responsive_m


«voglio parlare per gli immigrati, per coloro che vivono tale condizione e per coloro che li ricevono. Voglio mostrare la dignità degli immigrati, della loro volontà di integrarsi in un altro paese, del loro coraggio, del loro spirito imprenditoriale, e non ultimo, per dimostrare come con le loro differenze ci arricchiscono. Voglio dimostrare che una vera famiglia umana può essere costruita solo su solidarietà e condivisione» Sebastião Salgado, Migrazioni, 2000. (i.b.)

scritta dai media

DAI MEDIA

lunedì 30 aprile 2018

A Venezia la protesta dei no global: rimosso uno dei tornelli blocca-turisti

la Stampa, 30 aprile 2018. Ragazzi veneziani contro lo sfruttamento turistico del territorio. Sradicano il recinto nel quali gli sfruttatori vogliono rinchiudere la città ex Serenissima, e trasformarla in un "parco a tema". Chissà se domani, 1° maggio, i sindacati scenderanno in campo al loro fianco.

«Il blitz di una trentina di giovani ai piedi del Ponte di Calatrava, a Piazzale Roma: "La città non è un parco giochi"»

Al grido di «Venezia libera» hanno messo le mani sui tornelli, sradicandoli dai masegni su cui venerdì pomeriggio sono stati piazzati, in uno dei principali ponti d’accesso alla città: il controverso ponte della Costituzione disegnato da Santiago Calatrava. A difendere le barriere mobili provando a trattenerle al loro posto, con un vero e proprio scontro sul piano fisico, sono stati gli agenti della polizia municipale. Sul posto era presente anche il comandante Marco Agostini che ha garantito che la struttura sarà ripristinata quanto prima. Cento cinquanta gli agenti schierati nel fine settimana a presidio dei varchi. Una trentina invece gli attivisti, aderenti al Laboratorio occupato Morion, al Centro Sociale Rivolta, al Sale Docks e al Collettivo Lisc, che hanno messo in atto la manifestazione.

«Questi check point sono la dimostrazione della volontà di questa amministrazione di trasformare definitivamente Venezia in un parco a tema. Sono il simbolo della decisione di pensare alla nostra città come a uno spazio inabitato, solamente a uso turistico, da sfruttare e mettere a valore» è il messaggio scandito dal megafono e rilanciato in rete gli attivisti.

Ieri, sabato 28 aprile, il primo giorno in cui l’ordinanza avrebbe permesso alla polizia locale di far scattare la chiusura e le conseguenti deviazioni su percorsi alternativi la temuta serrata non c’è stata. Il dispositivo rimane però in vigore fino al prossimo martedì, insomma, per l’intero lungo ponte in cui a Venezia è previsto il tutto esaurito non è escluso che scattino le deviazioni. Per scongiurare il pericolo ressa e «tutelare l’incolumità pubblica» il sindaco Luigi Brugnaro ha firmato il 24 aprile l’ordinanza che per la prima volta mira a contenere la calca e indirizzare i turisti su percorsi alternativi con sistemi meccanici. Come previsto questa mattina c’è stato l’assalto dei turisti. Già dalle prime ore è scattato il “tutto esaurito” nei parcheggi privati di Piazzale Roma imponendo la deviazione obbligatoria verso il Tronchetto delle auto provenienti da Mestre.

Due i varchi presidiati dai tornelli: il ponte di Calatrava a Piazzale Roma e quello degli Scalzi ai piedi della Ferrovia. Nel caso di chiusura costringerebbero i turisti ad effettuare un giro più ampio per raggiungere il cuore della città. Via libera invece per i residenti a cui l’accesso è sempre consentito. «Questi tornelli non c’entrano nulla con il controllo dei flussi - hanno ribadito i manifestanti - se questa giunta volesse contenere il turismo di massa avrebbe dovuto iniziare una vera politica per la città e per la residenza».
Show Comments: OR