile qualche tipo di consultazione pubblica per un piano da stendere in breve tempo, per un’area di dimensioni piccole o grandi. Si possono utilizzare nuove tecnologie di sostegno, per presentare schizzi o altri materiali. Per la riuscita della charette, è necessario che la comunità concordi sul fatto che è necessario fare qualcosa.
I vantaggi comprendono:

  • la promozione di un metodo di soluzione dei problemi comune e di riflessione creativa
  • la creazione di un clima positivo di collaborazione e relazioni di lavoro all’interno della comunità.


Gli svantaggi includono:

  • i partecipanti raramente rappresentano davvero la comunità
  • è difficile coinvolgere gruppi abitualmente messi ai margini dei processi di consultazione.


Verifiche
Descrivere chiaramente gli scopi della charette, e le questioni da considerare.
Descrivere dove si colloca la charette all’interno del processo complessivo di decisione. Essere particolarmente chiari riguardo al peso che i risultati della charette avranno nell’influenzare l’intero processo.
Pubblicizzare ampiamente i problemi da discutere.
Procurarsi ampi spazi per incontri pubblici.
Un processo di charette può articolarsi:
Prima giornata
Proporre alcune questioni preliminari di discussione.
Tenere un incontro pubblico serale per consentire alla comunità allargata di identificare le opzioni e i possibili risultati del processo di piano, attraverso la discussione collettiva, e in modo guidato in gruppi più piccoli.
Seconda giornata
Incontri con i gruppi di interesse, che comprendono proprietari immobiliari, costruttori, e altri con interessi in zona, come gli ambientalisti. Questo consente di inserire dati da “competenti” nelle opzioni di piano in formazione.
Terza giornata
Compilare una lista di opzioni utilizzando in modo combinato i risultati delle preoccupazioni della comunità, e i risultati della consultazione dei gruppi di interesse. Questa lista di opzioni deve essere in un formato aperto alla visione pubblica, sia della comunità che dei gruppi di interesse coinvolti. Se i partecipanti ritengono che qualcuna delle opzioni proposte non sia adatta, o entri in conflitto con valori condivisi, è possibile inserire anche questo dato. Si terranno riunioni particolari su questi temi, coi gruppi e i cittadini interessati.
Quarta giornata
Tenere un laboratorio di lavoro intensivo e dettagliato per formulare le proposte emerse dal giorno precedente, secondo la forma di progetti di piano.
Quinta giornata
Completare il processo, se possibile includendo la preparazione di schizzi e altri materiali di presentazione.
Tenere un altro incontro pubblico serale per presentare le proposte alla comunità allargata. Se esiste una forte opposizione pubblica a queste proposte, può essere necessaria una ulteriore giornata per rispondere alle critiche.
Le charettes possono essere sia suddivise su due fine settimana, o tenute per giornate consecutive. Il numero effettivo di giornate può variare. Nota: qui il testo originale al sito New South Wales, con molti altri testi links e documenti sul tema; è anche possibile scaricare direttamente qui da Eddyburg un documento metodologico sul Community Involvement, in PDF (fb).

Community Involvement

Sullo stesso tema
Maria Cristina Gibelli
arcipelagomilano.org, 19 giugno 2018. Tutto l’opposto della città metropolitana milanese e dell’Italia in genere, dove i governi metropolitani non hanno reali poteri né di regia, né di controllo.
Maria Letizia Morotti
Il superuovo. 8 giugno 2018. Un articolo di introduzione a Auroville. Tra l'esperimento sociale e il sogno, la città è stata fondata nel 1968. Virtuosa da molti punti di vista, l'insediamento è più vicino a una riserva che a una città. (i.b.)
Maria Cristina Gibelli
Negli ultimi 20 anni in Francia la pianificazione territoriale e urbanistica è stata oggetto di numerose riforme legislative: mai di ‘controriforme’, come invece è avvenuto in Italia.
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg