responsive_m

Cambiamenti climatici: nessun cambiamento di rotta!

Cambiamenti climatici: nessun cambiamento di rotta!
Negli ultimi 250 anni abbiamo vissuto secondo un modello socio-economico che ha cambiato il pianeta a tal punto da mettere in crisi l’ecosistema stesso, ma non c’è la volontà di cambiare rotta. La Conferenza Onu sul clima di Katowice ha offerto il solito triste spettacolo: da una parte le nazioni che difendono i loro interessi economici e industriali e dall’altra quelle più vulnerabili che si giocano la sopravvivenza. La loro si congratula per le norme approvate (i.b.)

INVERTIRE LA ROTTA

FARE SPAZIO ALLE ATTIVITA CULTURALI

DAI MEDIA

domenica 1 aprile 2018

L'asse Netanyahu-Trump neutralizza l'Onu, non ci sarà un'indagine su Gaza

Huffington post, 1 aprile 2018.  L'asse Netanyahu-Trump resiste e continua a fare terra bruciata. I falchi s'incontrano e collaborano nel rendere il mondo un cumulo di macerie. Nessun controllo neutrale è gradito


«Proseguono le violenze  ancora feriti. Parole di fuoco fra Erdogan e Netanyahu. "Terrorista e occupante" ... "Non accettiamo lezioni da chi bombarda i civili»"

La tensione a Gaza resta altissima e si continua a sparare. Israele continua a mostrare i muscoli anche dinanzi alla comunità internazionale e, grazie alla sponda di Washington, esclude che verrà avviata quella indagine "indipendente e trasparente" invocata dal segretario generale dell'Onu Antonio Guterres e anche dal rappresentante dell'Ue per la politica estera Federica Mogherini, per accertare quanto realmente accaduto in occasione dei fatti di sangue di venerdì costati la vita ad almeno 16 palestinesi, con oltre 2 mila feriti.

Al confine fra Israele e Striscia di Gaza nelle ultime ore tre palestinesi sono rimasti feriti da proiettili veri esplosi dalle forze di sicurezza israeliane. Secondo fonti mediche, citate dall'agenzia di stampa palestinese Wafa, due giovani sono stati raggiunti da spari alla gamba negli scontri vicino alla città di Jabalia, nella zona nord della Striscia; mentre un terzo giovane è stato raggiunto da spari a est di Gaza City, vicino al quartiere di al-Zaytoon. Diverse altre persone, inoltre, avrebbero riportato sintomi di soffocamento a causa dell'inalazione di gas lacrimogeni lanciati dai soldati israeliani.

A livello diplomatico, l'Onu è in pieno stallo. "Non ci sarà alcuna commissione di inchiesta" ha assicurato il ministro della Difesa israeliano, Avigdor Lieberman, alla radio militare, definendo "ipocriti" gli appelli per una commissione d'inchiesta. "Devono capire che non ci sarà nulla di simile". Il Kuwait, che rappresenta in Consiglio Onu i Paesi arabi, aveva proposto la dichiarazione con la richiesta di avvio di un'indagine indipendente, ma la bozza di documento esprimeva anche "grave preoccupazione per la situazione al confine" e riaffermava "il diritto alla protesta pacifica" e il dolore del Consiglio "per la perdita di vite di palestinesi innocenti". Gli Usa hanno sollevato obiezioni bloccandola.

Si mantiene saldo l'asse Trump-Netanyahu, sempre più forte dopo il riconoscimento, a dicembre scorso, di Gerusalemme come capitale di Israele e prossima sede dell'Ambasciata americana. Un trasferimento che è previsto per il 14 maggio, giorno della dichiarazione di indipendenza di Israele e data cerchiata di rosso sui calendari per il rischio che sia l'appuntamento per nuove imponenti proteste palestinesi. Il 15 maggio è invece fissato l'inizio del Ramadan, mese sacro per i musulmani, che spesso coincide con l'inasprimento degli attacchi sul fronte palestinese. Negli Usa l'ex candidato alla Casa Bianca, Bernie Sanders, parla di "reazione eccessiva" di Israele e del "diritto di ogni popolo di poter manifestare per un futuro migliore, senza subire una reazione violenta". Da Donald Trump nessuna parola, solo un segnale forte: l'Onu non può mettere occhi (e bocca) sui fatti di Gaza.

L'Autorità nazionale palestinese ha ribadito la necessità di una protezione internazionale e ha chiesto una riunione urgente della Lega araba a livello di rappresentanti permanenti per discutere di quelli che denuncia come crimini di Israele contro i palestinesi. Lo riferisce Diab al-Louh, ambasciatore palestinese al Cairo e rappresentante permanente della Palestina presso la Lega araba, spiegando che l'incontro è stato chiesto dal presidente palestinese Abu Mazen e dal ministro degli Esteri palestinese Riyad Malki a seguito della grave violazione del diritto umanitario internazionale.

Si accendono nel frattempo i toni fra Israele e Turchia. Parole di fuoco che arrivano da Ankara e rimbalzano da Gerusalemme con ancora maggior vigore. Recep Tayyip Erdogan aveva definito "un attacco disumano" la repressione israeliana delle manifestazioni palestinesi. Dopo l'elogio pubblico del lavoro svolto dall'esercito israeliano, torna a parlare Benjamin Netanyahu, replicando al presidente turco. "L'esercito più morale del mondo non accetterà lezioni da qualcuno che per anni ha bombardato indiscriminatamente popolazioni civili" ha affermato il premier israeliano. "A quanto pare, così ad Ankara celebrano il primo aprile". Israele colpisce civili innocenti, Benyamin Netanyahu "è un terrorista e un occupante", è la replica di Erdogan. "Non serve che dica al mondo quanto sia crudele l'esercito israeliano. Possiamo capire cosa fa questo Stato terrorista guardando la situazione a Gaza e a Gerusalemme", ha detto parlando al congresso del suo partito Akp nella provincia meridionale di Adana. "Hey Netanyahu! Sei un occupante. Ed è come occupante che sei su quelle terre. Al tempo stesso, sei un terrorista".

Show Comments: OR