responsive_m

8 GIUGNO: MAI PIU'

8 GIUGNO: MAI PIU'
Dopo l'incidente di domenica mattina, nel quale una gigantesca nave da crociera ha investito un' imbarcazione e si è schiantata contro la riva, è stata indetta una manifestazione contro le grandi navi in Laguna. E' dal 2006 che A Venezia ci si oppone a questi mostri d'acciaio, pericolosi, inquinanti, devastanti. Non mancherebbero provvedimenti ai quali appellarsi per tenere fuori le navi, ma le istituzioni non esercitano i loro poteri, colluse come sono con gli interessi economici dominanti. Domani tutti alle Zattere, ore 16.00, anche se il prefetto ha negato il permesso di concludere il corteo a Piazza San Marco, luogo aperto a tutti i turisti e mercanti ma non a chi protesta! (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

giovedì 28 marzo 2019

Il modello “fossile” è in via di estinzione. Ma la transizione prevede dei costi: chi li sosterrà?

Uscire dal fossile interrompendo immediatamente le estrazioni di petrolio e gas. Una rivoluzione per il sistema economico, ma é fondamentale che la riconversione non vada a gravare indistintamente su individui con capacità di reddito profondamente diversa.  Qui l'articolo. (i.b.)


De-carbonizzare e fermare immediatamente le estrazioni di gas e petrolio significa riconvertire l'economia a partire dall'interrompere la dipendenza dai fossili. Cessare le concessioni di estrazioni e ricerca é un azione rivoluzionaria perchè obbliga fin d'ora a trovare soluzioni alternative alla produzioni di energia, ma anche a ridurre consumo energetico. Ma questa riconversione non può tradursi a un ritorno ai cavalli o alla schiavitù, come forze motrici, e non può essere pagata indistintamente da tutti.
In questo articolo dell' Altraeconomia si spiega che strumenti come “Carbon pricing”, "Emissions Trading System", “Cap and trade”, “Carbon tax”, seppur tra loro molto diversi, sono misure regressive, perché se applicate senza ulteriori misure gravano indistintamente su individui con capacità di reddito profondamente diverse, rischiando di scaricare la transizione sulle fasce della popolazione con i redditi più bassi.
Sulla portata rivoluzionaria dell'appello alla decarbonizzazione e stop a tutte le attività estrattive si legga l'articolo «Fermiamo l’estrattivismo ora» e si veda il sito del movimento “Extinction Rebellion”. (i.b.)
Show Comments: OR