responsive_m

PONTE MORANDI UN ANNO DOPO

PONTE MORANDI UN ANNO DOPO
Il 14 agosto di un anno fa, uno degli emblemi della 'modernità' crollava, trascinando con se 43 persone e travolgendo la vita di centinaia di sfollati e di una regione intera. Un episodio che avrebbe dovuto mettere in discussione la logica perversa che sta facendo marcire l'infrastruttura fisica e sociale del nostro paese. A un anno dal dramma nulla è cambiato, prosegue il disprezzo per la manutenzione, la sicurezza e la tutela dell'ambiente: nessuna revoca delle concessioni ai privati (interessati solo ai profitti) e finanziamenti al 'nuovo', dove corruzione, speculazione e interessi particolari possono fare i loro porci comodi. In Italia metà delle concessioni autostradali fanno riferimento a società collegate alla famiglia Benetton, che non sono un modello di imprenditoria ma emblemi di sfruttamento umano e ambientale. (ib & es)

INVERTIRE LA ROTTA

CONTRORIFORMA URBANISTICA

DAI MEDIA

VENEZIA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

mercoledì 18 aprile 2018

Si chiama crimine la querra contro la Siria

Nigrizia, 18 aprile 2018. Ecco la storia di come la "democrazia" a guida Usa, ha approfittato della questione curdi per distruggere  la Siria, «uno dei pochi paesi laici e culturalmente avanzati» del mondo arabo. Ma tutto ciò la "libera stampa" non lo racconta

È giunta ormai al suo ottavo anno la guerra imposta ai siriani. L’insurrezione armata scoppiata nel marzo 2011 ha devastato la Siria, uno dei pochi paesi laici e culturalmente avanzati del mondo arabo. Pur con le sue contraddizioni e i suoi limiti in termini di libertà e di democrazia, il regime era riuscito a garantire una discreta stabilità politica e sociale e un invidiabile equilibrio religioso ed etnico/tribale in una regione dove il fattore religioso e quello tribale sono corde sensibili, facilmente manipolabili (all’occorrenza) per innescare conflitti politici e sociali che portano a interminabili e sanguinose guerre civili.

Ricordiamo il caso dell’Iraq, dove lo scontro interconfessionale tra sunniti e sciiti ha causato a oggi centinaia di migliaia di morti, e quello della Libia, dove è in atto una guerra tra clan ed etnie per la spartizione del paese. I regimi di Saddam Hussein e Gheddafi riuscivano a neutralizzare i due fattori di cui sopra, garantendo per decenni una certa stabilità e coesione sociale. Finché le potenze atlantiste, guidate dagli Usa, scatenarono la guerra contro Libia (2011) e Iraq (2013), perché erano guidati da due regimi – dittatoriali – non allineati, che ostacolavano i loro interessi neocoloniali. La manipolazione, da parte degli Usa e dei loro alleati europei, dell’appartenenza religiosa e tribale è stata determinante nella distruzione dei due paesi.

La stessa strategia è stata usata in Siria con diversi tentativi. Il primo. In principio i governi occidentali avevano cercato di innescare lo scontro tra la maggioranza sunnita e la minoranza alawita (sciita) al potere di cui al-Assad fa parte. L’operazione non ebbe successo. La maggioranza dei siriani è sunnita e, sin dall’inizio dell’insurrezione, ha sostenuto Damasco, come del resto ha fatto anche l’esercito.

Il secondo. Poi sono entrati in gioco i gruppi jihadisti salafiti di al-Nusra e, soprattutto, il gruppo Stato islamico il cui compito era quello di eliminare al-Assad e creare un regime di tipo confessionale. E anche questo piano fallì per l’intervento di Russia e Iran, determinanti nella disfatta del gruppo Stato islamico

Il terzo. Quando Washington e i suoi alleati si sono accorti che la carta gruppo Stato islamico era destinata a fallire, hanno giocato quella curda. Hanno sostenuto le milizie curde nella conquista della città di Raqqa e nel creare una enclave curda nella provincia siriana di Afrin, al confine con la Turchia. Ma hanno fatto i conti senza Erdogan. Il 18 marzo scorso, dopo due mesi di assedio, l’esercito turco ha occupato Afrin e cacciato i combattenti curdi.

Infine, la vicenda di Ghota est nei pressi di Damasco, occupata dai jihadisti, è stata il colpo di coda degli americani per evitare il proprio ko in Siria. Ma pure questo tentativo non ha funzionato, nonostante la pressione diplomatica e la propaganda mediatica contro il governo, accusato di «massacrare il suo popolo» a Ghota, anche con l’uso di armi chimiche.

Sette anni di continui tentativi di regime change hanno provocato oltre 300mila morti e 11 milioni tra sfollati e profughi. Un crimine contro l’umanità perpetrato dalle “democrazie” occidentali ai danni del popolo siriano.

Show Comments: OR