responsive_m

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI

LA RAPINA DELLA TERRA AGLI ULTIMI
Sottrarre l'uso del suolo alle esigenze elementari (dall'alimentazione all'acqua, dall'abitazione alla riserva per gli usi futuri) delle comunità che lo abitano, è diventato in vaste regioni del sud del mondo, un ulteriore strumento di sfruttamento degli ultimi a vantaggio dei più ricchi. Il Land Matrix, un osservatorio indipendente del "land grabbing" registra che ad ora sono state concluse 557 transazioni, per un totale di 16 milioni di ettari (più o meno la metà della superficie dell’Italia) e altre, riguardanti circa 10 milioni di ettari, sono in corso. Questo fenomeno provoca l’espropriazione forzata e conseguentemente l'impoverimento e l'annientamento di comunità locali, la cui sopravvivenza è strettamente legata all'accesso a queste terre. (a.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

mercoledì 7 novembre 2018

Tap: danni ambientali e alla salute superano i 35 miliardi di risarcimento

attuarelacostituzione.it, 30 ottobre 2018. Le ragioni per cui niente vieta al governo attuale di fermare la costruzione dell'oleodotto e dichiarare "nulli" i contratti per l'attuazione TAP. (i.b.) 



In ordine alla cosiddetta questione TAP è da dire, innanzitutto, che il costo dei danni ambientali, alla salute, nonché alla sicurezza pubblica che produrrà l’attuazione di detto progetto superano di gran lunga l’eventuale somma di circa 35 miliardi prevista da una stima governativa sulle eventuali richieste di risarcimento.

Inoltre è da tener presente, come giustamente ha rilevato l’attuale governo, che la responsabilità della firma dell’accordo intergovernativo tra Grecia, Albania e Italia ricade tutta sul governo che all’epoca firmò l’accordo stesso e che, di conseguenza, la legge di ratifica che ha esposto l’Italia a subire i danni scaturenti da quell’accordo è sicuramente incostituzionale.

Ne consegue che l’attuale governo non può porsi nel solco della illegittimità costituzionale tracciata dai governi precedenti ed è quindi nell’impossibilità giuridica di adempiere alle obbligazioni da quei governi assunte, si tratta del classico caso della impossibilità della prestazione derivante da causa non imputabile all’attuale debitore (articolo 1218 del Codice Civile). Il Governo, dunque, ha un solo dovere da adempiere: vietare l’esecuzione di questo scellerato progetto.

D’altro canto si ricordi che esistono rimedi sul piano giurisdizionale. Infatti i Comitati legittimati ad agire in giudizio possono chiedere al Giudice ordinario di dichiarare “nulli”, ai sensi dell’articolo 1418 del codice civile, i contratti relativi all’attuazione del TAP, in quanto contrari alle norme imperative di cui all’art. 41 della Costituzione, secondo il quale “iniziativa economica privata non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana”, e di cui all’art. 32 della Costituzione che, come è noto, tutela il diritto fondamentale alla salute e all’ambiente salubre.

I Comitati dovrebbero altresì chiedere al Giudice la rimessione della legge di ratifica alla Corte costituzionale per il suo annullamento, nonché un provvedimento urgente per la sospensione dei lavori.

Concludiamo chiedendo all’attuale governo di porsi dalla parte della Costituzione e non dei nostri governanti che hanno distrutto l’Italia uniformandosi al sistema economico predatorio del neoliberismo imperante. Se cinque stelle e lega hanno avuto uno strepitoso risultato elettorale è perché i cittadini vogliono un governo che faccia gli interessi del Popolo e non dei cosiddetti poteri forti.

Tratto dalla pagina qui raggiungibile.
Show Comments: OR