responsive_m


Gli aguzzini si incontrano sui confini. La barriera costruita nel 2015 sul confine tra l'Ungheria, la Croazia e la Serbia, di cui si vanta oggi il presidente ungherese Viktor Orban. Il sindaco di estrema destra Laszlo Toroczkai si era visto inizialmente rifiutare la richiesta di costruire un muro sullo stile di quello USA-Mexico, ma con l'avvicinarsi delle elezioni ungheresi il presidente nazionalista ordinò infine la costruzione della recinzione. (i.b.)

scritta dai media

DAI MEDIA

venerdì 6 ottobre 2017

Catalogna

Dall’internazionalismo più utopistico siamo giunti al sovranismo locale più sfrenato. Le piccole patrie non sono vissute come elementi di un arcipelago in cui si naviga da isola a isola, ma come fortezze da opporre alle altre, oppure pericolosi elementi di disgregazione (e.s.)
Show Comments: OR