responsive_m

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI
Sottrarre l'uso del suolo alle esigenze elementari (dall'alimentazione all'acqua, dall'abitazione alla riserva per gli usi futuri) delle comunità che lo abitano, è diventato in vaste regioni del sud del mondo, un ulteriore strumento di sfruttamento degli ultimi a vantaggio dei più ricchi. Il Land Matrix, un osservatorio indipendente del "land grabbing" registra che ad ora sono state concluse 557 transazioni, per un totale di 16 milioni di ettari (più o meno la metà della superficie dell’Italia) e altre, riguardanti circa 10 milioni di ettari, sono in corso. Questo fenomeno provoca l’espropriazione forzata e conseguentemente l'impoverimento e l'annientamento di comunità locali, la cui sopravvivenza è strettamente legata all'accesso a queste terre. (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

giovedì 1 novembre 2018

Voltafaccia 5S: SI TAP




Alessandro Di Battista del M5S, il 17 aprile 2017 a San Foca di Melendugno, davanti ai manifestanti con il gasdotto (TAP- Trans Adriatic Pipeline) così si pronunciava: “Con il M5S al governo quest’opera la blocchiamo in due settimane.” Su questa promessa, la Puglia vota in massa il Ms5. Del resto Beppe Grillo si era già scagliato contro la TAP, si veda per esempio la sua arringa del 2014 durante la quale dichiarò «Se loro verranno a fare il gasdotto in Puglia da qualsiasi parte, anche con l’Esercito, noi ci metteremo il nostro di esercito» (qui il video dell'intervento di Grillo).
Intervengono le elezioni; i grillini da oppositori diventano governati e la musica cambia.
Il 26 ottobre viene confermato quello che già si dsapeva da tempo, cioè che il gasdotto si farà.

Spetta al premier Conte la dichiarazione ufficiale: «Abbiamo effettuato un’analisi costi-benefici e abbiamo dialogato con il territorio. Ad oggi non è più possibile intervenire sulla realizzazione di questo progetto, che è stato pianificato dai governi precedenti con vincoli contrattuali già in essere. Gli accordi chiusi in passato ci conducono a una strada senza via di uscita. Interrompere la realizzazione dell’opera comporterebbe costi insostenibili, pari a decine di miliardi di euro. In ballo ci sono numeri che si avvicinano a quelli di una manovra economica».

"Quando abbiamo potuto studiare bene tutte le carte del gasdotto Tap e ci siamo concentrati sulla proiezione dei rischi, quando abbiamo capito che avremmo dovuto sborsare oltre 20 miliardi e rinunciare così al reddito di cittadinanza, alle pensioni e a tutto quello che stiamo facendo, e allora è chiaro che abbiamo dovuto dire la verità ai cittadini. E per questo ringrazio il presidente Conte che ci ha messo la faccia", spiega a Marcianise il vicepremier. La replica di Di Maio è puramente terroristica, in quanto essitono ai sensi della costituzione e ... che consentirebebro di liberare il governo dal ricatto degli oneri da pagare per la recessione dei contratti.

L'affermazione di Di Maio è mezioniera e Paolo Maddalena lo spiega chiaramente, in quanto non ce nulla che impedisce al governo di fermare l'opera e promuovere un’azione civile risarcitoria per ottenere il ripristino o il risarcimento del danno contro i soggetti privati che lo hanno prodotto il danno e promuovere un’azione di responsabilità ambientale nei confronti dei soggetti pubblici che hanno autorizzato l’esecuzione di dette opere.

Perchè l'opera è dannosa, perchè è un danno ambientale e alla salute.

Perchè il gas non è la risposta adatta a un politica energetica pulita e 
Show Comments: OR