“La terra lasciata”
Edoardo Salzano
La prefazione a un prezioso libretto di Antonio di Gennaro, La terra lasciata, CLEAN, Napoli 2008
Se pensiamo all’agro campano lo vediamo come un territorio sconvolto prima dall’esplosione edilizia, e poi occupato, negli spazi residui, dalle spazzature del Nord e del Sud. È davvero difficile per noi immaginare che cos’era prima della devastazione. Ci aiuta un innamorato di questa terra (e della terra in generale) l’autore di questo libretto. Antonio di Gennaro riesce a restituirci un’immagine vivissima della “terra lasciata”. Ci riesce allineando brani dei racconti di persone, più fortunate di noi, che ebbero la fortuna di scoprire le mille inaudite ricchezze di questi fertili suoli. Collegando con il suo racconto brani di Goethe, Galanti, Sestini, Dickens l’autore dipinge l’affascinante ritratto del frutto del poderoso lavoro plurimillenario che la natura e l’uomo hanno compiuto collaborando, e ci rende consapevoli del livella altissimo di produttività e di bellezza che era stato raggiunto, del “capolavoro” (annotate questa parola) che era stato raggiunto. Un’opera la cui qualità non risiede solo nella struttura e nella forma della campagna e nei suoi incredibilmente ricchi prodotti, ma anche nei rapporti virtuosi che la legano alla città, in uno scambio che rende migliori entrambi.

Bellezza perduta, utilità perduta, ricchezza perduta. Perché, come? Manlio Rossi Doria e Pasquale Coppola, Antonio Cederna e Vezio De Lucia aiutano di Gennaro a raccontarci i modi e le ragioni per cui il “capolavoro” si è trasformato in un immondo ammasso, perché e come il sistema di aree agricole pregiate intorno alla città, è stato deliberatamente trasformato in “spazi vuoti, invisibili e inaccessibili ai più perché occultate da una cortina di degrado” ed è diventato “la grande discarica utilizzata dai Casalesi per smaltire i rifiuti industriali provenienti dal nord”.

Gli interessi, le forze e le debolezze, gli strumenti adoperati per distruggere sono raccontati con efficacia in un racconto che si legge d’un fiato, ma che fa riflettere a lungo. E dopo aver descritto “il progetto pluridecennale di distruzione di Campania felix”, e il significato profondo di ciò che ancora rimane,di Gennaro formula la sua proposta. Non ve la racconto; vi do la parola chiave: “Partenone”. Un progetto impegnativo, ma possibile. Richiede una virtù che è indispensabile perché la civiltà sopravviva: la capacità di guardare, a un tempo, alla nostra storia e al nostro futuro: memoria e lungimiranza.

Sullo stesso tema
Edoardo Salzano
Descrivevo una settimana fa il parlamento italiano come un enorme guscio vuoto. Deprecavo la totale assenza della politica parlamentare come il luogo del confronto tra le diverse visioni sul presente e il futuro della società. Il nuovo governo e le sue dichiarazioni confermano il mio giudizio. (segue)
Edoardo Salzano
Ciò che nel mondo è sbagliato e va cambiato è assai più di quanto appare. A proposito di un appello a un governo di per sé incapace di impedire la catastrofe contro la quale si vorrebbe battersi.
Edoardo Salzano
Un'efficace sintesi di trent'anni di dissipazione di un patrimonio culturale e ambientale unico al mondo ad opera di politici opportunisti, miopi, voraci e complici dei promotori del turismo mordi e fuggi e delle grandi opere inutili. (i.b.)
Ultimi post
Eddyburg
Cliccando nella barra in alto potete accedere a tutti gli articoli inseriti in oltre diciotto anni di attività e impegno per una cultura dell'abitare fruire e governare il territorio che sia suscettibile di assicurare condizioni di vita soddisfacenti sotto il profilo dell'equità e della libertà di accesso ai beni comuni, della capacità e possibilità di partecipare al governo della cosa pubblica. E' ancora una versione provvisoria del sito, perciò alcune cose funzionano male o presentano degli errori. Ci stiamo adoperando per sistemare tutto nel più breve tempo possibile.
Eddyburg
Il programma definitivo della prima edizione dei seminari di eddyburg
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della I Sessione del convegno “Eddy Salzano: le tappe di un percorso politico e culturale per una città più giusta” con gli interventi di Mauro Baioni, Giulio Tamburini, Vezio De Lucia, Paolo Berdini, Roberto Camagni, Anna Marson, Maria Pia Guermandi, Giancarlo Storto, Giancarlo Consonni, Paolo Baldeschi.
Redazione di Eddyburg
L'incontro ha come scopo la presentazione della versione italiana del toolkit anti-gentrification di Sandra Annunziata, e vedrá la partecipazione di esperti e rappresentanti dei movimenti di lotta per la casa che discuteranno assieme del manuale e della sua applicazione nel contesto italiano. Sarà possibile seguire l'evento in streaming live sulla pagina facebook di ETICity
Redazione di eddyburg
Nell’anniversario della scomparsa di Eddy Salzano il 23 settembre abbiamo organizzato un’iniziativa per ricordare l’importanza e l’attualità del suo pensiero e della sua attività. Qui le videoregistrazioni della II Sessione del convegno "Una comunità di intenti" con testimonianze di Maria Cristina Gibelli, Marco Borghi, Federica Ruspio, Tomaso Montanari, Ilaria Agostini, Anna Maria Bianchi, Maria Paola Morittu, Elisabetta Forni, Piero Cavalcoli, Lidia Fersuoch, Oscar Mancini, Paolo Cacciari e Ilaria Boniburini.
CopyrightMappa del sito
© 2021 Eddyburg